Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


giovedì 26 gennaio 2012

Il make up per le donne mature

13 comments
 Il make up è un efficace strumento di bellezza, ma non solo. Molte donne sottovalutano gli impatti positivi che il make up può avere sull’umore e la propria autostima, ogni donna dovrebbe ritagliarsi qualche momento della propria giornata per ritrovare un contatto positivo con il proprio corpo, per coccolarsi e sentirsi  più bella. Purtroppo accade molto spesso che le donne over 50 inizino gradualmente a trascurare il make up, alcune per mancanza di tempo, altre semplicemente sono demotivate in quanto notano che truccare una pelle matura, quindi non più perfettamente tesa, comporta una serie di difficoltà tali che è facile commettere degli errori, e il trucco si rivela una pericolosa arma a doppio taglio: anziché ringiovanire il viso appesantisce i tratti e segna le rughe. Propongo perciò 3 regole utili per le signore che mi seguono o per chi avesse voglia di truccare la propria mamma :D

REGOLA 1: NON ANCORTEVI AL TRUCCO CHE PORTAVATE DA RAGAZZE.

 Uno degli errori più comuni è quello di “affezionarsi” ad una certa tipologia di make up per tutta la vita, dimenticando che quando cambia il viso cambia anche il trucco,  ciò che vi stava benissimo prima ora potrebbe rivelarsi completamente sbagliato.
Nelle immagini sopra vediamo due esempi di donne che si truccano ancora come se fossimo negli anni sessanta. Sophia Loren è ancora una bella donna, ma a guardarla in immagini ravvicinate il suo trucco si mostra chiaramente troppo pesante e completamente inadatto, notate come l’occhio e le sopracciglia seguono un disegno che li tira verso l’alto:  questa era una moda degli anni sessanta e che su una pelle tesa e degli occhi da gazzella come quelli di Sophia era perfetto, ma ora…? Stesso discorso per Claudia cardinale, che porta la matita spessa come negli anni sessanta, accompagnandola ad uno strato eccessivo di terra e a delle sopracciglia grottesche. Ci sono invece donne mature che con l’età hanno scoperto come valorizzarsi al meglio, e che ancora oggi riescono ad essere bellissime e affascinanti, come Helen Mirren, Carmen Dell’Orefice, Catherine Deneuve, Susan Sarandon, Diane keaton, Virna Lisi, Judy Dench, Maryl Streep e tante altre.

REGOLA 2: RICORDARSI CHE MENO E’ MEGLIO.




Ornella Muti nel voler cercare un  look troppo giovanile ha perso molto: capello troppo platinato e trucco scuro e marcato quasi fino al sopracciglio, certo non la ringiovanisce. Invece Twiggy ha abbandonato il trucco marcato degli anni 70 e ora porta un bellissimo look leggero: matita verde acqua, mascara e gloss color pesca, bellissima!

Nel guardare i diversi make up di chi con l’età è riuscita a trovare il look giusto, si percepisce chiaramente che c’è una regola  che li accomuna: mantenere la mano molto leggera, meno si calca la mano e migliore è il risultato. Ad esempio correttori e fondotinta troppo pastosi o applicati in grosse quantità segnano i solchi delle rughe e ispessiscono l’incarnato dandogli un aspetto più vecchio anziché più giovane. Una linea grossa di matita oltre ad appesantire lo sguardo è difficile da gestire: si veicola fra le rughette e assume un aspetto grinzato, e perciò colerà anche più facilmente. Usate con molta parsimonia anche le polveri per il viso, la cipria oltre a segnare i solchi può togliere luminosità al viso, meglio usarne pochissima solo quando è necessario su naso e  fronte, anche il blush andrebbe preferito liquido. Infine ricordate che anche i prodotti troppo shimmer e glitterati possono risultare eccessivi e invecchiare lo sguardo, meglio usare ombretti opachi e satinati, o al massimo solo leggermente perlati.

REGOLA 3: DARE PREFERENZA ALLE TINTE FRESCHE, LEGGERE E NATURALI.
 

Maryl Streep e Catherine Deneuve sono delle gran belle donne e portano un trucco molto simile: matita sottilissima, mascara e rossetto e blush sul pesca. Un look che da un tocco di freschezza al viso

La regola del meno è meglio vale anche per i colori: meno sono saturi e meno appesantiscono. Perciò l’ideale è scegliere ombretti chiari e naturali come beige, terra di siena, tortora e ombreggiare solo nella piega e verso l’angolo esterno dell’occhio, contenendosi entro un area molto limitata. Se vi va di usare del colore, usatelo in toni delicati: verde salvia, blu polvere, rosa antico, viola lavanda ecc. Evitate di scurire il viso con la terra, al contrario illuminatelo e scegliete per le labbra e per le guance tinte lievi e luminose come i petali di un fiore: rosa pesca, albicocca, corallo rosato.

Judy Dench oltre ad avere un modernissimo taglio di capelli, gioca su sfumature di make up estremamente delicate e dai toni caldi e pastello.

Virna Lisi è stupenda di natura, ma il fatto di non essersi ritoccata e di aver mantenuto un look sobrio e delicato le conferisce un fascino elegante e senza tempo
Susan Sarandon non era una gran bellezza, lei è il classico esempio di donna che con gli anni migliora e diventa più affascinante, grazie anche al suo buon gusto

Ora sintetizzo alcuni passaggi fondamentali per realizzare un buon make up per donne mature:

•    Dopo aver applicato un primer per rughe nelle zone più critiche, stendete un fondotinta liquido che sia molto fluido e leggero, che si mantenga morbido sulla pelle. Evitate la cipria, spolveratene pochissimo solo lì dove è necessario, cioè naso e fronte.
•    Usate un correttore liquido dall’effetto illuminante, e poi date un tocco di colore alle guance con un blush liquido che sia di un colore caldo ma allo stesso tempo lieve e luminoso: pesca o corallo chiaro. Evitate invece la terra.
•    Per il trucco occhi applicate la matita sfumata, potete farlo sia sopra che sotto ma è fondamentale che sia molto leggera, deve solo appena “sporcare” il bordo delle ciglia, mantenendosi il più possibile attaccate ad esso, poi sfumatela con un pennello sottile.
•    Per la palpebra mobile scegliete un ombretto satinato, che sia molto chiaro come il panna o un color caffellatte. Con un marrone opaco create delle leggere ombreggiature lungo il bordo inferiore delle ciglia, nell’angolo esterno e nell’angolo interno.
•    Curvate le ciglia, perché le ciglia schiacciate rendono lo sguardo stanco, poi applicate il mascara lavorandolo bene in modo da evitare di dover fare una seconda passata di prodotto che rischia di aggrumare le ciglia.
•    Curate bene le vostre sopracciglia, delle sopracciglia più folte e scure ringiovaniscono moltissimo, ovviamente senza esagerare però. Con una matita che si avvicini al colore naturale delle vostre ciglia riempite i vuoti e sagomate meglio i bordi.
•    Per le labbra niente glitter e brillantini ovviamente, ma a mio avviso anche le tinte molto opache spengono un po’. Preferite rossetti sheer o al massimo satinati, in colori luminosi ma non troppo accesi o scuri perché mal si adattano ad un contorno labbra che non è più liscio e ben definito. Meglio colori come  pesca, corallo chiaro, rosa cipria, o un rosso melograno. Se avete intenzione di usare comunque un rossetto forte siate consapevoli di dover definire il bordo delle labbra con una matita.

Un taglio moderno e un paio d'occhiali alla moda aiuta moltissimo a dare al viso un'aria più giovane

Helen Mirren non copre i suoi capelli bianchi, ma ha dato dei riflessi sul blu per dare lucentezza al colore.

Carmen dell'orefice invece li ha schiariti e ha aggiunto un tocco di colore platino alla sua chioma bianca.

Molto raffinate le mesh di Paola Marella, un modo bello e poco impegnativo di prendersi cura dei capelli bianchi

Insomma i miei consigli finiscono qui. Tenete presente che sono regole che vanno poi riadattate a seconda dei casi e quindi sono flessibili a cambiamenti ed eccezioni, ma sicuramente vi torneranno utili come orientamento, in quanto truccare un viso non più giovanissimo può comportare problemi anche ai professionisti. Infine non vanno dimenticati la cura dei capelli e l’attenzione per gli accessori, ad esempio rinnovare ogni tanto la montatura degli occhiali scegliendone una più moderna e adatta al proprio viso aiuta molto ad assumere un look più fresco e giovanile. Per quanto riguarda i capelli bianchi, capisco benissimo che per molte dover rinnovare la tintura ogni mese può essere seccante, ma ci sono delle belle mesh come quelle di Paola Marella, che camuffano bene le ciocche bianche e non necessitano di essere rinnovate di frequente. Se tutta la capigliatura ormai è bianca ci sono tinte grige che danno sfumature e riflessi belli, come le fanno moltissime attrici che non vogliono nascondere i capelli bianchi ma non rinunciano ad delle sfumature belle e curate. Anche in questo caso si parla di trattamenti che non comportano il problema ricrescita e non vanno rinnovati di continuo.

Spero l’articolo possa esservi utile, a presto ^_^
Continua...


martedì 24 gennaio 2012

Make up con ombretto rosso

14 comments
Il mondo degli ombretti ci propone una gamma vastissima di colori, e non è necessario rivolgersi a marchi professionali, anche brand economici come Kiko o Essence hanno una scelta di tinte adatte a soddisfare un pò tutti i gusti, eppure ci sono alcuni colori che rappresentano un pò un tabù, primo fra tutti l'ombretto rosso. Caspita è davvero difficile da trovare in giro! Mi viene in mente il Passionate di Mac (anche se punta più verso il fucsia), il cotto rossono/nero di Nouba (ormai rarissimo) e i rossi di Inglot, che purtroppo ha pochissimi punti vendita in Italia. Per fortuna ci sono le nostre care palette zoeva, che offrono una pronta soluzione a chi come me ha voglia di sperimentare un colore così particolare senza spendere molto o cercare a lungo.

Ora la domanda che ci si pone è questa: perchè l'ombretto rosso è così raro? Perchè il rosso sugli occhi lo si associa a quando si è ammalati, o al colorito che le palpebre assumono dopo una notte insonne o un lungo pianto, oppure alle streghe, ai demoni, ai vampiri....quindi a qualcosa di insano o eccentrico, che si allontana dai canoni estetici della bellezza classica.




Eppure un trucco rosso, se ben realizzato, può dare davvero un tocco di fascino e seduzione allo sguardo, in quanto a mio avviso crea un look vagamente misterioso e trasgressivo, ma allo stesso tempo carico di passionalità.
Naturalmente non è un colore facile da portare: non sono sicura che stia bene a tutte e soprattutto va scelta l'occasione giusta, sintetizzo alcuni suggerimenti personali al riguardo:
  • L'ombretto rosso risalta meglio sulla carnagione chiara, ma solo a patto che abbia un sottotono più giallino che rosato e che non abbia problemi di cuperose, altrimenti ai primi rossori l'effetto d'insieme diventa osceno. Da evitare anche su chi ha problemi d'acne o occhiaie molto profonde, infatti consiglio da fare un ottima base quando volete utilizzare un ombretto rosso, il vostro incarnato dev'essere perfetto, altrimenti finirà per richiamare le discromie del viso.
  • Per evitare l'effetto occhi post lacrime, dovete realizzare un bel gioco di chiaroscuri. Innanzitutto non dimenticate di definire lo sguardo: potrete farlo sia con una bella riga di Eyeliner, per ottenere un look pop e definito, oppure del Kajal sfumato come ho fatto io, per un effetto più morbido.
  • Sempre per evitare l'effetto malaticcio, è meglio puntare ai rossi perlati o shimmer, insomma ad ombretti che con tutta evidenza si mostrano per tali e riflettono la luce sulle palpebre. Non dimenticate di inserire un punto luce (con il bianco, l'oro, l'argento o un rosa chiarissimo) e un ombra nella piega (va bene il nero, il borgogna o il marrone), una bella sfumatura renderà il trucco curato ed elegante.
  • Anche se si tratta di un trucco occhi forte, evitate di abbinarci labbra nude, perchè le labbra chiare possono creare quell'effetto febbricitante che noi vogliamo scongiurare. Scegliamo magari un bel gloss, che abbia un colore sheer e discreto, ma che tuttavia si nota: vinaccia, lampone o borgogna sicuro si abbineranno molto bene.

Il trucco che ho realizzato è un semplice smokey rosso perlato, con un punto luce bianco nell'angolo interno dell'occhio e del borgogna scuro nella piega per sottolineare meglio lo sguardo, tutti colori presi dalla Zoeva Ultra Shimmer. Ho aggiunto poi del Kajal nero e due passate di mascara. Sulle labbra ho messo il gloss nero della Essence, che come vedrete in realtà sulle labbra risulta un borgogna scuro molto particolare, purtroppo come al solito la mia fotocamera non percepisce bene i colori ma vi assicuro che questo gloss faceva un effetto bellissimo e anzi vi consiglio di acquistarlo. La mia idea iniziale era di colorare solo la palpebra mobile e aggiungere del marrone scuro nella piega, ma poi mi sono lasciata prendere la mano e ritengo che così non è male ma se avessi tenuto la mano più leggera sarebbe venuto meglio, la prossima volta ci farò più attenzione.
Voi cosa ne pensate, avete mai portato un ombretto rosso?
Continua...

sabato 21 gennaio 2012

Juicy Couture, "Couture Couture " Parfum

2 comments
Penso che tutte noi, giocherellando su Polyvore, hanno notato qualche volta questa eccentrica boccetta di profumo, e devo dire che aveva acceso terribilmente la mia fantasia, anche se ero convinta che fosse uno di quei tanti prodotti che noi italiani possiamo acquistare solo in viaggio. Un giorno per caso, poco prima di natale, mi trovo a fare due passi in una profumeria Douglas, e....sorpresa! Vi trovo un intero bancone tutto dedicato ai profumi Juicy couture. Naturalmente il primo impulso è stato prendere il tester e spruzzarne un pò sul polso e....mi è piaciuto a tal punto che noncurante della commessa che mi fissava ho cominciato a spruzzarlo anche sul collo, fra i capelli, sulla sciarpa, perchè un profumo va provato come si deve, non trovate? ^_^

Juicy Couture è un marchio che realizza soprattutto gioielli per ragazzi, caratterizzati da originalissimi Charms, ed è per questo che i loro profumi sono pieni di pendagli. Anche le campagne pubblicitari rivelano quest'anima giovane, fantasiosa e accattivante.





La boccetta è davvero molto bella: è a forma d'anfora trasparente, che lascia intravedere il prodotto dal colore leggermente dorato, e sul tappo vi è un bellissimo fastigio d'oro, che ricorda tanto l'opulenza dell'arte sacra barocca, come le cattedre e il tabernacolo del Bernini, ma avvolto in un nastro rosa e un piccolo ciondolo con la scritta "Love JC", che dai ricordi seicenteschi riporta questa bottigliettta nella moderna vanità femminile. E' un oggetto davvero molto bello da tenere esposto, un piccolo lusso sul mio comò.

La fragranza è degna del packaging: classica e innovativa al tempo stesso. A primo impatto ci si accorge subito che non è un profumo leggero, ma olfattivamente è abbastanza deciso, dolce ma senz'altro forte e penetrante, insomma il classico profumo adatto più per la sera che per il mattino. Ha di classico il fatto che inizialmente può ricordare alcune fragranze tipicamente femminili come il miss Dior cheri, o il Mademoiselle di Chanel, ma poi emergono note decisamente originali: L'uva fragola, la prugna susina, mescolati ad un accordo floreale e un tocco di vaniglia, tutte componenti che creano un risultato notevalmente vivace e sensuale, molto sbarazzina e giovanile. Insomma è una di quelle fragranze che si fa notare, ovviamente può anche non piacere, ma di certo spicca molto in originalità.
La persistenza è ottima, la sciarpa sulla quale avevo spruzzato il tester da Dauglas ha continuato a profumare per giorni, e anche sulla pelle mantiene intatta la sua fragranza per molte ore. E' un profumo deciso ma non lo si puà considerare effettivamente forte, in quanto lascia una scia abbastanza discreta e delicata. Come ben sapete io non amo i profumi dolci e caldi, ma questo fa eccezione, credo che sia uno dei più buoni che abbia mai provato e merita un 10 e lode, perchè più lo indosso e più mi piace, sa mettermi il buon umore e mi fa sentire più "giovane" :)


Ora veniamo alle note dolenti, Il prezzo: questo profumo è davvero costoso, nella profumeria Douglas una confezione da 30 ml costa ben 55€, e tra l'altro non è neppure facilmente reperibile, in quanto in Italia è in vedita esclusivamente da Douglas, che approfittando del suo monopolio lo vende ad un prezzo spropositato.

In compenso però vi dico che è facile risparmiare comprandolo tramite Ebay come ho fatto io.
Che dire, è senz'altro costoso, ma per le appassionate dei profumi come me è un vezzo a cui non si può rinunciare, vi consiglio caldamente di farvelo regalare ;-)

La mia tabella valutativa di questo profumo:
TIPOLOGIA: dolce leggermente fruttata
NOTE DI TESTA: Uva Fragolina, Fiore d'arancio, Mandarino
NOTE DI CUORE: Miele, Gelsomino
NOTE DI FONDO : Sandalo, Ambra, Vaniglia
PERSISTENZA:   Alta
QUANDO INDOSSARLO?: quando si vuole, ma meglio la sera
ETA’ CONSIGLIATA: dai 14 anni in su, meglio sulle ragazze che sulle donne mature
PACKAGING DA UNO A CINQUE: 5
PREZZO:  dai 55€ per il flacone da 30 ml a salire.
IL MIO VOTO DA 1 A 10:               10

Qualcuna di voi ha provato i profumi Juicy Couture?
Continua...

giovedì 19 gennaio 2012

Mac, Party Parrot Lipstic, Iris Apfel Collection

6 comments
Durante questi ultimi mesi non sono rimasta molto colpita dalle collezioni Mac. Ninete di particolarmente carino o originale, ma soprattutto sono rimasta delusa dalla qualità scadente di alcune palette quad, a cui io ero interessata per la bellezza dei colori ma una volta testati mi sono sembrati polverosi e poco scriventi. La prima cosa caruccia che ho notato è questo rossettino della collezione Iris Apfel, il Party Parrot. C'erano altri quattro colori:
FLAMINGO: un rosa pastello sheer
MORANGE: un arancione neon semiopaco e coprente, fa parte della collezione permanente
PINK PIGEON: un fucsia shocking opaco e molto coprente. E' quasi identico al Candy yum yum.
SCARLETT IBIS: un rosso acceso dalla calda sfumatura corallo, finish opaco.


Questo fra i cinque è quello che mi è sembrato più particolare: un rosa scuro neon con un tocco di arancio. E' molto difficile in  realtà per me descrivere questo colore perchè si tratta di una tinta davvero complessa, a volte mi sembra un rosso/fucsia, altre volte un corallo rosato. Di sera tutto sommato non è molto appariscente ma di giorno ha un effetto quasi evidenziatore, per cui non è un colore facile da portare e rientra in quella categoria di rossetti forti a cui bisogna creare un trucco ad hoc: Blush leggero, eyeliner, mascara e basta. Ancora non saprei se e quale ombretto potrei abbinarci, magari qualcuna di voi potrebbe consigliarmi, se dovessi sperimentare qualcosa di carino sicuramente posterò delle foto.
Per quanto riguarda la qualità direi che eccellente come tutti i rossetti Mac, che io ritengo i migliori in circolazione, ma essendo un matte tende un pochino ad asciugare le labbra. Chi ha intenzione di portare un rossetto così intenso ed opaco deve curare molto le proprie labbra con scrub e balsamo nutriente, anche se a mio avviso non  secca come il Rouge Allure Velvet di Chanel, che per testarlo un paio di giorni mi ha lasciato le labbra disastrose. La tenuta è eccezionale, dura tranquillamente 7 o 8 ore e lo si strucca solo con il bifasico. Infine anche l'applicazione è davvero semplice, nonostante il colore forte non è necessario usare una matita.
Aspetto i vostri consigli....a che trucco lo abbinereste?
A presto ^_^
Continua...

mercoledì 18 gennaio 2012

ICONE DI BELLEZZA: Truccarsi come Megan Fox

18 comments
Ho deciso di dedicare uno dei miei post sulle celebrità a Megan Fox perchè in moltissime mi chiedono come ottenere quel suo look raffinato ma allo stesso tempo molto sexy e accattivante. In effetti piace molto anche a me il suo stile, perchè trovo che anche se qualche volta eccede in quel suo look da femme fatale, tuttavia è molto coerente alla sua immagine e il suo trucco si armonizza bene agli abiti e alle acconciature.
Questa mia rubrica dedicata alle celebrità è un modo per studiare come i più grandi make up artist lavorano sull'immagine, rapportandosi di volta in volta alle diverse tipologie di viso. E di fatti, chi meglio delle star può disporre del massimo nel campo del make up?
Il trucco di Megan Fox è un perfetto esempio di trucco per volti dai lineamenti marcati. Mi è capitato spesso di sentir dire da qualche ragazza "io ho la bocca grande e il naso aquilino, quando mi trucco sembro un pagliaccio, come posso valorizzarmi?"
Io trovo che un viso dai lineamenti marcati, anche se non è perfetto come quello di Megan, risulta molto intenso e affascinante, è intenso e pieno di carattere. Tuttavia, anche quando si ha davanti un viso molto bello, se i lineamenti sono marcati un trucco forte può indurire l'espressione o involgarire, perciò il trucco dev'essere attentamente studiato e magari mantenersi morbido e minimal, proprio come quello della nostra Megan.

In queste due immagini la vediamo un pò più truccata rispetto al suo solito. Nella prima foto porta il blush e il rossetto forte abbinato ad un eyeliner abbastanza marcato, il tutto non le dona molto soprattutto considerando che è molto abbronzata. Nella seconda foto gli occhi sono contornati da troppa matita, e non è certo il massimo considerando che i suo occhi non sono grandissimi. Resta comunque molto bella, ma non è valorizzata bene.

Per capire il fascino del suo look bisogna innanzitutto partire dal presupposto che lei fonde diversi elementi del make up vintage, ispirandosi a dive del passato come Marilyn Monroe, Elisabeth Taylor, Ava Gardner e anche a quelle un pò più recenti come Carol Alt e Linda Evangelista. In questa foto vediamo uno dei suoi look più celebri: Matita nera sfumata all'esterno, per evidenziare i suoi occhi da gatta; sopracciglia ad ala di gabbiano doppie e marcate; zigomi messi in evidenza dalla terra e labbra nude, contornate da un filo di matita leggermente più scuro. E' un trucco leggero e semplicissimo, ma che rende accativanti i suoi punti di forza.

Qui vediamo un look ispirato a Marilyn: labbra rosse opache, riga di matita allungata verso l'esterno, viso schiarito, insomma un perfetto trucco anni 50. Anche se il rossetto è molto vistoso gli occhi sono semplicissimi per cui non marca eccessivamente i suoi lineamenti.

Ma di solito il suo look è un pò più semplice, perchè forse è quello che le dona di più: eyeliner sottilissimo, ombretto color bronzo, blush corallo e gloss nude sulle labbra. Basta poco per evidenziare dei lineamenti così forti, troppo stonerebbe.

Perfetta anche quando gioca di riflessi luminosi: rossetto nude con iridescenze dorate, ombretto color champagne e blush ambrato. Basta aggiungere un tocco di mascara e con pochi prodotti ecco un look da passerella.
Quando ha voglia di osare un pò di più punta tutto sul rossetto. Qui indossa un arancio che si sposa a meraviglia con la sua pelle dorata e fa risaltare l'azzurro dei suoi occhi...

...oppure sceglie un rossetto color borgogna che mette in risalto il suo fascino noir. Senz'altro le dona di più quando è meno abbronzata come in questa foto

Quindi ricapitolando:
- sopracciglia ad ala di gabbiano molto ben sagomate e marcate
- Matita o eyeliner applicato solo verso l'esterno dell'occhio, allungandolo con una codina.
- qualche volta usa una matita azzurro polvere metallica al posto di quella nera.
- ombretti sempre chiari e perlati, preferibilmente sul bronzo o il dorato
- risalta gli zigomi con il contouring di terra e blush corallo
- rossetto nude con un leggero contorno di matita
- in alternativa, labbra rosse (sia freddo che caldo), borgogna o corallo.

Tuttavia vorrei esporre alcune mie riflessioni, in merito al fatto che io non ritengo Megan Fox una vera icona di bellezza. Innanzitutto il suo sex appeal non è affatto frutto di madre natura, ma il risultato di numerosi interventi di chirurgia ed iniezioni di botox, infatti nell'arco di pochi anni il suo viso si è completamente trasformato.
Da ragazza carina ma sempliciotta con i continui ritocchi è diventata meravigliosa....ma per quanto? Già nelle ultime apparizioni il suo volto appare troppo artificiale: labbra come canotti, zigomi di gomma, occhi un pò troppo tirati. Non sembra nemmeno più una venticinquenne, sta letteramente rovinando il suo viso.
Inoltre trovo il suo dimagrimento ormai davvero eccessivo. Mi piaceva tanto quel corpo snello ma sinuoso dei tempi di Transformer, ma ora è davvero troppo ossuta e spigolosa e ha perso molto della sua sensualità.
Ultimamente sento spesso dire che se una persona non si piace non c'è nulla di male nel provare a migliorarsi con la chirurgia. Beh, in alcuni casi può essere vero, ma io ho come l'impressione che chi non impara a piacersi o quanto meno ad accettarsi non gli basterà un ritocchino a sistemare le cose, ma che al contrario pare che si entri in un tunnel dove un intervento tira l'altro. A me non piacciono queste donne manichino, con tutte le stesse labbra, gli stessi zigomi, le stesse espressioni tirate....
Voi cosa ne pensate?
Continua...

lunedì 16 gennaio 2012

Smokey eyes azzurro

18 comments
Io ho un debole per i trucchi blu, lo ammetto. Nella mia vita ho attraversato un lunghissimo periodo viola, ora sono in pieno periodo blu e temo che durerà ancora a lungo, perciò non stupitevi se sono un pò monotona -.-''
Il trucco è molto semplice da realizzare, ho usato solo due ombretti: un celeste e un blu glitterato, entrambi della palette a cinque colori n°11 "Midnight Garden" di Yves Saint Laurent, che faceva parte di un edizione limitata di questo autunno.  Leggendo delle recesioni qua e là ho visto che nei siti stranieri quasi tutte descrivono questi due ombretti come verde acqua e verde petrolio, ma a me sembrano decisamente blu e celeste, tant'è vero che sfumandoli fra di loro è venuto fuori un bell'azzurro intenso, a voi invece come sembrano?
E' un trucco talmente facile che non ho nemmeno molto da spiegare, ho applicato il celeste su tutta la palpebra mobile e un pò nella piega, poi l'ho scurito sempre più verso l'esterno con il blu, realizzando con un pennello angolato quella piccola codina verso l'alto. Non c'è nient'altro, a parte il mascara e del kajal nero all'interno dell'occhio.



Con occhi così sgargianti ho mantenuto semplice tutto il resto: il blush è il Ladyblash di Mac (su cui ho scritto infamie qualche giorno fa) e sulle labbra ho usato Levres Scintillantes di Chanel n° 297, un gloss nude rosato abbastanza coprente. Nei prossimi giorni scriverò una review anche suella palette e il gloss. Devo dire che stavolta la macchina fotografica è risucita a riprodurre QUASI fedelmente i colori, ma la vera bellezza di questo trucco purtroppo si nota solo alla luce diretta: uno spettacolo di microglitter azzurri e celesti che emanano un luccichio prezioso e raffinato.
Magari starete pensando che un trucco così colorato si addice più in tarda primavera, quando il viso prende colorito, tuttavia ritengo che uno smokey così algido si sposi bene solo su carnagioni pallide e dal sottotono freddo o neutro. Inoltre ritengo che sia perfetto per valorizzare gli occhi di colore marrone ambrato.
Voi cosa ne pensate, lo portereste più in estate o in inverno?

Continua...


domenica 15 gennaio 2012

Eden, il primer coprente di Urban Decay

9 comments
Da quando ho cambiato fondotinta ho avvertito l'esigenza di una base per ombretto. Tempo fa usavo lo studio fix fluid di Mac che, essendo un anti traccia a lunga tenuta, fungeva benissimo anche come primer. Da quando ha inizito a seccarmi la pelle ho comprato un fondo più "morbido" che non è affatto idoneo a fissare l'ombretto.


Inizialmente mi ero orientata sulla Shadow Indurance di Too faced, in quanto il packaging a boccetta con applicatore della UD l'ho sempre trovato scomodo e poco igienico. Quando ho visto il nuovo packaging l'ho immediatamente comprato, trovo che il dosatore a beccuccio sia molto più comodo a prelevare il prodotto e senz'altro lo conserva meglio, senza contare che è anche più igienico nel caso lo si voglia usare anche su altre persone.
Ho scelto la versione Eden rispetto a quella classica per due motivi: il primo è legato al fatto che io ho spesso le palpebre segnate da rossori e capillari, quindi una base correttore per me era davvero utile. Il secondo motivo per il quale l'ho scelta è per le sue qualità assorbenti ed opacizzanti, infatti facendo alcune prove ho notato che rende l'ombretto molto più resistente rispetto alla formula classica.

Come vedete dallo swatch ha un effetto molto coprente e leggermente schiarente, anche se io per scattare la foto non ho sfumato al massimo il prodotto, che sul mio colorito si uniforma del tutto. Penso che sulle carnagioni medio - chiare sia perfetto, mentre ho il dubio che sulle pelli molto scure possa risultare troppo chiaro, magari se qualcuna di voi more l'ha usato può illuminarmi in tal proposito.
Se proprio devo trovarci un piccolo difetto, va segnalato che riduce la sfumabilità degli ombretti. Se utilizzate un ombretto particolarmente scuro e pigmentato è meglio applicaro a piccole dosi e con un buon pennello da sfumatura, altrimenti si crea una macchia di colore che poi è difficile da gestire. Quindi non so se sia un prodotto consigliabile per chi non è pratica nello sfumare, soprattutto se n on dispone di pennelli e si trucca con gli applicatori in spugna, in tal caso sfumare l'ombretto può diventare difficoltoso.
Per il resto che dire, esalta l'intensità degli ombretti quasi come se fossero bagnati e li tiene fissati tutto il giorno, il trucco è impeccabile fino a sera, inoltre apprezzo tantissimo il fatto che mi aiuta ad illuminare le palpebre nascondendo grigiore e venuzze.
Non è un primer economico, costa circa 16.50€, ma considerando che basta pochissimo prodotto per occhio questa confezione mi durerà davvero a lungo.
Quindi che dire, promosso a pieni voti ^_^

Continua...

sabato 14 gennaio 2012

Mac Cremeblend Blush in "Ladyblush"

4 comments
Ho comprato questo blush di Mac poichè dopo aver sentito in molte lodare le qualità dei blush cremosi ero troppo curiosa di provarne uno. Si dice spesso infatti che un blush in crema duri molto di più rispetto ad un normale blush in polvere e che dia un tocco di luminosità in più alle guance, e siccome io non ho la pelle grassa questo tipo di prodotti rendono bene sul mio viso, mentre al contrario ciprie e blush troppo opacizzanti sembrano spegnermi l'incarnato. Inoltre cercavo un buon blush in un color corallo naturale, in quanto quello che stavo usando al momento, uno della collezione Kaleidoscopic di Kiko, pur essendo molto bello tende a svanire nell'arco di un'oretta. Così la mia scelta è ricaduta sul Ladyblush di Mac, che è un aranciato neutro.

Inizialmente ero un pò perplessa, perchè questi Cremeblend sembrano scuri a vederli, in realtà come poi mi ha mostrato la commessa una volta applicati risultano tutti molto chiari e naturali. Io stessa, usandolo tutti giorni, ho constatato che il colore non è molto vistoso e forse avrei potuto in tutta tranquillità prendere un tono più scuro. Anche dallo swatch si capisce che è una tinta perfetta per un trucco nude o molto sobrio.

Tuttavia non sono rimasta molto soddisfatta da questo prodotto, anche se inizialmente sembrava un ottimo acquisto. Innanzitutto trovo che sia meno pratico da applicare e sfumare, credevo bastasse picchiettarlo con le dita invece serve uno di quei doppia setola piccoli altrimenti si ottiene un risultato maculato, tra l'altro la cialda in inverno si è indurita molto e questo ha reso ancora meno comodo il suo utilizzo. In effetti conferisce alle guance un tocco di freschezza in più, trattandosi infatti di un prodotto cremoso, ma per quanto riguarda la durata io non l'ho trovata superiore ad un buon blush in polvere.
In questa foto l'ho indossato abbinandolo ad un trucco leggero dai toni caldi e luminosi. Con il senno di poi non so se lo ricomprerei, ma certamente sceglierei un'altro colore. Ho un sottotono neutro, quindi non rosato e nemmeno spiccatamente giallo, tuttavia ho notato che le tinte calde nella maggior parte dei casi mi stanno male, mi invecchiano e danno al mio viso un espressione stanca, ciò vale non solo per i blush ma anche per gli ombretti e i rossetti. Trovo che dunque Ladyblush sia perfetto sulle carnagioni chiare ma tendenzialmente olivastre, meglio sulle brune che sulle bionde, su di me vanno decisamente meglio i colori rosati o i pesca. Credo che la prossima volta tenterò un blush liquido come quelli della Make up Forever, sono convinta che siano più pratici da usare.

Il mio voto è 6

Qualcuna di voi ha provato i Cremeblend di Mac? Preferite i blush in polvere, in crema o liquidi?
A presto ^_^

Continua...