Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


domenica 29 maggio 2011

LE ICONE DI BELLEZZA: Truccarsi come Kim Kardashian

14 comments
Bella, morbida, sensuale e uno sguardo mozzafiato. Di chi stiamo parlando? Di Kim Kardashian naturalmente! Adoro questa donna perchè mentre ad Hollywood tutte puntano a diventare donne-grissino lei è fiera delle sue curve burrose, e mentre va di moda un make-up minimal lei continua a marcare i suoi occhioni creando un look personale e inconfondibile. Kim è davvero un icona di bellezza e di make-up.
Naturalmente si tratta di un look un pò forte, adatto soprattutto per la sera e che si addice di più alle more, ma credo che un make-up con il suo può rendere speciale un semplicissimo tubino nero: per le occasioni speciali sarete perfette!
Il trucco di Kim ruota intorno a quattro prodotti fondamentali: Kajal, Eyeliner, Mascara, Rossetto Nude.  E su questo tema fa diverse variazioni, cambiando il tono dell'ombretto, lo spessore della linea di eyeliner/matita, e in casi particolari sostituisce il rossetto nude con uno rosso vivo.
Nella foto che introduce il post lei porta il suo più classcio look, proviamo ad osservarlo meglio
- dopo aver applicato la classica base fondotinta-correttore, Kim ha ravvivato le sue guance con del blush color corallo come il Coralista di Benefit, evidenziando l'osso dello zigomo con un leggerissimo tocco di terra. La cipria che ha usato non è del tutto opaca, ma ha qualche particella che riflette una luce dorata, come  Les Meteorites Perles di Guerlain.
- Per evidenziare lo sguardo, ha usato un Kajal nero nella riga interna dell'occhio, e ne ha messo un pò anche lungo la riga delle ciglia inferiori, però sfumandola con un pennello, uno sfumino o un cotton fioc. Badate che il kajal sia di un nero intenso e che abbia una buona durata.
- Sulla palpebra mobile usate un ombretto talpa medio/scuro, cioè un colore a metà strada fra il grigio e il marrone, come il Copperplate di Mac, sfumatene un pochino anche nella piega.
- Completate con una bella riga di eyeliner nero
- Tanto mascara volumizzante, sia sulle ciglia superiri che inferiori, se avete delle ciglia finte a ciuffetti verrà ancora meglio.
- Sulle labbra ha usato un rossetto nude parecchio coprente, come il Fleshpot di Mac, applicandoci sopra del gloss trasparente o sempre nude.

Vediamo adesso una delle varianti portate da Kim:
Qui il trucco è praticamente identico a quello precedente, solo che la linea di eyeliner diventa più sottile, e al posto dell'ombretto marrone ne usa uno blu/violaceo tendente al grigio, come il Contrast di Mac. Notate come il blu scuro fa risaltare il suo iride marrone, che sembra quasi brillare di una luce rossa, è un buon esempio da copiare per tutte le ragazze che hanno gli occhi marrone scuro come lei. E' significativo come Kim, anche quando usa ombretti colorati, non sceglie mai colori troppo brillanti o vivaci, perchè è consapevole che l'ombretto finirebbe per risaltare più dei suoi occhi, per questo sceglie delle mezze tinte, che in modo discreto illuminano il suo sguardo.

Qui il trucco si fa un pò più pesante, ma allo stesso tempo si ammoridisce: Sostituisce l'eyeliner con la matita nera sfumandola, e la riga lungo le ciglia inferiore si fa più doppia, sfumandola con dell'ombretto color marrone cioccolato, che è lo stesso ombretto che porta sulla palpebra mobile e nella piega, è un marrone caldo satinato come il Brown Down di Mac, sfumato nell'angolo con un beige perlato come il Vex di Mac, la base è le labbra sono uguali al make-up precedente.

Questa è una variante più rara: Kim sostituisce il rossetto Nude con un rosso fiammante lucido, come il Dragon di Chanel. Dato che ha messo molto in evidenza le labbra alleggerisce un pù il trucco sugli occhi: matita avorio nella riga interna, eyeliner nero lungo le ciglia inferiori e mascara. Al suo posto avrei alleggerito anche il blush, ma io la trovo elegantissima lo stesso.
 Ecco una galleria di prodotti consigliati, naturalmente ve li mostro a titolo di esempio e potrete tranquillamente cercarne dei "cloni" più economici se desiderate

Spero di riuscire regolarmente a postare sulle icone di bellezza, avete qualche diva da suggerirmi? Vi accontenterò quanto prima ^_^
Continua...


sabato 28 maggio 2011

SLEEK ACID PALETTE

8 comments

Finalmente (dopo oltre due settimane di attesa) è arrivata la Acid Palette della Sleek che avevo ordinato da Ebay, dato che le Sephora della mia città non vendono più prodotti Sleek da almeno un anno. Come potete vedere dalla foto si tratta di ombretti molto sgargianti e particolari, e credo si possano fare molti make-up fantasiosi perfetti per l'estate. Però uno degli aspetti che non mi aveva convinta subito a comprarla è il fatto che su 12 cialde solo 4 sono realmente dei colori “acid”, gli altri non sono brutti, anzi, solo che sono totalmente fuori tema. 

Le quattro cialdine centrali sono composte da Giallo, Arancione, Fucsia e Verde neon opachi, e questo sono in assoluto i colori più acidi e brillanti della palette, nonché i più originali. 

Ora andando a sinistra, abbiamo un altro gruppo di quattro cialde: Magenta opaco, Bianco Opaco, Viola opaco, Verde prato opaco. Di queste quattro cialdine solo quella Magenta è abbastanza sgargiante da poterla considerare un colore acido, mentre il Viola resta un colore abbastanza “normale”, mentre il verde prato, per quanto sia molto bello, è un colore abbastanza smorzato, molto pigmentato ma poco brillante.

Il gruppo delle quattro cialde di destra è formato invece da: Blu perlato, Azzurro perlato (molto simili fra loro), Grigio scuro perlato e Nero opaco. Questo è il gruppo che mi lascia più perplessa, in quanto i due blu sono molto simili fra loro, e forse avrebbe avuto più senso se almeno uno dei due fosse stato opaco, e se uno dei due blu fosse stato un bell’azzurro chiaro e brillante, invece si tratta di due colori molto carichi, ma un po’ scuri. Il grigio poi è assolutamente fuori tema.

Per quanto riguarda la qualità, il discorso cambia a seconda delle cialde. Nel gruppo di destra (le cialde blu, grigia e nera) sono tutte molto pigmentate e hanno una consistenza buona, piacevole al tatto e semplice da maneggiare, aderisce bene alla palpebra senza svolazzare via, e la copertura è netta anche con un'unica passata di colore. Discorso simile vale anche per il gruppo delle quattro cialde di sinistra: il rosa e il verde hanno un bel colore pieno, il viola, essendo molto opaco è un po’ più polveroso, decisamente poco scrivente è invece il bianco, è la cialda più deludente della palette. Per quanto riguarda il gruppo centrale, ovvero le cialdine neon vere e proprie, c’è da dire che sono veramente molto pigmentate, ma un po’ polverose e hanno una stesura disomogenea. Il mio consiglio, per farle risaltare al massimo questi colori chiari e brillanti, è di stendere un primer bianco (se non lo avete va bene anche un normale primer e della matita bianca) in modo che il colore venga esaltato al massimo delle potenzialità. Vi assicuro che l’effetto è davvero fantastico, questa palette da modo di giocare molto con il make-up, infatti è possibile sia usare un'unica sfumatura di colore per un look molto colorato ma semplice, oppure chi vuole osare può sfumare tutte e quattro le cialde neon per un look veramente fuori dal comune, bellissimo per andare a ballare. Se invece vi piacciono i trucchi più sobri, potete anche fare una passata di grigio o marrone sulla palpebra mobile, e poi utilizzare uno degli ombretti per creare una riga lungo le ciglia, come se fosse un eyeliner super luminoso, l’effetto sarà sobrio ma con un tocco di fantasia.
Ecco una tabella valutativa del prodotto partendo da 0 a 5, cercando di fare una media generale visto che non tutte le cialde hanno la stessa qualità:


PIGMENTAZIONE                                4
SETOSITA'                                             2
COPRENZA                                            3
SFUMABILITA'                                      4
DURATA                                                 4
ORIGINALITA'                                       5
RAPORTO QUALITA' PREZZO            5
GIUDIZIO COMPLESSIVO               BUONO


Io sono dell’idea che chi è appassionata di Make-up non può farsi sfuggire questa simpatica palette, che nonostante i piccoli difetti che ho elencato è senz’altro molto valida, soprattutto se rapportata la prezzo: l’ho comprata su Ebay per 10€, spese di spedizione incluse. Naturalmente per chi ama i make-up naturali non è proprio adatta, ma la Sleek oltre a questa fa molte altre palettine, più o meno sobrie, insomma è un marchio che ne ha per tutti i gusti ^_^
Continua...

venerdì 27 maggio 2011

ALCHIMIE DI BELLEZZA: COME RECUPERARE I VOSTRI TRUCCHI

2 comments

Ciao ragazze, questo mese sono in bolletta XD e una sciagura si è scagliata su di me: mi si è seccato il mascara! ma chissà perché non dura mai più di un mese. Facendo alcune ricerche ho capito che la brevità della sua durata è dovuta al fatto che la maggior parte del prodotto si fissa sul fondo ed è sempre un'impresa riuscire a recuperarlo. E perciò la carenza di fondi e l'assoluta necessità di usarlo mi ha spinto a trovare un rimedio per recuperare il mio povero mascara. Quindi vi consiglio di inserire nel tubetto poche gocce di olio di ricino e agitare il più possibile.
Oltre a fluidificare il mascara, idraterà anche le ciglia.. come dire two is meglio che one ;)
Vietatissimo invece è scaldare la confezione. Il risultato è l'opposto è vi ritroverete un mascara duro e secco. Praticamente inutilizzabile. Se i  vostri problemi di make up non si fermano al mascara  e interessano anche le ciprie, gli ombretti, i fard e tutto ciò che è in polvere; Se vi sembrano induriti, opachi e non più degni del vostro viso; Semplicemente è colpa dell'umidità e per eliminarla basta inserire nelle rispettive confezioni un paio di chicchi di riso che hanno lo scopo di eliminare l'umidità in eccesso. Singolare no?
Dulcis in fundo ho trovato un rimedio per ricompattare ombretti, blush e quant'altro voi maldestre come me avete potuto frantumare in mille pezzi!. L' ho usato questo inverno quando mi è caduto per terra il mio adorato blush della Collistar. Tutta colpa del mio fidanzato o meglio della fretta XD . Visto che non ho la bacchetta magica e non si può riportare indietro il tempo, ho usato un metodo preso dal canale di Clio make up (questo è il video) Comunque questo è l' occorrente:
                     Foglio di carta velina
                     Foglio di carta forno
                     Piccolo recipiente dove versare il prodotto
                     una spatolina per mischiare
                     Alcool denaturato ( quello rosa)

Allora per prima cosa prendete tutto il prodotto sbriciolato e mettetelo su un foglio di carta velina che poi piegherete a metà,tipo pacchetto,e con qualcosa di pesante (senza esagerare) pestate il contenuto per ridurre tutto in polvere. Una volta fatto ciò lo potete travasare nel piccolo recipiente tipo vasetto di crema vuoto.
A questo punto prendete l'alcool e a poche gocce alla volta versatelo nel recipiente, mescolate il tutto con una spatolina fino ad ottenere un composto cremoso ma non troppo morbido,basta che vi rendiate conto che non c'è polvere libera ma è stata tutta inglobata in questa specie di pappetta. Ora riprendete la cialdina che conteneva il prodotto e traferiteci la pappetta, stendetela meglio che potete con la spatolina. Poi prendete la carta forno e premetela sulla cialdina, dopo di che pressate al meglio il prodotto per eliminare eventuali vuoti d'aria ( usate una moneta se la confezione è rotonda XD ) Infine togliete la carta e livellate con le dita il prodotto; Ora non dovrete fare altro che lasciare la cialdina all'aria e aspettare che l'alcool evapori del tutto,ci vorranno circa 24h.
L' unico contro può essere che si senta troppo l 'odore dell'alcool , per questo vi consiglio di alleggerire la soluzione con l'acqua. Beh vi dico che dopo che sarà tutto ricompattato penserete davvero di possedere la bacchetta magica!
Carmen
Continua...

Come scegliere il Mascara

4 comments

Il mascara è uno strumento di bellezza indispensabile nel Beauty di una donna, perché nessun’altro cosmetico riesce così efficacemente ad esaltare lo sguardo: Aumenta la lunghezza e il volume delle ciglia, quindi l’occhio sembra concretamente più grande, inoltre scurendo le ciglia si esalta il bianco della cornea e il colore dell’iride, così lo sguardo acquisisce intensità e profondità. Infine il mascara allinea e incurva le ciglia, dando quindi agli occhi un aspetto più curato e ordinato. Se non avete molto tempo per truccarvi potete rinunciare all’ombretto o alla matita, ma non al mascara perché nessun make-up riesce bene se non valorizzate le ciglia. Se ad esempio fate una bella riga di eyeliner o di matita, per contrasto le vostre ciglia risulteranno chiare e sfolte, e lo sguardo sarà poco intenso. Immaginate invece se fate una bella sfumatura di ombretti con un morbido chiaroscuro, senza mascara avrete fatto tanta fatica per nulla perché avrete curato tanto la palpebra ma per nulla le ciglia, con la conseguenza che il vostro trucco risulti incompleto e impreciso.
Quindi esorto tutte le donne a non dimenticare mai di mettere il mascara, tanto è semplicissimo da applicare e impiega al massimo tre minuti: partire dalla radice, e con un movimento a zig-zag. arrivare fino alle punte, ripetendo l'operazione fino ad ottenere l'effetto desiderato. Nel caso non dovesse piacervi l’impatto forte del nero vi sono in commercio molte tipologie di mascara più “leggeri” , magari di quelli che tendono al marrone e dunque conferiscono un effetto naturale, ma non esistono scuse: Una donna che vuole truccarsi non può fare a meno del mascara.

Il problema più frequente per le donne che vogliono iniziare ad usare il mascara è quello di riuscire ad individuare quello giusto fra tante tipologia diverse. Sento spesso di ragazze che non sanno come valorizzare le loro ciglia, o che si lamentano di alcuni mascara giudicandoli scadenti, quando magari sono semplicemente inadatti alle loro esigenze. Quindi adesso faccio una piccola carrellata delle più comuni tipologie di mascara, cercando di evidenziare i pregi e i difetti di ognuno e in quali casi risultano più indicati.

MASCARA VOLUMIZZANTE.
Sono detti in questo modo quelle tipologie di mascara particolarmente adatti alle ciglia sfolte e sottili, e hanno bisogno di un prodotto che faccia sembrare le loro ciglia più grosse e folte. Solitamente questi mascara si riconoscono dallo scovolino grosso con le setole molto fitte, in modo da raccogliere le ciglia tutte insieme e quindi evitando di separarle troppo fra di loro (cosa che potrebbe farle apparire meno folte).  A titolo di esempio vi mostro due dei più famosi mascara volumizzanti, che sono il Dior Show e il Bad Gal di Benefit, ma esistono molti mascara meno costosi che sono simili a questi, li riconoscerete guardando lo scovolino grosso e fitto.

Diorshow di Dior, 26€
Bad Gal di Benefit, 22€





MASCARA ALLUNGANTE/ CIGLIA DEFINITE.
Questa tipologia di mascara è utile soprattutto per chi ha ciglia già abbastanza folte di natura, ma corte e magari un po’ crespe, che faticano a prendere una curva e una forma ben precisa. Questi mascara hanno solitamente uno scovolino abbastanza sottile con le setole più rade, spesso in plastica come il Chanel Inimitable, che grazie ai denti in plastica riesce a raccogliere le ciglia una ad una, per allungarla e separarla dalle altre. Per chi ama invece le setole tradizionali, potrà scegliere quelli con lo scovolino molto sottile come il Lancome Definicils, che altre ad essere molto sottile  e preciso, ha delle setole che ruotano a spirale, ottimo insomma per dare la curva. Un mascara un po’ meno costoso ma che a mio avviso non ha nulla da invidiare agli altri, è il Mascara Infinito di Collistar, che ha delle setole in plastica abbastanza corte ma che al centro dello scovolino presenta una riga di setole più lunghe, una sorta di pettinino, che allunga, definisce e da una curva veramente ottima!
Inimitable di Chanel, 26€

Definicils di Lancome, 24€

Mascara Infinito di Collistar, 17€

MASCARA IBRIDO
È il classico mascara tutto fare: Un po’ volumizza, un po’ allunga, un po’ definisce. E’ il prodotto ideale per chi non ha particolari esigenze e soprattutto per coloro che non amano perdere tempo con piegaciglia, top coat, pettinini e quant’altro.  Uno particolarmente famoso è il Singulier di YSL, che ha uno scovolino di medio con le setole a spirale, oppure il Virtuous di Lancome, che ha la forma a mezzaluna per curvare tutte le ciglia. Fra i prodotti un po’ meno costosi vi sono il Mascara Design di Collistar, che ha uno scovolino di dimensioni medie e setole non troppo fitte, che ruotano per facilitare la curvatura, e il Voluminous di L’Oreal, che nasce come un mascara volumizzante ma avendo uno scovolino abbastanza piccolo riesce ad allungare abbastanza bene.
Mascara Design Collistar, 17€
Singulier di Yves Saint Laurent, 26€

Virtuose di Lancome, 26€

Voluminous di L'Oreal, 10€

TOP COAT E ARNESI VARI
Ultimamente si trovano in giro un gran numero di mascara top coat, cioè una tipologia di mascara che va usato come aggiunta finale sulla base di un altro mascara. Esistono numerose tipologie, e la Kiko ha ultimamente lanciato una linea di questi prodotti, fra i quali il classico Kiko Volume Top Coat Mascara, che ha uno scovolino piccolo e largo, appositamente studiato per andare a volumizzare piccole ciocche di ciglia alla volta, in modo da non creare un effetto troppo crespo o falso. Se invece cercate un top Per allungare e definire, io vi consiglio il Rimmel lashmaxxx, che in realtà è un mascara a tutti gli effetti ma che io uso solo come top. Esso ha la forma di un vero e proprio pettine, e riesce a raccogliere le ciglia una ad una in maniera sorprendente! Ho visto che anche Inglot ne ha fatto uno simile, appena apriranno il negozio di Roma credo che andrò a dargli un’occhiata.
Volume Top Coat Mascara di Kiko, 7,20€


Inglot, Perfect Length & Define Mascara, circa 25€


Lash maxxx di Rimmel, circa 9€

Poi non dimentichiamo il più classico degli strumenti di tortura, il Piegaciglia, che in realtà risulta molto utile specie per chi, come me, al mattino si sveglia con le ciglia schiacciate, ma mi raccomando di usarlo prima di mettere il mascara e non dopo. Una novità molto carina che ho trovato da Sephora è questo arnese che vedete in foto, serve ad applicare il mascara senza sporcare la palpebra. In realtà sotto questo aspetto è un fallimento, perché mentre lo impugnate parte delle ciglia vengono nascoste dal pettine, così non potrete mettere il mascara su tutta la lunghezza e ciò è abbastanza importante: se non si parte dalle radici le ciglia rimangono dritte, e appesantendo le punte ci ritroveremo durante il giorno con delle ciglia cadenti! Tuttavia io l’ho trovato molto utile come pettine per le ciglia, in modo da eliminare i grumi che a volte un mascara un po’ secco può lasciare.
Lash amplifier di Sephora, 3.90€

Naturalmente c’è da specificare che un mascara non può eccellere in tutto, quindi si tratta di dover scegliere fra ciglia più voluminose o più lunghe e definite, perché solitamente i mascara volumizzanti non allungano moltissimo e soprattutto non separano le ciglia, mentre i mascara allunganti non danno volume.  I mascara ibridi spesso risultano insufficienti soprattutto per chi ha esigenze particolariIo solitamente preferisco fare due passate con un mascara diverso ciascuno: Prima un volumizzante (tipo Diorshow), e poi un top coat per la lunghezza e la definizione (il Rimmel lashmaxxx), mentre al mattino se vado di fretta preferisco un buon ibrido come il singulier di YSL.

Spero i miei consigli possano tornarvi utili, un bacione :*
Annalisa e Carmen
Continua...

mercoledì 25 maggio 2011

Di ritorno da Roma...

3 comments
Dopo cinque giorni fantastici passati a Roma, insieme al mio ragazzo, Fabio ed Emanuela (i miei cognatini che ci hanno ospitati) purtroppo sono tornata a casa :(   Dico purtroppo non solo perchè mi tocca tornare a studiare, ma soprattutto perchè Roma è STUPENDA  e già mi manca da morire! Io e il mio ragazzo speriamo di riuscire a costruire il nostro futuro nella capitale, e anche se io amo la mia città (Napoli) devo ammettere che da noi si vive male, e finchè le cose non cominceranno a cambiare credo che purtroppo sempre più persone lasceranno questa che fino a soli 150 anni fa era la capitale di un regno, ora è solo una grande discarica all'apero.
Beh, lasciamo perdere questi discorsi ammorbanti, e parliamo invece di alcune belle cosine che ho comprato *___*

Innanzitutto sono stata al Mac Pro Store, e mi sono fatta una bella palettina da quattro ombretti, scegliendo 3 colori neutri e uno un pò più accentrico:

Blanc Type: Un color avorio dalla finitura Mat superpigmentato, ottimo sia per un look nude, sia per creare sfumature più chiare con altri colori
Vex: Un beige perlato con alcuni riflessi argentati. Anche questo è adatto per un trucco naturale o per creare dei punti luce in uno smokey eyes
Copperplate: Marrone freddo, che tende al grigio, un color talpa insomma. Ha la finitura Mat e anche questo è davvero molto pigmentato.
Aqua: questo è l'unico tocco di colore della palettina. Si tratta di un celestino/verde acqua molto chiaro e luminoso. E' opaco e ha una bella pigmentazione, anche se io preferisco usarlo con una base di matita bianca o celeste, per intensificarne l'effetto.
Dall'alto a sinistra: Blanc Type, Vex, Aqua, Copperplate.

Durante questo mio soggiorno romano ho avuto modo di testarli un pò tutti, ma soprattutto Copperplate e Aqua, e devo dire che mi hanno davvero soddisfatta in quanto li ho indossati di mattina e la sera erano ancora perfettamente intatti, nonostante io abbia camminato a lungo, preso il sole, sudato, e infine ho beccato anche la pioggia!

Poi ho visto musei, ho fatto tanti regalini, e nell'ultimo giorno il mio portafogli ormai piangeva, sono stata nello store Camomilla di Via Del Corso e ho visto un mare di cose bellissime, così ho impiegato gli ultimi spiccioli per comprare questi orecchini con foglie, fiori e fragole. Non sono carinissimi?
Orecchini Camomilla, 14,50€

Poi però, sempre da Camomilla, ho visto qualcosa di veramente stupendo! Si tratta di una borsa della linea Pretty Hello Kitty, che si rifà al modello vintage Chanel (che ora va tantissimo), e io la trovo bellissima perchè è fine, elegante, ma con un pizzico di ironia :D

Borsa Camomilla, linea Pretty Hello Kitty, 70€

Io non avevo più soldini, ma il mio amore è stato così dolce da regalarmela *_____*
Ho fatto qualche foto per mostrarvela meglio:




E con questo è tutto, un bacione ^_^
Continua...

venerdì 20 maggio 2011

Due premi da condividere ^_^

20 comments
 
Ringrazio di cuore DivineRainbowDany per i premi! e' bello sapere che ci sono persone che mi apprezzano, nonostante ho cominciato da pochissimo ^_^
Iniziamo dal secondo premio, che prevede le seguenti regole:
-Dedicare un post con il premio ricevuto mettendo il link della persona che ci ha premiato.
-Scegliere da 3 a 5 blog che si seguono e che abbiamo meno di 100 Follower.
-Avvisare le persone premiate.

Ecco i blog da me premiati:

Invece per il primo premio le regole erano ringraziare e passarlo ad altre 15 blogger, e raccontare 7 cose su di te, ecco le blogger che premio:

Ed ecco i sette fatti su di me:
- Scrivo di Make-up, ma in realtà io adoro i profumi! Mi piacciono tutti, mi piacerebbe averne delle mensole piene, ne ho già tanti eppure non mi bastano mai :( Volete farmi un regalo? regalatemi un buon profumo :D

- Sono una bionda tinta da quando avevo 14 anni. Una notte sognai di farmi la shampoo, e mentre li lavavo i miei capelli diventavano biondi. Rimasi così colpita che andai subito a cercare uno schiarente, e da allora sono stata sempre bionda, ormai non riesco ad immaginarmi con il mio colore naturale, sono bionda nell'anima XD

- Mi interrogo spesso sul senso della vita, e forse per questo adoro l'arte antica e moderna. L'arte per me è un eredità collettiva che ci aiuta a esorcizzare la morte, ed è forse per questo che visitare chiese e musei mi da una sensazione di serenità e di pace interiore.

- Non ho più amiche da qualche anno. Sono rimasta così delusa che non credo più nell'amicizia. Il mio ragazzo è il mio vero amico: mi porta a fare shopping, mi da i consigli sul make-up, e guarda le puntate di Sailor Moon insieme a me, è l'unica persona che mi capisce e col quale posso confidarmi.

- Dicono tutti che sono forte e ho un carattere duro, ma com'è che mi struggo davanti ai vecchi film Disney? C'è qualcosa che non torna....

- Amo tantissimo gli animali, soprattutto i gatti, un tempo pensavo che sarei diventata una vecchia zitella con una casa piena di gatti XD

- Ho letto i promessi sposi 2 volte. Chiamatemi pure matta, ma a me piace u.u

Con questo vi saluto, ci risentiamo Mercoledì, vado a stare a Roma per qualche giorno. Un bacione :*
Annalisa


Continua...


giovedì 19 maggio 2011

ALCHIMIE DI BELLEZZA: quando il grasso non è solo una questione di ciccia!

2 comments

 Dei tanti problemi che affliggono i capelli posso dire, per esperienza personale, che i capelli grassi sono uno dei problemi più difficili da risolvere. Questo tipo di capello si caratterizza per la sua mancanza di volume ed il suo aspetto che risulta spesso sporco e trascurato, nonostante vengano lavati e curati regolarmente.
L’eccesso di sebo secreto dal cuoio capelluto non dipende dal personale livello di pulizia, ma è piuttosto legato a cause genetiche, ormonali ( lì solitamente è collegato con un episodi di acne e per questo è meglio rivolgersi ad un dermatologo) o  di stagione (d’inverno ad esempio aumenta la produzione di sebo per il freddo). Sapete anche la pillola contraccettiva a volte può causare questo disturbo e in questo caso basterà cambiare tipologia di pillola e inoltre come in tutte le cose, l’alimentazione influisce sulla secrezione di sebo (cibi grassi e fritture appesantiscono il fegato e anche i nostri capelli).
Il paradosso è che l’accumulo di grasso obbliga a lavare i capelli molto frequentemente ma questo non farà altro che produrre l’effetto opposto e cioè che i capelli si ingrassino molto più velocemente, tuttavia  per chi hai capelli grassi lavarli frequentemente è assolutamente necessario poichè il sebo soffoca il cuoio capelluto facilitando la perdita dei capelli, senza contare che non è certo buona educazione presentarsi a scuola o in ufficio con una testa unta....ciò che va assolutamente evitato è di massaggiare il cuoio capelluto con troppo vigore in quanto così facendo ecciteremo i pori incitandoli a produrre più sebo.  Oggi esistono shampoo che controllano il grasso senza danneggiare il cuoio capelluto; per esempio shampoo all'ortica, all'argilla o addirittura al catrame! Con un buon shampoo, magari privo di siliconi, è possibile ritardare l'accumolo di sebo di circa 12 ore, che sono già una conquista.

La lucentezza che si ottiene dopo aver lavato questo tipo di capello è il principale vantaggio di ha i capelli grassi; tuttavia è un vantaggio apparente poichè le persone sanno bene che questa situazione durerà per molto poco tempo. Mi capita spesso infatti che già il giorno dopo lo shampoo non ci sia più volume e siano già un po' unticci! Un altro aspetto negativo (il peggiore direi) di questa tipologia di capelli è la propensione alla caduta prematura, per questo motivo occorre subito trovare una soluzione al problema onde evitare che peggiori nel tempo; cercare di  ridurre lo stress e seguire una dieta equilibrata, ricca di nutrienti essenziali è il primo passo da compiere; in tutti i casi conviene sempre rivolgersi ad uno specialista che saprà certamente identificare il tipo di causa della vostra caduta di capelli e vi consiglierà la strada migliore da intraprendere (per il vostro specifico caso).
Oltre quindi a lavare i capelli con uno shampoo astringente, fare attenzione nello spazzolare i capelli ( è consigliabile spazzolare i capelli molto delicatamente e il minor numero di volte possibile) in quanto spazzole e pettini trascinano il sebo dal cuoio lungo i capelli, e può essere utile risciacquare con acqua fredda perchè il cambiamento di temperatura riduce la stimolazione delle ghiandole sebacee.

Sulla scia dei rimedi della nonna per i capelli secchi del precedente post, ho trovato alcuni rimedi a costo zero e poco impegnativi =)
Prima del solito lavaggio, frizionare delicatamente il cuoio capelluto con un batuffolo imbevuto di aceto che ristabilisce il ph o con del sale grosso a vivo (assorbe i grassi); oppure potete sciogliere due cucchiai, da minestra, di sale grosso in un litro d'acqua bollente lasciatelo raffreddare e poi passatelo sui capelli lavati prima dell'ultimo risciacquo. A pensarci bene è vero! Al mare i capelli vanno sempre lavati, dopo il bagno, con acqua dolce per evitare che diventino troppo secchi e aridi.

Infine vi propongo un rimedio "d'emergenza" (in caso non possiate fare lo shampoo) che mi ha davvero stupita, cioè lo shampoo a secco con del borotalco senza profumazione. Basta spolverarne una certa quantità sul cuoio capelluto e spazzolare i capelli in tutti i versi fino alla completa rimozione del borotalco. La polvere asciugherà il capello, portando via l’eccesso di sebo e restituendo un aspetto da capello appena lavato.
Inoltre per cercare di mascherare lo sporco , per cercare di non fare lo shampoo troppo frequentemente, un metodo può essere legarli con uno chignon o una treccia, magari fissandoli ulteriormente con un pò di schiuma.
Lo so amiche che è davvero un problema fastidioso e che spesso può causare anche dei problemi più complessi, specialmente nelle ragazze davvero giovani =) ma non rammaricatevi! Seguendo questi piccoli consigli è possibile arginare un pò la situazione, per capelli puliti un pò più a lungo.
A presto, Carmen
Continua...

lunedì 16 maggio 2011

Ombretto Doppio Effetto Wet&Dry Collistar

10 comments

La Collistar è una marca che mi piace tantissimo, e in passato ho comprato prodotti che mi hanno davvero entusiasmata, come gli ombretti effetto seta, i maxi fard, i super gloss, alcuni rossetti, le matite e tutti i mascara. Tuttavia, come tutte le marche, ogni tanto toppa, solo che non riesco a capire come mai prodotti che io ritenevo validi (come i pigmenti) sono ormai fuori produzione, mentre altri che andrebbero quanto meno modificati nella formula restano lì invariati ormai da anni, come il Gloss Design  e gli Ombretti Cotto Wet&Dry, dei quali ve ne parlerò in questa recensione. Nonostante mi avevano sempre molto attratta non avevo mai provato questi ombretti, finche mia sorella per il compleanno me ne ha regalati quattro: il n°3 ROSA AURORA; il n°4 BEIGE ROSATO; il n°20 OLOGRAMMA; il n° 22 ORO-ARGENTO. Devo dire che mia sorella ha saputo scegliere molto bene, tenendo presente il mio gusto personale, ma d’altra parte era difficile sbagliare visto che in realtà tutte le tinte di questa linea di ombretti sono davvero belle, peccato però che l’effetto finale è ben diverso da quello che mi aspettavo.


Il packaging è molto semplice è carino: un astuccio rotondo bianco e dorato, con una trasparenza al centro che lascia intravedere il prodotto. All’interno vi si trova una cialda a forma di mezza luna abbastanza grossa e spessa, e un piccolo applicatore in spugna dalla forma ricurva parecchio scomodo da utilizzare, ma a mio ciò non è importante visto che io ho i miei pennelli e uso quelli per truccarmi, non gli applicatori in omaggio.
Ora vado ad analizzare singolarmente i colori che possiedo, cercando di fare un bilancio fra i pregi e i difetti di ognuno.
ROSA AURORA: come s’intuisce dal nome si tratta di un rosa tenue, con all’interno delle pagliuzze dorate e delle venature di rosa un po’ più intense, tendenti al fucsia. Il colore sembrava davvero stupendo dalla cialda, ma una volta applicato si è rivelato invece abbastanza banale: un bianco leggermente rosato con i glitter, molto lieve e decisamente poco coprente. Ho provato ad utilizzarlo bagnato e in effetti diventa un pochino più intenso, ma sempre troppo poco per i miei gusti. Il risultato migliore l’ho ottenuto utilizzando un primer e una passata di matitone rosa chiaro prima di mettere l’ombretto, sono così riuscita ad ottenere un colore molto simile a quello della cialda. La tenuta è stata buona, quindi tutto sommato non è un cattivo ombretto ma sinceramente mi aspettavo molto di più.
BEIGE ROSATO: è un marroncino caldo pieno di pagliuzze dorate. Fra i quattro questo è quello più fedele al colore della cialda, ma anche qui ho trovato più glitter che pigmenti, e sarebbe meglio utilizzarlo con una base di ombretto in crema color marroncino o dorato. Insomma questi ombretti non sono adatti a chi vuole fare un makeup semplice e veloce al mattino, in quanto non basta usare un po’ di primer per avere un effetto soddisfacente, ma ci vuole sempre l’utilizzo di una seconda base colorata che riesca ad intensificare un colore che pecca in coprenza.
ORO-ARGENTO: la cialda è divisa in una piccola scacchiera oro e argento. Naturalmente è arduo prelevare solo l’oro o solo l’argento per fare delle sfumature, in realtà vanno prelevati entrambi e sulle palpebre si ottiene un colore a metà strada fra il d’orato e l’argento, che io trovo molto bello e particolare. Volendo è possibile intensificare l’effetto oro con un primer dorato, o l’effetto argento con uno argentato. Anche in questo cosa non aspettatevi l’effetto intenso della cialda, si tratta più di sbrilluccichii che altro, se volete ottenere un effetto metallico desistete da questo ombretto, tuttavia a me piace e trovo che sia il migliore dei quattro, è l'unico che secondo ma vale la pena comprare.
OLOGRAMMA: La mia più grande delusione. Ero davvero entusiasta di questo ombretto che dalla confezione sembrava favoloso, in realtà è di pessima qualità e l’effetto è davvero brutto sulle palpebre. Si tratta di un colore molto chiaro, diciamo un bianco, carico di venature fra il celeste, il rosa e il verde, più un mare di microglitter che riflettono la luce. Il colore è trasparentissimo e polveroso, e bagnato è ancora peggio: pur risultando più intenso, crea una specie di effetto macchia sulla palpebra, così a tratti sembra più intenso e a tratti è quasi invisibile. Ho anche provato ad usare una base bianco perlato ma l’effetto a mio avviso rimane troppo debole, la cosa migliore è utilizzarlo come top su di un altro ombretto colorato, solo per conferirgli qualche riflesso, ma usato da solo è veramente una ciofeca.


Ammetto che tutt’ora sono attratta da alcuni altri ombretti Wet&Dry, come il bianco luna e il viola ardesia, ma desisterò a comprarli, ormai credo che siano di qualità scadente, non tanto nella scelta degli ingredienti (io ho la pelle super sensibile eppure non ho avuto ne pruriti ne pizzicori) ma per la formulazione complessiva, che a mio avviso andrebbe migliorata per una coprenza maggiore. Da Sephora costano circa 12€, ma dato che Collistar è facilmente reperibile è anche possibile trovarlo in qualche piccola profumeria a 9€. Quindi tutto sommato non è un ombretto molto costoso, ma di certo non vale il suo prezzo visto che con 7€ da Kiko posso comprare ombretti Cotto come questi che anche se sono meno originali nelle tinte per lo meno hanno una buona scrivenza, per non parlare di quelli Pupa, che mi sono sembrati nettamente migliori.
Non so se sono tutti scadenti come i quattro che mi sono stati regalati, ma la delusione mi porta a scosigliarveli.
Continua...

domenica 15 maggio 2011

Collistar: Super mascara tridimensionale

3 comments
Dopo essermi trovata molto bene con il Mascara Infinito della Collistar (sul quale presto farò una recensione), circa un mese fa ho deciso di provarne uno più volumizzante, e per questo mi sono orientata sul Super Mascara Tridimensionale. Vediamo cosa promette la collistar, in merito a questo prodotto:

Uno straordinario maquillage ad effetto tridimensionale per ciglia subito incredibilmente folte, lunghissime e perfettamente modellante e in più un’azione di trattamento che le rende forti ed elastiche. Supervolume immediato - riveste le ciglia con impalpabili microsfere voluminizzanti che ne aumentano lo spessore. Lunghezza estrema - conferisce eccezionale flessibilità alle ciglia permettendo di stenderle e allungarle al massimo. Curvatura perfetta - grazie a particolari resine modellanti, curva impeccabilmente tutte le ciglia già alla prima passata.
 
Ho approfittato tra l'altro di una simpatica offerta: Mascara + Pochette + formato mini di Struccante a 18.50€, in pratica al costo del solo mascara, come potevo farmela scappare? Vediamo però se il prodotto mantiene le sue promesse.
Il pennello come potete notare è cicciotto ma non troppo e ha delle setole abbastanza grosse, insomma il classico mascara volumizzante, a guardarlo mi è sembrato abbastanza convincente, la foto fa schifo (ci vorrebbe una reflex per queste cose -.-) però credo che renda l'idea.
Sull'occhio sinistro effetto con 2 passate di mascara, senza l'uso del piegaciglia. L'occhio destro è al naturale.
Però ad essere sincera, dopo un mese che utilizzo questo mascara, non sono molto convinta di aver fatto un buon acquisto. A suo vantaggio devo dire che allunga in maniera soddisfacente e il colore è molto intenso (nonostante io abia scelto la variante "nero", credo che "Extra Nero" sia ancora più bello), e a differenza di molti mascara volumizzanti questo non fa particolari grumi, si stende abbastanza bene e le ciglia risultano abbastanza separate fra di loro. Il problema è che a mio avviso non volumizza come dovrebbe, e soprattutto la curvatura è insufficiente, le ciglia rimangono abbastanza dritte e questo non mi piace, mi obbliga ad usare il piegaciglia e ad utilizzare un pettinino incurvante.
Le ciglia restano abbastanza morbide e dura tutto il giorno senza colare o scrostarsi, però un difetto per me abbastanza importante è che se le ciglia battono contro gli occhiali da sole o da vista dopo un'oretta tendono a schiacciarsi e questo rovina il make-up, ciò con altri mascara non mi succedeva. Il mio voto per questo mascara è 7, in quanto comunque l'effetto tutto sommato è piacevole, però tolgo 1 punto per la mancanza di curvatura, 1 punto per il fatto che le ciglia tendono a schiacciarsi, e infine un'altro punto per il prezzo, da un mascara che costa quasi 20€ mi aspetto qualcosa di meglio. Però ho avuto una pochette a mio avviso utile e carina, e ho potuto provare lo struccante bifasico che devo dire è veramente ottimo: strucca velocemente e non pizzica affatto, peccato però che il prezzo sia secondo me eccessivo, non riesco a spendere 13€ per uno strucante e quindi se riuscirò a comprare un'altra confezione come questa sarò lieta di riutilizzarlo, ma non comprerò mail il full size.
Ecco una tabella di valutazione di questo mascara, CON UN VOTO DA 0 A 5:
VOLUME                                             3
LUNGHEZZA                                      4
DEFINIZIONE                                     4
CURVA                                                 2
COLORE                                               4
DURATA                                               3
STRUCCABILITA'                                5
RAPPORTO QUALITA'/PREZZO        2
VALUTAZIONE COMPLESSIVA:       SUFFICIENTE o poco pù

E voi cosa ne pensate? Qualcuna ha provato i mascara Collistar?
 
Continua...

sabato 14 maggio 2011

ALCHIMIE DI BELLEZZA: IMPACCO DI OLIO D'OLIVA E MIELE PER I CAPELLI

19 comments

Continuando a parlare della cura dei capelli trattati con piastre e con colorazioni, questa volta vi consiglio un rimedio bio e easy per la cura dei vostri capelli. In un vecchio ricettario di cucina di mia nonna ho trovato una ricettina che non aveva niente a che fare con la  pastiera napoletana XD, in una pagina c'erano scritti semplicemente due ingredienti: olio d'oliva e miele. Ebbene incuriosita, ho chiesto a mia mamma a cosa si riferissero questi due ingredienti e lei mi ha spiegato che era un miscuglio che mia nonna usava (anche su di lei da piccina) per rendere i capelli più forti e meno secchi!
Su internet infatti ho letto che l’impacco con miele e olio è tra i più antichi rimedi naturali per capelli, affonda le sue radici nella notte dei tempi. Immaginate le vostre  nonne senza semi di lino o prodotti vari, come facevano a curare i loro capelli? Beh si vede che la necessità aguzza l'ingegno! e loro ne conoscevano davvero una più del diavolo sulla bellezza e queste conoscenze ce le hanno tramandate fino alla nostra generazione.

Replicare questa 'ricetta' è semplice, bastano 3 cucchiai di miele e 2 di olio d’oliva, da ridurre metà se i vostri capelli non sono troppo secchi , in ogni caso regolatevi al meglio anche in base alla lunghezza dei vostri capelli. Quindi mescolate insieme i due ingredienti fino ad ottenere una pappetta abbastanza omogenea e poi distribuitela accuratamente sui capelli asciutti, insistendo sulle lunghezze e sulle punte.
Usate un guanto in lattice e fate attenzione a non arrivare mai alla cute! Altrimenti sarà più difficile eliminare l' olio e invece di avere giovamenti sarà un disastro. A questo punto applicate uno strato di pellicola per alimenti, per favorire la penetrazione dell’impacco e lasciate in posa dai 30 minuti alle 2 ore. Poi sciacquate i capelli e fate almeno 2 passate di shampoo insistendo sulla parte 'sporca' infine potete applicare anche la maschera.
Vi devo dire che prima di fare questo trattamento c'ho pensato e ripensato in quanto non credevo alla sua efficacia e poi avevo paura di rovinare i capelli, ma poi mi sono convinta. E' stato un successone dalla prima applicazione proprio grazie alle proprietà emollienti e nutrienti di olio e miele. Renderanno i  vostri capelli morbidi, setosi e lucidi come è successo a me, inoltre la piega sarà più semplice e duratura. Devo però dirvi che è un trattamento che faccio a metà settimana, in quanto non esco e lascio i capelli o ad asciugare al sole o comunque con il phon e non passo al piastra (io non esco mai nel week end senza piastra XD); così da non annullare l'effetto setoso.
Ripetendo il trattamento periodicamente preverrete efficacemente quelle fastidiose doppie punte e il temibile effetto paglia tanto odiato da tutte!
Carmen
Continua...