Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


lunedì 23 aprile 2012

I miei nuovi rossetti Mac

18 comments
Come probabilmente già saprete sono una patita dei rossetti Mac, li adoro per la tenuta impeccabile e la vastissima gamma di colori meravigliosi. Ciò che però apprezzo di più è il fatto che Mac disponga di un'ottima scelta di colori Matte, cioè completamente opachi, che come le appassionate sapranno è un tipo di finish abbastanza complesso da reperire in giro, soprattutto perchè la maggior parte dei rossetti che si dichiarano Mat in realtà rivelano un effetto più cremoso che opaco. Invece i Matte di Mac conferiscono un fantastico effetto velluto alle labbra, dal fascino vagamente retrò proprio come piace a me, per questo di recente sto comprando soprattutto rossetti di questa tipologia. Gli ultimi arrivati sono Ruby Woo e Please Me.



 Ruby Woo si avvicina molto al cosiddetto rosso valentino, cioè un colore a metà strada fra il porpora e il carminio, quindi una tonalità che pur essendo molto vivace e luminosa si adatta bene un pò a tutti gli incarnati perchè è un rosso ne caldo ne freddo. Inizialmente non mi ero interessata a questo rossetto perchè provandolo sulla mano (e credo che lo swatch sia chiaro in tal senso) sembrava poco coprente e un pò smorto, tutt'altro effetto sulle labbra: pigmentatissmo, completamente coprente, colore intenso e luminoso. Certo non lo trovo adatto per il giorno, in piena luce diventa un pò troppo vistoso e attira moltissimo l'attenzione su di se, specie se si è pallide come me, ma di sera è fantastico, il più bel rosso opaco mai visto. Se qualcuna di voi ha già il Russian Red il Ruby Woo lo sconsiglio perchè in realtà è quasi identico, in quanto il Russian Red è solo di poco più freddo (un rosso carminio) ed ha un finish un pò meno opaco.



 L'altro rossetto che ho acquistato è Please me, un nude rosa matte. Questo è un rossetto adatto per ogni occasione ma a me piace soprattutto abbinato ad un trucco occhi scuro, magari nei toni del viola.  Anche questo fa tanto retrò, ma mentre il Ruby Woo è più da Femme Fatale questo dona un look Bon Ton, ricorda certi rossettini che Audrey Hapburn abbinava all'eyeliner da gatta. Non è un colore semplicissimo da portare, la venatura di rosa è abbastanza "confettosa" e potrebbe non armonizzarsi su di un incarnato olivastro, quindi attenzione, è una tinta molto più particolare di quanto sembra. Per intenderci, somiglia un pochino a Snob, ma naturalmente è un pò più caldo e smorzato.

La tenuta di questi rossetti è eccellente, molte lamentano che i Matte seccano le labbra ma io non ho avuto questo problema e anzi mi sono trovata divinamente con entrambi. Voi avete provato questi rossetti?

Io li promuovo su ogni aspetto, voto 10
A presto ^_^


Continua...


martedì 17 aprile 2012

Review: Maybelline SuperStay 10h Stain Gloss

11 comments
 

Dopo il grande successo delle tinte labbra in versione pennarello, di recente sono state lanciate le tinte labbra lucide, che conferiscono alle labbra un effetto vernice. Non so perchè, ma dalle tinte pennarello non sono mai stata molto attratta, invece queste in versione gloss mi hanno subito incuriosita. Ho provato per prime le Vernis à Lévres di YSL, che francamente non mi sono piaciute molto: appiccicosissime, un pò complesse da applicare, estremamente costose.  Un tantino scoraggiata ho deciso di provare questa versione Low Cost, scgliendo fra tutti il colore che porta la modella della publicità, il Forever Coral.

Come vedete dallo swatch il finisch è molto lucido, come un vero e proprio gloss ma un tantino più denso. Il colore che ho scelto mi piace moltissimo e ce n'era anche un altro a mio avviso davvero bello, cioè l'Endless Ruby che è un rosso intenso, però ho scelto questo perchè è una tonalità diversa da quelle che ho già, anche se più che un rosso corallo io lo definirei un rosso mela.

L'applicatore piatto e ovale riprende quello delle tinte di YSL. Credo che questo tipo di forma sia studiato innanzitutto per essere più precisi, in quanto la tinta tende a fissarsi subito ed eventuali sbavature vanno evitate perchè se non si dispone di cotton fioc e struccante sono difficili da correggere. Inoltre questo applicatore, essendo forato al centro, preleva poco prodotto alla volta, in modo da evitare una stesura a macchie.

Come vedere il colore con una sola passata non è super coprente, ma dà un bellissimo effetto acquerellato che lo rende diverso sia da un normale gloss sia da un rossetto. Tuttavia la coprenza è modulabile, io stendo una sola passata di colore per non appesantire troppo le labbra, ma credo che passandone una seconda l'effetto sia più intenso e lucido e si può ottenere una coprenza totale.

Per quanto riguarda la durata io la trovo molto buona, nel senso che dura nettamente di più rispetto ad un normale gloss o rossetto, tuttavia 10 ore non saprei...
Sicuramente indossandolo la sera, prima di uscire, resta su fino al ritorno, quindi le sue 5 o 6 ore se le fa tranquillamente e resiste anche mangiucchiando qualcosa, tipo dei crackers o un aperitivo, però se dovete fare un mega pranzo con tanto di antipasti, primi, assaggi ecc allora no, non dura. Probabilmente sono io ad essere troppo impedita a mangiare senza rovinare il rossetto, non ci riesco nemmeno con i long lasting di Mac, quindi non faccio testo, provatelo e mi direte voi se resiste bene anche dopo aver mangiato.

Per quanto riguarda la qualità io lo trovo molto simile alla tinta di Yves Saint Laurent, in quanto condividono pregi e difetti.
Entrambe presentano bellissimi colori, sono molto lucide e durano a lungo, però non sono coprentissime come la pubblicità di entrambe vuole far credere, per lo meno non tutti i colori che ho avuto modo di testare, probabilmente la coprenza cambia un pò anche in base alla tinte perchè la Endless Ruby mi è sembrata invece coprentissima. Inoltre nessuna delle due è propriamente piacevole da portare, sono abbastanza appiccicose anche se questa della Maybelline l'ho trovata un tantino più confortevole e semplice da applicare, ma va comunque applicata con molta cura e in velocità, altrimenti tendono a creare un effetto maculato con zone di colore più intense rispetto ad altre.

Quindi tutto sommato, considerando il prezzo (io l'ho acquistata in offerta ad 8.50€) la trovo molto carina nonostante i difetti elencati e l'effetto sulle labbra in foto non si apprezza, dal vivo è molto più bello. Certo più di 10€ non ce le spenderei, ed è per questo che preferisco nettamente questa versione low cost a quella di costosissima di YSL che comunque, almeno la tinta che ho provato, non mi ha lasciata soddisfatta.

La promuovo, Voto 7.5
Vorrei provare a vedere com'è applicandoci una matita come base.
Continua...

domenica 15 aprile 2012

Vintage Look: Sophia Loren inspiration

19 comments
Io ho un'autentica adorazione per Sophia Loren, sarà perchè mi sembra così surreale che lei, donna di una bellezza e un fascino quasi troppo grande per la portata dei sensi umani, sia una mia compaesana, un meraviglioso fiore cresciuto fra le macerie della Pozzuoli del dopoguerra. Sono cresciuta un pò nel suo mito, tant'è vero che di recente quando ho visto un tutorial ispirato alla Loren realizzato dalle Pixiwoo mi è venuta immediatamente voglia di provarci anch'io ^_^

Trucco ispirato a Sophia Loren by Pixiwoo
Il tutorial delle Pixiwoo, pur essendo bellissimo e magnificamente realizzato, a mio avviso non ricorda molto il trucco della Loren, poichè quest'ultimo ha una geometria di linee abbastanza nette, mentre quello realizzato dalle due sorelli inglesi è molto soft e sfumato.








La mia versione è quindi  un pò più netta. Ho utilizzato un eyeliner liquido sia sopra che sotto, facendoli ricongiungere fra loro attraveso una codinache si allunga verso l'alto. La codina, a sua volta, è "forata" da una coda bianca, che segue la riga interna dell'occhio. Ombretto marrone scuro, tanto mascara, e per concludere blush di un colore ambrato e un nude pesca sulle labbra.


Avete qualche idea vintage alla quale ispirarvi? Aspetto i vostri commenti ^_^
Continua...

lunedì 2 aprile 2012

Ombretto Kimono di Neve Cosmetics

20 comments
Oggi vi parlo di un'altro ombretto della mia collezione dei Neve Cosmetics, cioè Kimono, un viola ciclamino dal finish opaco ma arricchito da piccolissimi glitter rosa. Ho comprato questo ombretto perchè ero rimasta particolarmente colpita dal video swatch caricato da Neve nel canale di Youtube: da asciutto sembrava non particolarmente coprente ma comunque soddisfacente, mentre da bagnato sembrava così pigmentato da somigliare ad inchiostro, che meraviglia! Tuttavia, nonostante il colore è realmente bellissimo anche dal vivo, le mie aspetattive sono state deluse.


Sinistra: applicazione bagnata; Destra: applicazione asciutto. Entrambi senza primer
Come vedete dallo swatch, l'applicazione da asciutto senza primer è pessima. E' poco pigmentato ma soprattutto non si sfuma bene, tende a creare aloni e aggiungendo altro prodotto succede che il pennello "si mangia" una parte dell'ombretto già applicato, creando delle zone vuote.  Bagnato è tutt'altra cosa, non pigmentatissimo come appariva nel canale di Neve ma comunque soddisfacente. Applicandoci una buona base per ombretto anche da asciutto risulta più pigmentato ma la sfumabilità non migliora e il colore si stende a macchie.


Questa è la foto di un trucco che ho realizzato per testarlo (purtroppo è venuta un pò sfocata e giallina) e non vi dico la fatica che è stata per me realizzare un trucco preciso, ben sfumato e uguale per entrambi gli occhi! Ho dovuto aggiungere parecchio colore per ottenere la palpebra così intensa, ogni volta che vi applicavo il pennello comparivano nuove macchie intense e zone vuote. In fine ho aggiunto un ombretto panna fra la piega e l'arcata e del bianco perlato nell'angolo interno dell'occhio, in modo da camuffare un pochino le zone purtroppo poco sfumate.
Io per fortuna ho preso il formato mini e una volta finito senz'altro non lo ricomprerò, per me è bocciato e fino ad ora ritengo sia il peggiore fra gli ombretti Neve che ho provato: alcuni non sono belli come sembrano sul sito (Dragon ad esempio), altri non sono pigmentatissimi (Lavander Fields di cui parlerò prossimamente), ma bene o male li ho trovati tutti ben sfruttabili, tranne questo che non si sfuma nemmeno a pregarlo.
Tutto sommato il risultato non è stato brutto, anche se non è preciso come piace a me, il problema è che non voglio perdere un'ora a snervarmi coi pennelli per ottenere una sfumatura, cosa che con un qualsiasi altro ombretto mi impiega al massimo cinque minuti.

Insomma io lo boccio, Voto 4

Voi cosa ne pensate di questo ombretto? Sarei curiosa di sapere da chi l'ha provato se ha dato gli stessi problemi.
Continua...