Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


mercoledì 17 luglio 2013

i miei rosetti mac, proprio TUTTI.

26 comments

Credo (e spero) di aver raggiunto la mia pace interiore riguardo i rossetti  Mac, quanto meno riguardo la linea permanente attuale: ho tutti i colori che mi piacciono e che so di poter utilizzare, rimarrebbero solo la serie dei pastello, dei marroni e degli aranciati che mi stanno da cani, o vari rossetti che pur intrigandomi si sono mostrati troppo simili a roba che già ho. Credo che ora mi dedicherò ai lipmix alla tutela del mio portafogli.
Così ho deciso di mostrarvi tutti i mie, che dall’ultima volta sono aumentati un bel po’, per compararli e raccontarvi la mia esperienza. Prima però va fatta un’introduzione ai finish che contraddistinguono i rossetti Mac, in quanto ho notato che alcune “guru” in passato hanno diffuso informazioni tutt’altro che precise,  ancora oggi purtroppo ci sono aspiranti blogger/vlogger che invece di informarsi parlano per sentito dire e copiano le nozioni errate di altri facendole proprie.  Sono cose che mi fanno imbestialire, perché anche in un’attività leggera come quella delle blogger ci vuole un briciolo di serietà, scriviamo di prodotti affinché ciò possa tornare utile a chi ha bisogno di una guida per gli acquisti, scrivere sciocchezze mi sembra un giochino egocentrico alle spalle dei lettori. Ma ora sono OT, parliamo dei finish Mac:

 AMPLIFIED: rossetto cremoso lucido, altamente pigmentato e ben coprente. Solitamente si tratta di tinte omogene, ma alcuni amplified sono vagamente iridescenti e cangianti. Sulle labbra risultano molto morbidi e idratanti, tuttavia hanno una buona tenuta: non sbavano e resistono bene ad uno spuntino, ma non sono a lunga tenuta per cui non li trovo ideali per le occasioni in cui c’è da mangiare tanto. Tuttavia li adoro e li stra consiglio, il loro finish luminoso e intenso li rende unici e spettacolari.
CREAMSHEEN: rossetto cremoso (ma un po’ meno degli amplified) leggermente lucido, dalla coprenza costruibile da media ad alta. Sono idratanti e hanno una buona tenuta, forse anche migliore degli amplified. La gamma dei colori proposta mediamente è abbastanza classica, sono perfetti per chi cerca un rossetto da abbinare ad un look soft e poter modulare l’intensità a piacimento.
CREAMSHEEN PEARL: è un finish aggiunto di recente, a differenza dei creamsheen classici è meno coprente e leggermente perlato. I colori sono tutti nei toni del pesca, del beige e del rosa, per un effetto nude delicato, che non cancella le labbra. Onestamente non è il genere di rossetto che comprerei, inoltre esistono molte versioni low cost altrettanto valide.
DAZZLE: rossetto dalla coprenza medio/bassa fortemente glitterato. E’ un finish molto particolare, fuori dal comune, che purtroppo appare solo di tanto in tanto nelle limited edition. La tenuta non è alta ma sono luminosissimi, perfetti per una sera particolare, mi piacerebbe se ne venissero proposti di nuovi.
FROST: rossetto dalla coprenza media, arricchito da una serie di riflessi shimmer.  La tenuta è paragonabile a quella dei creamsheen e la sensazione è decisamente comfortevole. I rossetti shimmer non vanno più molto di moda e in tante temono un effetto eccessivamente metallico che in effetti non dona a tutte, però va specificato che molti dei frost Mac hanno un gioco di iridescenze molto discreto e delicato , vale la pena testarli.
GLAZE: sono rossetti shimmer dalla coprenza molto bassa, lasciano solo un velo di colore. Sono utili per chi cerca un effetto ultra leggero e luminoso o per giocare di layering con basi di matita labbra. Personalmente trovo non valgano quello che costano.
LUSTRE: sono rossetti semi lucidi dalla coprenza bassa ma costruibile fino a media, spesso arricchiti da leggerissime iridescenze. La gamma di colori proposta è molto bella e raffinata, si prestano bene nella scelta del proprio my lips but better, però dovete essere pronte a ripassarlo spesso perché tende a sbiadire, il che non è un vero problema visto che si tratta di colori tenui e facili da applicare anche senza specchietto, ma è bene che voi lo sappiate prima. Non si tratta di rossetti scadenti, semplicemente quando ci si avvicina a tonalità sheer la durata non è mai eccellente, sta a voi decidere se farvi sedurre dai bei colori o cercare qualcosa di simile in formato low cost.
MATTE: rossetti completamente opachi, ultra coprenti e a lunga tenuta, tutti pregi che rendono questo finish abbastanza noto e apprezzato. Un diffuso luogo comune sostiene che i rossetti matte di Mac secchino le labbra, io ritengo che ciò vada smentito. Certo non sono idratanti e se avete problemi di secchezza e disidratazione avvertirete qualche disagio, ma se le vostre labbra sono regolarmente idratate non accuserete di questi problemi. E’ anche vero che non sono tutti uguali, alcuni possono segnare qualche pellicina (Candy Yum Yum ad esempio), ma la maggior parte sono decisamente comfortevoli.
RETRO MATTE: simili ai matte, ma ancora più opachi. Attualmente l’unico superstite con questo finish è Ruby Woo, ma a settembre pare che verranno introdotti in permanente ben 8 nuovi retro matte. Non vedo l’ora! L’effetto di questo finish è spettacolare, veramente unico. Preparatevi però ad abbinare una matita labbra a questo genere di rossetti, sono duri e quindi poco scorrevoli, non è facile applicarlo bene senza contornarlo con una matita dello stesso tono.
SATIN: quasi opachi, solo più cremosi e con una lucentezza molto vaga. Sono molto coprenti e ci sono fra questi rossetti dai colori bellissimi come MAC red, Rebel e snob, però la qualitá é altalenante: alcuni sono perfetti, altri sbavano un po', altri ancora risultano un po' pastosi.
Questi sono i finish della linea base, ci sono inoltre altre linee di rossetti che hanno un packaging e un prezzo differente: Prolongwear Lipcreme: rossetto opaco/satinato a lunghissima tenuta; Prolongwear Lipcolour: rossetto liquido con un lato colorato e l’altro trasparente, per dare colore e alle labbra e fissarlo con una patina lucida a lunghissima tenuta; Mattene Lipstick: rossetto opaco dalla texture morbida, facile da applicare; Sheen Supreme Lipstick: rossetto estremamente lucido e sheer, è paragonabile ad un gloss perciò la tenuta è bassa; Mineralize Rich Lipstick: rossetto idratante con componenti minerali, alta coprenza e finish lucido; Lipmix: rossetti inliquidi in tubetto dal finish opaco, studiati per essere liberamente miscelati fra loro e creare il proprio rossetto personalizzato.Vediamo ora gli swatches dei miei rossetti:
 I ROSSI
rossetto rosso mac
Dark Side: rosso scuro freddo, finish amplified. Buona tenuta e nonostante il colore sia scuretto si applica con estrema facilità. Inoltre non è gotico come sembra (almeno su di me), l’effetto è raffinatissimo. Sto pensando che sia addirittura più bello di Rebel, se pure quest’ultimo è senz’altro più particolare.
Deeply adored: (L.E. Marylin Collection): rosso un po’cupo e opaco, qualcuno l’ha descritto a base mattone ma in realtà tende all’amarena, è somigliante al n°9 dei Rimmel Kate. E’ uno dei miei rossetti rossi preferiti di sempre.
Runaway red: (Discontinuo): rosso intenso e corposo a base spiccatamente blu, finish satinato. Questo è un rossetto che mi ha delusa, da un lato perché è troppo somigliante a Mac Red, che è solo un po’ più chiaro, e d’altra parte perché sbava, lascia stampi e mangiando va via lasciando nulla di sé. Non merita la fama che ha, non lo ricomprerei.
Russian red: Rosso intenso opaco, a base blu ma ben bilanciata. Il più famoso rossetto Mac merita invece tutte le lodi che si leggono a suo riguardo: opaco ma confortevole, non secca le labbra, dura tantissimo e il colore è fantastico, inoltre lascia un effetto velluto sulle labbra che incanta tutte le persone che lo vedono. Quando lo indosso c’è sempre qualcuna che mi chiede che rossetto è, insomma se cercate un bel rosso questo non delude.
M.A.C Red: Rosso intenso e luminoso a base magenta, finish satinato. Questa punta di rosso è meravigliosa e mi sta veramente molto bene. Peccato la tenuta, come il suo fratellino Runaway red (che tanto gli somiglia) su di me sbava e dura poco. Deludente sotto il piano della qualità.
Perpetual flame: è un Prolongwear Lipcream  rosso smorzato, con una leggera venatura lampone. Questo è un tono straordinario, elegantissimo, lo consiglio a tutte coloro che vogliono iniziare a portare il rosso senza rischiare di scegliere una tonalità troppo “squillante”. Inoltre dura tantissimo, con questo potete fare anche lunghe cene ;)
New York Apple: Rosso vino con riflessi rosa e prugna, finish frost. Chi dice che tutti i frost facciano effetto “alieno” o “nonna” (che avranno poi in comune le due cose?) non ha mai provato questa tonalità berry meravigliosa. Peccato che dalla foto non si vedano i suoi incantevoli riflessi, proprio ad indicare che non è affatto così metallico come si teme, ma è anzi estremamente delicato ed elegante.
Ruby Woo: Rosso acceso a base blu, finish retro matte. Cercate un rosso veramente bold? Eccolo qui, il più spettacolare dei rossi mac. Munitevi però di una buona matita per ilo bordo labbra, è piuttosto complesso da applicare con precisione.
Lady danger: Rosso a base arancione acceso e brillante, finish matte. Anche questo è un colore veramente bold, fatico ad indossarlo a causa del suo tono spiccatamente caldo che cozza con la mia carnagione, però mi piace e sto studiando come portarlo alla meglio. Ottima tenuta e buona confortevolezza.
On Hold: rosso chiaro smorzato, finish creamsheen. Questo per me è stato una mezza delusione: una volta uscita dal negozio il colore mi è sembrato diverso sul mio viso. Non è un rosso lampone come il sito lo descrive, ma un rosso corallo rosato, perciò su di me non ha l’effetto naturale che speravo, tende a sembrare un po’ caldo. Però lo abbino bene agli smokey verdi, poi è di ottima qualità.
 I FUCSIA\ROSA
mac rossetti fucsia rosa
Fusion pink: fucsia dal sottotono corallo, con rilfessi cangianti dal rosa all’arancio, finish amplified. Uno dei rossetti più belli e particolari che abbia mai visto, sembra magico! Però è un po’ troppo caldo su di me, non mi dona come vorrei. La tenuta è così così, è uno degli amplified che tende un pelo a sbavare.
Party parrot: (discontinuo) fucsia corallo super acceso, finish matte. Per i medesimi motivi spiegati prima, non riesco ad indossarlo spesso. Questo tende un pochino a seccare le labbra, ma in compenso ha una tenuta straordinaria.
Show orchid: (solo Pro Store) Fucsia freddo acceso con riflessi rosa e azzurrini, finish amplified. Vabbè, ma che ve lo dico a fare? Tutte ormai sanno che amo moltissimo questo rossetto, a tal punto che ormai non compro più rossetti fucsia. Ad esempio ero tentata da Girl about town, ma poi mi sono resa conto che avrei sempre preferito Show orchid a lui, così ho lasciato perdere. Come tenuta è migliore di Fusion Pink, ma comunque non resiste ad una cena.
Candy Yum Yum: Fucsia neon matte. Comprato in un momento di follia, ora non lo amo particolarmente: secca un po’ le labbra e il colore non mi dona in quanto è troppo acceso e contiene una generosa dose di bianco. Però dura tanto e ammetto che è un colore davvero particolare.
Creme de la femme: rosa antico con riflessi champagne, finish frost.  Anche questo è un frost dai riflessi delicatissimi, bello anche da usare come layering. E’ il mio nude, in quanto schiarisce leggermente il tono delle mie labbra ma dandogli una freschezza non paragonabile a certi beige cadaverici. Consigliatissimo
Please me: rosa biscotto matte. Me ne innamorai perché è un punto di rosa particolarissimo e fa tanto bon ton, difficile trovarne di simili, però su di me è un filo troppo caldo e troppo chiaro, ormai sono abituata ad usare rossetti che mi definiscono un po’ di più le labbra.
Snob: rosa mauve chiaro, finish satinato. Altro colore particolarissimo, l’unico dupe noto è il pink pout di Revlon, tonalità non reperibile nei negozi italiani. Anche questo è un po’ troppo chiaro, ma rende magnificamente con il layering, infatti lo sto usando moltissimo.
 I VIOLA
mac rossetto viola
Cyber: Viola melanzana scuro, finish satinato. Il colore è molto bello, unico nel suo genere anche se non semplicissimo da abbinare, peccato la qualità lasci a desiderare: si stende a chiazze ed è molto pastoso. Non mi piace, non lo ricomprerei.
Rebel: Prugna scuro a base fucsia, finish satinato. È uno dei miei rossetti preferiti in assoluto, in tante cercano dei dupes ma in realtà come Rebel non c’è nessun rossetto: coprente, intenso, scuro ma allo stesso tempo luminoso grazie ad una vivacissima base fucsia. Inoltre ha una tenuta da record ed è davvero confortevole sulle labbra, cosa si può pretendere di più?
Heroine (discontinuo): violetto intenso opaco. Super coprente e particolarissimo, un colore unico nel suo genere, meriterebbe di entrare a far parte della  linea permanente.
Violetta:(solo pro store) Violetto luminoso con riflessi azzurrini. Molto somigliante ad Heroine confrontandoli su mano, molto diversi una volta applicati sulle labbra: Violetta è meno coprente e ha un effetto meno bold. Uno dei miei rossetti preferiti di sempre, gira sempre con me quando viaggio, tra l’altro è l’unico degli amplified a resistere bene anche ad un pranzo.
Craving: prugna rosato amplified. Il mio MLBB preferito, è il classico rossetto che riesco ad abbinare a tutto perché sul mio viso risulta molto naturale. Vi consiglio di provarlo, magari su alcune di voi potrà risultare più o meno scuro, ma di certo vi sorprenderà per il suo tono bilanciato e raffinato.
Daddy’s Little Girl (L.E. archie’s girls):  magenta violaceo acceso, finish satinato. Molto bello, molto brillante e anche piacevolissimo da usare: morbido, confortevole, ma allo stesso tempo dura tantissimo e si applica in modo uniforme in maniera assai agevole. Peccato però lo sto usando poco, ancora devo trovare un abbinamento convincente con questo rossetto.
Quite cute (L.E. Quite Cute): lilla chiaro, finish creamsheen. Altro colore acquistato in un momento di follia, sulle mie labbra risulta grigiastro e l’effetto cadavere è inevitabile. Ottimo però da usare con la tecnica del layering.
 COLORI NON IDENTIFICATI
Tanarama: oro frost. Lascia un velo di colore luminoso davvero bello, peccato che questo genere di colori a me non donano, ormai l’ho capito u.u
Caliente (L.E. Temperature rising): color ruggine con riflessi rosa e prugna. , finish dazzle. È una cascata di glitter spettacolare, se avesse avuto una base meno marrone sarebbe stato perfetto. Lo correggo applicando prima una tinta fucsia. 
To Pamper (L.E. Burmese Beauty): taupe lustre. Che colore strano, è quasi grigio! Ma paradossalmente sulle labbra è davvero carino, specie con una matita a base berry per il layering. Peccato la durata sia scarsina.

Avete qualche rossetto da suggerirmi che non ho?

A presto ^_^

Commenta con Facebook:

26 commenti :

  1. *O* meraviglia delle meraviglie. Ho letto il post con carta e penna per prendere appunti.
    All'inizio sui finish MAC ero molto confusa, in troppe dicevano troppe cose diverse. poi mi sono andata ad "informare" per conto mio (oltre che a provarne diversi) e ho capito.
    L'unica cosa che mi perplime è che in molte siete d'accordo sul fatto che i frost siano confortevoli. Io ho Creme de la Femme, che adoro come colore e non fa né effetto alieno né effetto nonna, ma mi secca tantissimo le labbra, le sento tirare dopo un'oretta e mi si spaccano. lo devo mettere per forza con un buon balsamo labbra sotto, ma anche così la situazione non migliora poi molto.

    RispondiElimina
  2. Che bel post :)...per me che non posso vederli dal vivo è davvero utile leggere un post del genere!

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il post! Sarà uno di quelli che terrò bene a mente, soprattutto perchè mi ha appena insegnato, al contrario di quanto sapevo che i creamsheen sono durevoli *__* E io che pensavo non durassero una cippalippa da quel che si dice in giro...! Abbiamo qualche rossetto in comune, ma invidio fortemente i tuoi Heroine e Daddy's Little girl che putroppo non sono mai riuscita a trovare insieme al rosso di cui ora mi sfugge il nome (faceva parte sempre della stessa LE). Condivido subito questo post in pagina, grazie Annalisa!

    RispondiElimina
  4. Questo genere di post mi piace sempre tantissimo! Show Orchid è il mio grande amore, peccato che non riesca mai a trovarlo al Pro Store di Milano :(
    Ti consiglio Plumful e Impassioned. Sono tra i miei rossetti preferiti ultimamente!

    RispondiElimina
  5. Complimenti per il post... ci hai dato finalmente una delucidazione eccellente... che belli che sonooooo *-* io ne ho solo 3.. ma credo fortemente nella loro crescita xD.....

    RispondiElimina
  6. Cielo santissimo! Quanti rossetti meravigliosi! Ç.Ç sono quasi commossa! ;)
    La mia piccola esperienza in casa mac si limita al ruby woo, il rossetto più bello che sia mai entrato in mio possesso, è amore!
    Mi piacerebbe tentare altri acquisti, ma ho paura di prendere un abbaglio, anche perché non sono ancora riuscita a capire bene il mio sottotono e quali colori possano valorizzarmi :( ho ancora tanta strada da fare...

    RispondiElimina
  7. voglio che tu sappia quanto io sto sbavando..... e finalmente, ho capito cosa vuo dire frost XD

    RispondiElimina
  8. Tre rossetti citati qui presto spero arriveranno tra le mie manine :D Domanda da un milione di dollari: che matita labbra ci metti con Ruby woo?

    Comunque a me gli amplified durano tantissimo °_° E Impassioned, ad esempio, resiste anche ad una cena XD

    RispondiElimina
  9. Magari potresti provare con Angel. Delicatissimo, chiaro, con un sottotono più freddo che caldo. Un colore molto bello berry/ ciliegia è Speak louder.ottimo anche come resa.

    RispondiElimina
  10. wow anche io volevo fare un post sui miei rossetti Mac, ma se mi metto anche a descriverli mi ci vuole una settimana XD
    Allora se questi fossero i miei rossetti sicuramente mi mancherebbero i nude, pallidi, i corallo e qualche My lips but better in più XD hai detto che gli aranciati ti stanno male, ma un corallo rosato? tipo un Viva glam Nicki che però è più un rosa che un corallo. Pppoi tra i miei nude non sbiancanti preferiti direi Freckletone e Shangai spice (colorini easy ma che personalmente adoro)

    RispondiElimina
  11. wow. Tutti i rossi sono davvero strepitosi.
    Non ho ancora mai provato un rossetto mac (che guaio ._.), mi piacerebbe tantissimo provare il tanto famoso Ruby woo

    RispondiElimina
  12. Uno scrigno dei Tesori :) oltre a quelli che già possiedi potrei dirti Captive e Dubonnet <3

    RispondiElimina
  13. @Elli: impassioned mi sta malissimo, tra l'altro è quasi identico al mio Party parrot. Plumful non mi garba per la durata infima.

    @Piper: Se ti sta bene ruby woo prova qualche colore freddo come full fucsia o rebel

    @Pink me up: per ruby woo uso la 307 di kiko

    @Xasperadastra: i corallo mi stanno tutti male, anche quelli rosati, se poi sono anche neon come il Viva Nicki I non ne parliamo proprio! freckletone e Shangai spice non sono affatto colori easy su di me: tendono al pesca e sono troppo chiari, il genere di tonalità che mi sta peggio.

    @Deasense: Captive e Dubonnet mi piacciono moltissimo, ma il primo su di me è troppo smigliante a craving mentre il secondo non mi sta bene, troppo marrone :(

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia *_* hai una collezione bellissima!!
    Me ne segno alcuni *_*

    RispondiElimina
  15. "Chi dice che tutti i frost facciano effetto “alieno” o “nonna” (che avranno poi in comune le due cose?) non ha mai provato questa tonalità berry meravigliosa. "

    ironia della sorte, fu proprio lui a farmi capire che i frost era meglio lasciarli alla disco music XD

    RispondiElimina
  16. Hai una collezione di rossetti Mac di tutto rispetto, complimenti :)

    RispondiElimina
  17. Wow wow wow, post davvero succulento!
    I rossetti frost li ho rivalutati di recente, ce ne sono molti davvero carini, e poi illuminano moltissimo il viso!

    RispondiElimina
  18. ciao nuova follower ! ma che meraviglia *__* hai una collezione da invidiare :)

    RispondiElimina
  19. Questo post è qualcosa di straordinario... Non ho niente di MAC perché non ho negozi vicino dovrei comprare online, ma i rossetti mi ispirano un sacco e la tua collezione è bellissima

    RispondiElimina
  20. Ciao bella, ho letto che stai cercando le bomboniere...io all'epoca (2007) feci una campanella di cristallo che era semplicissima...Non costò nemmeno tanto, ed era lineare, fine e graziosa.
    Comunque, in tema di bomboniere, se dovessi farle oggi farei una scelta diversa...Ad esempio, quando verrà il momento di sceglierle per la Prima Comunione della bambina, il mio sogno sarebbe quello di fare le bomboniere solidali, quelle dell'Unicef oppure di Onlus che si occupano di bambini abbandonati o malati. saranno semplici, non saranno chic, ma per me l'idea di poter contribuire ad aiutare qualcuno anche nei momenti più belli e importanti della mia vita sarebbe la gioia più grande. Sarebbe come condividere la gioia dell'evento con le persone meno fortunate.
    chiusa la parentesi che spero non ti abbia annoiato, son sicura che con il tuo buon gusto farai una scelta ottima ed elegante. Un abbraccio, a presto!

    RispondiElimina
  21. Trovo molto interessante questa guida sui rossetti, ora ho ben chiara la situazione sui vari finish. Grazie!

    Sai per caso se rilasciano minisize di rossetti alla Mac, sotto richiesta? Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
  22. Sono tutti bellissimi *-*
    Io ho soltanto Rebel ed è fantastico, proprio come dici tu...lo adoro davvero!
    Nella mia wishlist, poi, ci sono Ruby Woo e Girl about town ;-)

    RispondiElimina
  23. Candy Yum Yum lo devo avere!
    Quanto amo i MAC!

    RispondiElimina
  24. Che collezione meravigliosa, questo post finisce dritto nei Preferiti come promemoria per prossimi acquisti. tra l'altro abbiamo gusti molto simili nella scelta dei colori, e non saprei che altro consigliarti. Tra quelli da te consigliati mi ispirano molto Perpetual Flame e New York Apple.

    RispondiElimina
  25. Una guida all'acquisto impeccabile! Molto utile anche la spiegazione dei finish.
    Ora mi segno tutto :3

    RispondiElimina