Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


venerdì 24 febbraio 2012

Scegliere ed applicare il Blush

17 comments

Ho sempre pensato che applicare il blush fosse un gesto tanto semplice e ovvio che non fosse necessario discuterne al riguardo, però in questi ultimi mesi ho notato come spesso circolano dubbi ed errate convinzioni riguardo la tecnica migliore per applicare il blush e la scelta dei colori giusti. 
Il blush è un prodotto che serve a dare un leggero tocco di colore alle guance, affinchè il viso assuma un colorito più fresco e sano. La gamma delle tinte è abbastanza vasta e spazia fra tutte le sfumature del rosa e dell'arancio fino ad arrivare ai rossi e  ai viola. Vediamo adesso le diverse tipologie di blush esistenti sul mercato
BLUSH IN POLVERE COMPATTA

  


E' probabilmente la tipologia di blush più comune e famosa, nonchè una delle più semplici da utilizzare. Lo si sfuma con un pennello da blush, che è un pennello medio-grande dalla forma tagliata in diagonale. La versione più classica è quella con la cialda a tinta unica come il terzo che vediamo nelle foto, che è il Bella Bamba di Benefit, in alcuni casi può avere un pattern colorato, come il Bucolic Poppi di Givenchy, dove le screziature si fondono in un colore unico,  o infine può essere perlato per dare un effetto glow alle guance. Il primo che vediamo è di Pupa e appartiene alla nuova collezione Jeans n Roses: la parte centrale è perlata, la parte esterna opaca, in modo da poter dosare liberamente i due finish diversi. Spess questi blush sono dotati di specchietto e pennello incluso nella confezione, in modo da renderli particolarmente pratici per ritocchi veloci quando si è fuori casa
BLUSH IN POLVERE LIBERA
Sono solitamente quelli minerali, in particolare utili a coloro che hanno una pelle problematica in quanto sono privi di silicone e dunque sono ben tollerati in quanto naturali. Si applicano sempre con il pennello da blush con la punta diagonale, ma bisogna fare molta attenzione a prendere poco prodotto per volta.
BLUSH IN CREMA O LIQUIDI




Se ne vedono sempre più spesso sul mercato e in diversi formati: stick, cialda o liquidi in dispenser. Sono particolarmente indicati alle pelli mature o alle pelli secche e spente che vogliono evitare l'effetto opaco delle polveri e dare una leggera lucentezza alle guance. Vanno comunque applicati con un pennello, come un mini kabuki o un piccolo doppia setola, in quanto spesso ad applicarli con le dita si rischia un effetto macchiato e disomogeneo. Poco adatti invece alle pelli grasse che tendono al lucido.
BLUSH IN GEL 

Se ne vedono di rado, l'anno scorso li propose Kiko, quest'anno Yves Saint Laurent in quattro tinte pastello. Anche questi sono ideali per chi vuole dare un pò di freschezza alle guance e si adattano soprattutto ai visi stanchi che vogliono dare un tocco di colore delicato e leggero. Sono poco pigmentati e vanno applicati picchiettandoli con le dita.

COME SCEGLIERE IL COLORE GIUSTO?
  • Il colore va scelto innanzitutto in base al proprio tipo di pelle. E' naturale che una pelle chiara deve puntare a colori altrettanto chiari, nelle sfumature del rosa e dell'arancio tenue oppure usare colori più intensi ma modularli con cura. Ad esempio una pelle chiara dal sottotono caldo probabilmente si troverà meglio con i blush aranciati o anche alcuni tipi di rosa, sempre facendo attenzione che sia un rosa caldo e non freddo, altrimenti c'è troppo contrasto e l'effetto può risultare disarmonico. Di conseguenza un sottotono freddo trae maggior vantaggio da blush sul rosa, ma anche in questo caso bisogna fare attenzione: Se la pelle soffre di cuperose è meglio evitare le tinte del rosa perchè andrebbero ad accenturare i rossori, meglio in questo caso puntare ad un pesca. Le carnagioni scure o abbronzate possono scegliere naturalmente colori più scuri e con una punta di marrone, tipo mattone e ambra, sempre tenendo presente il proprio sottotono.
  • In secondo luogo, va ricordato che il blush deve armonizzarsi al rossetto. Bisogna fare attenzione al sottotono del rossetto, se è caldo o freddo: un rosa salmone magari si abbinerà meglio ad un blush pesca, un rosa confetto meglio ad un blush di un rosa magenta. Se utilizzate un rossetto forte e particolare allora potrete divertirvi anche con blush nei toni del viola, dell'arancione, del fucsia e del rosso, facendo sempre attenzione a modulare bene l'intensità del colore e a lasciare il trucco occhi leggero.

QUALI ERRORI SI POSSONO COMMETTERE APPLICANDO IL BLUSH?
  • L'errore più comune che mi capita di vedere in giro è quello di applicare il blush lì dove andrebbe messa la terra, ovvero sotto l'osso dello zigomo e a partire dall'attaccatura delle orecchie andando a sfumare. Una volta chiesi ad una ragazza (tra l'altro molto simpatica e gentile) perchè si truccava in quel modo, e lei mi rispose che era troppo pigra per mettere la terra e che il blush sulle guance le faceva il viso tondo. Ma ragazze, il blush deve simulare il naturale rossore che prendono le guance quando si prende il sole o quando si è imbarazzate, è chiaro che applicandolo all'attaccatura dello zigomo l'effetto è innaturale. Il blush va applicato sulle pomelle degli zigomi in corrispondenza all'angolo esterno dell'occhio, poi sfumato verso il  centro dell'occhio e poi a salire verso le tempie con movimenti rotatori del pennello, se volete affilare il vostro viso basta aggiungere una terra opaca sotto lo zigomo e fare un pò di contouring.
  • Con il supporto di Goss Wayne (potete vedere qui il video in tal proposito), posso finalmente sfatare questo luogo comune: non è una buona regola applicare il blush mentre si sorride. La ragione è semplice: Quando sorridiamo le nostre guance tendono a gonfiarsi e a salire verso l'alto, ed in quel momento noi riconosciamo quella zona come le nostre pomelle e gli diamo colore. Poi però, tornando ad un espressione seria, notiamo che le nostre vere pomelle non sono quelle a cui abbiamo dato il blush, e ci ritroveremo il colore in una zona più in basso rispetto a quella giusta, il che non scolpisce il nostro viso ma al contrario conferisce un'aria stanca. Meglio cercare le nostre pomelle seguendo semplicemente la linea degli zigomi.
  • Quando applicate il blush non avvicinatevi troppo al naso, ma fermatevi in prossimità della punta dell'osso zigomale, cioè a circa 3 cm dalle narici. Questo espediente vi permetterà di evitare l'effetto guanciotte tonde alla Heidi, in quanto non è proprio il massimo, a meno che non avete un viso particolarmente magro e spigoloso.
  • Vedo spesso donne con troppo blush, che non modulano il colore o che ne applicano su di un area troppo ampia. Ricordarsi dunque che meno è meglio, e che quando si usa un colore molto saturo va sfumato con cura.
  • Se decidete di comprare un blush liquido o cremoso non vi consiglio di applicarci sopra la cipria, perderete l'effetto lustro che rende speciale questa tipologia di prodotto. Se volete un effetto totalmente opaco puntate direttamente ad un blush in polvere.
  • Mai abbinare un blush forte a labbra chiare, l'effetto sarà sbilanciato e le vostre guance sembreranno andare in fiamme.
Questo è uno schema per applicarlo nel modo giusto su qualsiasi tipo di viso:

Spero l'articolo possa tornarvi utile, a presto ^_^

Commenta con Facebook:

17 commenti :

  1. Eccome se può tornarmi utile! A me i blush piacciono molto, anche di colori particolari, ma devo ammettere che per pigrizia non mi applico mai, e lo metto sempre come tu sconsigli di fare, anche se ovviamente lo sfumo bene.
    Proverò sicuramente a seguire il tuo scherma, trovo che la foto della Kardashian sia perfettamente esplicativa!

    RispondiElimina
  2. utile questo post :)
    purtroppo molte ragazze seguono la regola di sorridere quando si applica il blush..io ho provato a farlo anche in questo modo, ma l'effetto non mi piace per nulla :/

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post, lo condivido subito anche su Facebook!

    RispondiElimina
  4. Guida molto utile!!! io preferirò sempre i blush in polvere compatta!!!
    se vuoi passa nel mio blog ho appena pubblicato un post dove parlo di un dupe di un rossetto chanel!!!
    http://non-solo-makeup-13.blogspot.com/

    RispondiElimina
  5. Utilissimo questo post, sembra banale come argomento invece non lo è affatto! mi piace molto il tuo blog ^^

    RispondiElimina
  6. wow, la bibbia del blush. Molto utile come post, grazie 1000

    RispondiElimina
  7. Post interessantissimo e meravigliosamente spiegato come al solito. Io applico sempre il blush rimanendo seria, perchè mi viene molto più naturale al di là di tutto XD

    RispondiElimina
  8. Molto utile grazie per questo post ho sempre avuto dei dubbi in merito all'applicazione corretta del blush , e come hai scritto tendevo ad applicarlo come counturing ... sbagliatooo!! ^_^

    RispondiElimina
  9. Post davvero molto utile! Non conoscevo tutte qeste cose! Grazie!

    RispondiElimina
  10. Molto utile, ma per chi ha la faccia paciocca come la mia è difficile capire dove stanno gli zigoomi!

    RispondiElimina
  11. @carol hassan: li senti sotto le dita :D

    RispondiElimina
  12. l'ultima immagine è molto utile! mi sa che anch'io metto il blush troppo indietro e lo sfumo troppo verso il basso, cercherò di ottenere un effetto più simile all'immagine d'ora in avanti :) grazie per le dritte

    RispondiElimina
  13. Molto utile...non sai quanti disastri ho combinato!!!Tutt'ora quando vado di fretta preferisco addirittura non metterlo per paura di quello che potrei combinare!!Ihihihi

    RispondiElimina