Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


domenica 8 maggio 2011

Rouge Coco Chanel: n°18 "Rouge Noir"

9 comments

Eh si, ammetto che anch'io sono stata vittima della bellissima campagna pubblicitaria di questo rossetto, il canto della Paradis mi ha condotto fino alla profumeria più vicina e l'ho comprato. In realtà non avevo esigenza di un nuovo rossetto, in quanto di solito portavo solo un pò di balsamo labbra o al massimo del gloss, ma le tonalità così calde, raffinate e naturali di questi rossetti, in particolar modo del numero 05 Mademoiselle che è stato il primo che ho comprato, mi ha letteralmente convinta a fare questo acquisto un po’ folle. Confesso che durante il ritorno a casa sono stata presa da notevoli sensi di colpa: è un rossetto molto costoso, ben 27 euro, e mi chiedevo cosa avesse di così speciale, e se era valsa davvero la pena fare una simile spesa per un capriccio, ma ormai lo avevo comprato, non mi rimaneva che testare il mio nuovo acquisto e sperare che non fosse stato solo uno sciantosissimo ma banale rossetto. Beh, vi dico subito che ne sono rimasta così soddisfatta che ormai mi ritengo una vera e propria Rougecocodipendente, e ad intervalli regolari vengo colpita da violentissime crisi di astinenza che mi portano dritta dritta da sephora per comprarne una nova tonalità. Il creatore dei Make up Chanel dice che il Rouge Coco è studiato per far ritrovare alle donne il piacere del rossetto attraverso l'espressione di un classico, eh si ragazze mie, purtroppo (per il mio portafogli) ciò è tragicamente vero.
La caratteristica comune a tutti i rossetti della linea Rouge Coco, sta nella ricerca delle “tinte perfette”, ovvero quelle tonalità di rossetto che rosse, rosate, aranciate o nude che siano, riescono magicamente ad armonizzarsi su qualsiasi viso. È proprio per questo motivo che i fra questi rossetti non troveremo mai i viola, gli arancio neon, i rosa Barbie, i fucsia shocking, e via dicendo, sono tutte tinte satinate dal colore smorzato. Proprio per questo motivo, è stato per me una sorpresa scoprire la tinta di cui oggi voglio parlarvi, cioè il numero 18 “Rouge noir”, che, come vi mostrerò, si tratta di un colore abbastanza particolare, un rosso granata molto scuro che tende al nero, un effetto vagamente dark abbastanza ricorrente sulle passerelle e sulle riviste di moda da circa un anno.

La confezione di questo rossetto è veramente elegante e raffinata, il classico nero e oro di Chanel, con in alto la sigla con la doppia C in bianco. Si racconta che Coco Chanel, amasse le confezioni di cosmetici che alla chiusura emettono un "click", specie per quanto riguarda i rossetti. Così il Rouge Coco ha una confezione studiata appositamente per produrre questo suono, un piccolo lusso che rievoca un pò la storia e la magia di questo personaggio leggendario, e del resto anche i nomi di questi rossetti ricordano la vita della famosa stilista: i suoi viaggi, la sua villa, i suoi successi,  il suo fiore preferito….
Nel tirare fuori lo Stick, subito noterete un delicatissimo odore di Rosa, in quanto la linea cosmetici che Coco Chanel si era fatta ideare su misura aveva questo tipo di profumazione,che era il suo preferito, e devo dire che questo leggero sensore fiorito è molto gradevole sulle labbra, ti da subito l'idea di indossare qualcosa di fine, ricercato.  Magari per chi non ama i cosmetici profumati ciò potrà rappresentare un difetto, per me è invece davvero un punto a vantaggio di questo prodotto, anche perché si tratta di una profumazione lieve che non stucca affatto come accade invece con alcuni gloss e rossetti dal sapore troppo zuccheroso.
Questo rossetto Ha una consistenza estremamente sottile e morbida allo stesso tempo, tanto a durare circa 8 ore senza sbavare o seccare le labbra, è quindi decisamente un prodotto confortevole che non ti costringe a controllare di continuo nello specchio le eventuali screpolature, sbavature, grumi e via dicendo, ha una dunque tenuta impeccabile, tutt'al più, dopo molte ore, tende a sbiadire discretamente, senza lasciare inestetismi, anche se trattandosi di una tinta molto forte è sempre meglio dare un occhiata di tanto in tanto. Ovviamente non è il rossetto adatto per chi ama portare prodotti estremamente morbidi sulle labbra, in quanto come tutti i rossetti che puntano a durare a lungo non può avere una consistenza burrosa, e d’altra parte se vi aspettate che riesca a resistere al caffè, ai crackers, alla sigaretta e ad una giornata di lavoro allora resterete delusi, in quanto pur avendo una durata superiore rispetto ai normali rossetti non è un long lasting, e in questo caso farete bene ad orientarvi verso prodotti di questo tipo. Diciamo che il Rouge Coco è un ottimo compromesso fra il confort e la durata, per chi ha voglia di un prodotto dall’ottima tenuta senza però rinunciare ad una consistenza setosa.
Siccome sono succube delle novità trendy, quando ho visto sulle riviste queste modelle dalla pelle diafana, che sfoggiavano delle labbra estremamente scure mostrando un contrasto forte ma allo stesso tempo raffinato e affascinante, non ho potuto fare a meno di immaginare la sottoscritta con quello stesso look, e ciò ha colpito a tal punto la mia fantasia che mi sono data alla ricerca di un rossetto che fosse di un color granata molto scuro, che ricordasse un pò i toni dell’autunno, oppure quelle dive del cinema d’altri tempi, e che allo stesso tempo mi conferisse un fascino noir, un po’ crepuscolare. Vi dico subito che non è facile trovare un colore simile fra le marche più economiche, ho dato un’occhiata da Kiko, da Essence, da Pupa, Deborah e via dicendo, e pur avendo visto delle tinte di rosso senz’altro scure, nessuna creava l’impatto forte che cercavo. La mia ricerca si è fermata dal momento in cui ho visto che fra i Rouge Coco c’era la tinta che cercavo, e naturalmente l’ho comprata!
La coprenza è molto buona, non è quel classico rossetto che ha lo stick scurissimo e la scrivenza lieve e diluita, e pur essendo una tinta molto forte dato che tende più al marrone che al viola non crea quello sgradevole effetto giallognolo alla dentatura. A mio avviso è possibile applicarlo in diversi modi, a seconda del risultato che si vuole ottenere:
-          La prima maniera è quella classica, cioè un applicazione diretta dallo stick dopo aver contornato le labbra con una matita dello stesso colore. In questo modo otterrete un colore forte e intenso, senz’altro portabile, ma non tanto per la scuola o per il lavoro, più per un aperitivo con gli amici
-          Un’alternativa può essere quella di applicare il rossetto picchiettandolo con le dita. In questo caso otterrete una colorazione “acquerellata”, quindi decisamente diluita e portabile in qualsiasi occasione. Come si nota dall’immagine le labbra perdono quell’effetto diva anni venti e acquisiscono un color melograno molto gradevole e abbastanza naturale.
-          Un ultima variante, è quella di utilizzare questo rossetto con un gloss. Io l’ho provato con il gloss nero glitterato della Collistar (ne fanno uno simile anche Pupa e Lancome) e l’effetto è veramente gotico, per delle labbra che non passeranno inosservate!
Quindi è un colore che a suo modo riesce ad essere versatile, che nonostante il suo tono un po’ cupo riesce a dare al volto un aura di fascino e mistero con eleganza, ma non mi sento di raccomandarlo a chi ha le labbra particolarmente sottili, temo che una tinta così forte possa renderle otticamente ancora più fini, ma questo è solo la mia personalissima opinione, d’altro canto sono dell’idea che nel mondo del make up è sempre meglio sperimentare.

Il costo è decisamente alto, circa 27 euro, ma a mio avviso fra i vari rossetti di alta profumeria è sicuramente fra quelli che vale la pena provare, tra l’altro se evitate le grandi catene (tipo Sephora, La Gardenia, Limoni, Douglas ecc) e cercate un po’ fra le piccole profumerie di paese è possibile trovarlo anche a 24 o 25 euro, tanto lo si trova comunemente in tutti gli scaffali Chanel, che come già saprete è un marchio reperibile in quasi tutte le profumeria. Se qualcuno intende comprare una tinta simile risparmiando qualche euro può senz’altro provare Il Film Noir, il Media e l’Hung-Up di Mac, che sono abbastanza simili anche se tendono un po’ più al marrone.
Il mio voto è 9. Ottima qualità, ottima tenuta, bellissimo il colore e il packaging, ma a mio avviso i prezzi dei cosmetici di alta profumeria superano i limiti della logica, un rossetto che costa 27€ è davvero troppo caro, e per questo tolgo un punto a quello che sarebbe stato un bel 10 e lode, tra l’altro c’è da considerare che una tinta così scura è difficile da applicare senza l’uso di una matita abbinata, e trattandosi di una tinta poco comune è naturale che non sia del tutto immediato trovare una matita economica che si avvicini molto al colore di questo rossetto, e dunque si finisce col comprare la matita abbinata di Chanel (che porta lo stesso nome, Rouge Noir) che costa ben 20€. Insomma bello si, ma quanto mi costi….?

Commenta con Facebook:

9 commenti :

  1. il colore è splendido, la mia variante preferita è con il gloss nero. sono sempre stata affascinata dallo stile gotico e questo rossetto mi ricorda moltissimo le dive anni '20 nelle pellicole in bianco e nero, con la pelle diafana. ottimo acquisto anche se come dici tu il prezzo non è proprio alla portata di tutte!

    RispondiElimina
  2. Guarda, sephora ne fa uno quasi identico, e la qualità mi sembra buona. Se ti va di provare un rossetto scuro senza spendere molto te lo consiglio!

    RispondiElimina
  3. Devo dire che lo trovo davvero molto, molto bello. Però onestamente non lo metterei, mi piace vederlo sulla altre ma su di me non ce lo vedo un colore così "estremo". Però l'effetto diva anni 20' lo trovo fantastico e molto elegante! =D

    RispondiElimina
  4. Semplicemente stupendo! Passerò da Sephora a confrontare i due rossetti... avendo le labbra piuttosto sottili non spenderei volentieri 30 euro per un rossetto che potrebbe non starmi bene!

    RispondiElimina
  5. Ma no Des, a me pare che tu abbia delle belle labbra sagomate, secondo me i rossetti scuri ti stanno molto bene ^_^

    RispondiElimina
  6. Il colore è molto interessante, complimenti per le foto molto accurate, e anche per le labbra! Su di te sembra un colore molto portabile, hai stuzzicato la mia curiosità nei confronti di questi rossetti...

    RispondiElimina
  7. Grazie per i complimenti *___*
    Comunque è un colore portabile in effetti, solo bisogna fare attenzione a come si truccano occhi e viso, per non appesantire tutto

    RispondiElimina
  8. io non lo porterei mai anche perchè mi piacciono i trucchi a bambolina per questo sono tentata di provare rouge coco shine in boy
    http://4.bp.blogspot.com/-kaY4wuU1YB0/TVrEcBtnJvI/AAAAAAAAGbo/ddd8xlHmo6o/s1600/Chanel%2BBoy.JPG
    guardatelo e ditemi se non è bellissimo!*____*
    ciao girlzzz

    RispondiElimina
  9. Si anche a me piace il Boy, ma sulle labbra dura pochissimo e non ci spenderei 30€, soprattutto considerando che in giro ce ne sono alcuni identici, come il nuovo di Kiko, presto posterò le immagini.

    RispondiElimina