Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


domenica 29 dicembre 2013

I migliori prodotti del mio 2013

19 comments
Anche col finire nel 2013 mi ritrovo a fare alcune considerazioni riguardo i prodotti che ho usato: quelli che mi hanno entusiasmata e quelli che invece mi hanno delusa. Oggi parliamo dei buoni, i cattivi li rimandiamo ad una seconda puntata :D


PRODOTTI OCCHI




Anche quest'anno ho usato soprattutto Ombretti Inglot, ai vecchi ne ho aggiunti di nuovi e sarebbe lungo e inutile citare ognuno, mi hanno soddisfatta tutti e si riconfermano i migliori ombretti professionali come rapporto qualità prezzo. 

Altra conferma è la mia passione per l'oro, l'argento e in genere tutti i colori intensi e metallici: la Pretty Rebel di Too Faced ha soddisfatto le mie esigenze con ombretti bellissimi e di qualità sublime. 

Cercando ombretti in tinte neutre con il finish setoso ho ritrovato la palette di Dior Earth Reflection, che comprende due marroni freddi, un bianco avorio, un dorato chiaro e un rosa carne molto luminosi e particolari,  una delle poche palette griffate che per me vale la pena acquistare. 

Ho riscoperto quanto possono essere belli i toni pastello se accoppiati a colori intensi, specie se sono carichi di luce e non smorti e grigiastri come spesso accadde, perciò ho amato la palette Lagoon di Sleek, 10€ ben spese.

Infine ho scoperto finalmente degli ombretti glitterati veramente sbrilli e luminosi *___* insomma non di quelli che una volta applicati i glitter sembrano sparire fra i pigmenti dell'ombretto: sto parlando dei Baked Eyeshadow di Wjcon, in particolare del 216 che è un nero carico di pagliuzze dorate.

Per quanto riguarda i mascara ho beccato un bel po' di sòle quest'anno, i miei preferiti sono stati L'Ultra Teck di Kiko e l'High Lenghts di Clinique. Entrambi allunganti, il primo molto economico e adatto più o meno a tutti i tipi di ciglia, il secondo abbastanza costoso, a lunga tenuta e caratterizzato da un nero super intenso ma adatto solo a chi ha le ciglia abbastanza folte di natura. Entrambi li sto amando e li ricomprerò.

In merito alle matite rimango al quanto banale: non uso matite colorate, se non per farci qualche base, e la mia scelta ricade sempre su quella nera o, saltuariamente, su quelle marroni o color carne. Per cui ne ho solo una da citare, ovvero la Perversion di Urban Decay: nero che più nero non si può e ottima tenuta. La uso solo nella riga interna, per l'esterno preferisco matite nere più dure e fondamentalmente mi basta che siano appena decenti, non ho grandi pretese.

In fatto di Eyeliner quest'anno le ho provate tutte, ne ho anche comprato uno in gel piuttosto costoso di cui vi parlerò a breve, ma torno sempre al mio vecchio amore: l'eyeliner liquido a lunga tenuta di Sephora. Ha un applicatore in feltro ultra preciso, non basta un po' di sudore a farlo sciogliere ed è di un nero intensissimo e semi lucido. Tanto amore!

Quest'anno, infine, ho avuto modo di provare la Shadow Insurance di Too Faced (di cui riparlerò in un'altra lista meno simpatica), la mia Eden di Urban Decay esce imbattuta.


PRODOTTI VISO



Quest'anno ho provato moltissimi fondotinta fra i quali tutti quelli liquidi di Mac. Nessuno è ancora riuscito a sostituire il mio bellissimo (e purtroppo carissimo) Teint Miracle Lancome.

Anche il Pro Longwear Concealer di Mac rimane re dei miei correttori per occhiaie, c'è da dire però che non ho nemmeno provato a sostituirlo.

Quest'anno ho finalmente trovato un prodotto veramente efficace per fare contouring sul mio incarnato pallido e freddo: il Blush Taupe di Nix. Ultimamente ho anche trovato un fondo in stick scuro di Kiko che svolge in modo eccellente questa funzione, ammetto però che con le polveri si va meglio quando si è di fretta. 

Per quanto riguarda i blush ne ho usati numerosi, cambiandoli a seconda del rossetto da usare, ma hanno colpito il mio cuore il numero 1 dei Soft Mousse Blush di Wjcon, un rosa baby delizioso; il Lovers di Paul & Joe, un rosso melograno che si abbina alla maggior parte dei miei rossetti; e il Cubic di Mac, un rosa biscotto che scelgo per i look freschi e leggeri. Meritano una menzione speciale Sakura di Mac, un rosa/lilla abbinato ai rossetti viola;  Sumptuous Burgundy di Kiko, un borgogna violaceo abbinato ai rossetti prugna;  Ruhbarb di Mac, un magenta da abbinare ai rossetti fucsia; Coy Girl di Mac da abbinare al mio mlbb, Craving.

Ho trovato infine una buona terra per riscaldare un po' il colorito quando uso Lady Danger di Mac: la Chanel Les Beiges, ottima perchè poco pigmentata e dal tono naturale per il mio viso.

PRODOTTI LABBRA




Questo è stato l'anno dei berry per me, ho un po' messo da parte i rossi brillanti preferendo quelli un po' più profondi e violacei, come Perpetual Flame di Mac e il Rimmel di Kate 09. Sempre sul tono berry ho trovato un bellissimo gloss, il Glossimer Crushed Cherry di Chanel e uno dei pochi rossetti frost che amo, ovvero il New York Apple di Mac. Mentre lo scorso anno amavo i fucsia chiari come Show Orchid di Mac, quest'anno ho preferito quelli più intensi come Funny Face di Nars e Madame Batifole di Guerlain. Ho dato spazio alla mia passione per i rossetti cupi, come Rebel di MacDark Side di Mac o uno più soft come Private Party di Mac e ho aggiunto un meraviglioso viola alla mia collezione: il fantastico Heroine di Mac. In questo trionfo di toni dei frutti di bosco fanno eccezione Minuit di Dior, un fucsia rosso ravvivato da glitterini rosa e Dragon Girl di Nars, il rosso più acceso e più figo che abbia mai visto. Merita una menzione speciale il mio rossetto da battaglia, il mio mlbb, ovvero il povero bistrattato Craving, quello che mio marito (rossettomane pure lui) definisce un rossetto inutile perchè non si nota. Eppure lui c'è e io lo apprezzo *___*

Ecco, la mia lista è completa.
Fatemi sapere se siete in accordo o in disaccordo con me, intanto io vi lascio i miei affettuosi auguri di buon anno ^____^

Continua...


venerdì 27 dicembre 2013

Piccola guida ai fondotinta fluidi di Mac

20 comments

Una delle domande che ricevo più di frequente riguarda le differenze fra i vari fondotinta Mac. Riguardo quelli in polvere e quelli in crema compatta ho poco da dire, non uso questo genere di prodotti per cui non li ho mai provati, ma su quelli liquidi sono abbastanza preparata.
Uno dei vantaggi di avere amici che lavorano per Mac è il fatto di poter ottenere buone quantità di campioncini con una certa facilità, insomma senza vedere facce dubbiose o contrariate. Da alcuni di questi ho poi avuto spunto per fare degli acquisti (più o meno azzeccati), altri invece mi hanno convinta poco sin da subito.

Prima di arrivare al sodo, voglio specificare che queste sono solo opinioni personali (una sorta di mini recensioni), maturate dopo aver constatato come questi fondotinta interagivano con la mia pelle. Questo significa che su ogni tipo di pelle, su ogni persona, l'effetto sarà diverso e quindi valutato più o meno positivamente rispetto alla mia valutazione del prodotto. Per tale ragione è impossibile a rispondere a domande da un milione di dollari come "qual è il fondo migliore in assoluto?" oppure "ma vale la pena spendere 30€ per questi fondotinta?", la risposta sarà di volta in volta diversa a seconda dei casi.

Per farvi capire meglio il modo in cui sono giunta a certe valutazioni, vi faccio una breve descrizione della mia pelle. Sono molto chiara, fra i Mac scelgo il 15 o l'1 a seconda del tipo di numerazione, con sottotono beige freddo, per cui tendo a preferire i neutri o quelli rosati ma non troppo, i gialli invece mai. Beccare un colore adatto al mio incarnato è difficile e purtroppo trovarne uno fra fondi economici e reperibili sembra un'impresa impossibile. La mia pelle la si potrebbe classificare come "normale", nel senso che non la si può definire ne secca ne grassa, tuttavia durante il giorno la zona T tende a lucidarsi ma se uso prodotti sebodrenanti immediatamente mi si spacca, squamando come un pesce al sole. Quest'ultimo aspetto per me è cruciale, ha determinato la bocciatura di moltissimi fondotinta e ha reso ancora più complesso trovarne uno adatto a me. Salvo sbalzi ormonali, non ho brufoli e non ho macchie, i miei pori sono abbastanza stretti e ho solo da smorzare un po' di rossori diffusi.

FACE AND BODY

Coprenza: molto bassa
Finish: luminoso
Texture: molto fluida
Tenuta: media
Strumento ideale: dita o al massimo pennello a lingua di gatto molto sottile
Consigliato a: chi ha pochissime imperfezioni
Pregi: leggero, naturale, modulabile, utilizzabile anche sul corpo
Difetti: sin troppo leggero, tende a lasciare il viso lucido.
Prezzo: 30.75€ per il 50 ml e 37.75 per il 125 ml

Questo famosissimo fondotinta a base d'acqua viene venduto in confezioni più grosse rispetto ai classici 30 ml di formato, questo perchè viene usato non solo per truccare il viso ma anche per rendere più omogeneo il colorito del corpo, in particolare gambe e decoltè. Nonostante il prodotto sia tanto non aspettatevi un eccezionale rapporto quantità/convenienza: Il Face and Body va usato in quantità generose e stratificato perchè, essendo estremamente liquido e poco coprente, il pennello tende a "mangiarselo" e con le dita, pur picchiettando delicatamente, si tende a trascinarlo via. Quindi il rapporto quantità prezzo è giusto, nella media. Durante l'estate 2012 l'ho testato per un mese con dei sample e non mi è piaciuto: copre davvero troppo poco per me e non mi va di passare il tempo a lavorarlo a strati, tanto vale comprare un fondo più coprente. Inoltre mi lasciava la pelle semi lucida, come bagnata, e con la cipria riuscivo ad arginare il problema solo parzialmente. Nemmeno come tenuta mi ha soddisfatta molto, dovrebbe essere water resistent ma non lo è, tende a sparire completamente con un po' di sudore. Le colorazioni si dividono in C (nettamente caldo e giallo) e N (neutro), su di me rende meglio N ma nessuno dei due è perfetto.
Non lo consiglio per il self make up, se non forse in alcuni casi specifici. Può rendere bene  sulle giovanissime che cercano un fondotinta leggero per uniformare un po' l'incarnato senza correre il rischio di fare mascheroni, a patto però che abbiano una pelle piuttosto secca. Buono anche sulle pelli mature ma solo su quelle che mostrano segni di disidratazione, per le pelli asfittiche con pori dilatati è tabù. Torna anche utile su coloro che vogliono lavorare il fondo a strati per renderlo più coprente solo in determinate zone (ad esempio chi ha le lentiggini e non vuole coprirle)
Insomma io per l'uso quotidiano l'ho bocciato, per me ci sono fondotinta effetto pelle nuda migliori di questo, lo uso moltissimo per lavoro perchè mescolato a fondotinta più pesanti permette di creare l'effetto giusto di volta in volta, inoltre è utile per lo strobing e per fare "effetto calza" sul corpo, insomma lo trovo irrinunciabile ma non per l'uso che ne farebbe una donna comune per valorizzarsi al mattino.

MATCHMASTER



Coprenza: modulabile da bassa a media
Finish: matte
Texture: un po' densa
Tenuta: media
Strumento ideale: pennello da fondotinta tondo o spugnetta
Consigliato a: chi pur non avendo molte imperfezioni, cerca un effetto levigato come porcellana
Pregi: opaco ma luminoso, tende a levigare le linee d'espressione e la grana della pelle, si adatta al sottotono
Difetti: credevo fosse più coprente e mi aspettavo avesse una tenuta migliore. Ha un odore sgradevole di colla
Prezzo: 35.79 per 30 ml

Questo fondotinta e fantastico su certi aspetti ma molto deludente su altri. E' l'unico fra i fondotinta Mac a non avere distinzioni per sottotono, in quanto dispone di colori piuttosto neutri che si adattano a seconda dell'incarnato di chi lo indossa. L'effetto camaleonte su di me funzionava bene e ho adorato il numero 1 di questo fondotinta, inoltre mi piaceva molto il suo finish effetto porcellana che levigava la pelle e, nonostante del tutto opaco, lasciava il viso pieno di luce. L'effetto fotografico era grandioso, la pelle sembrava fotoritoccata. Ero così entusiasta che corsi a comprarlo, l'entusiasmo, però, a volte fa cattivi scherzi.
Uno sbalzo ormonale mi ha portato uno sfogo tipo acne sulla mascella destra, con questo fondotinta non riuscivo ne a nascondore i brufoletti ne le cicatrici e le macchiette, nemmeno quando queste cominciavano ad attenuarsi. Insomma è ottimo per le discromie, per veri e propri inestetismi assolutamente no e da un fondo così visivamente "importante" (non è certo uno di quelli effetto pelle nuda) mi aspettavo più coprenza. Molte dicono che ha una buona tenuta, su di me si scioglieva e lasciava cumuli di prodotto nelle pieghe del viso.
L'ho gentilmente ceduto a mia sorella che, avendo la pelle acneica, non ne ha affatto apprezzato la coprenza. Insomma non modulabile, non permette un effetto naturale in alcun modo ma non offre nemmeno una reale coprenza lì dove è necessaria, mi sembra un fondotinta da modella: ottimo per rendere perfetta in fotografia chi è già quasi priva di difetti ma poco efficace per le esigenze quotidiane di ogni donna.

STUDIO FIX FLUID


Coprenza: modulabile da alta a quasi totale
Finish: matte
Texture: densa e corposa
Tenuta: molto alta
Strumento ideale: spugnetta ovale o pennello tondo + rifinitura a spugnetta
Consigliato a: chi ha molti inestetismi da coprire, rende meglio su pelli grasse.
Pregi: opaco effetto porcellana; tende a levigare le linee d'espressione e la grana della pelle; estremamente coprente; dura tutto il giorno, no transer e resistente all'acqua.
Difetti: pastoso e un po' complesso da lavorare per chi non ha manualità; è sprovvisto di dosatore; con l'uso continuato secca la pelle; ha un odore di colla
Prezzo: 30.79 per 30 ml

Questo fondotinta (come tutti gli altri che vedremo dopo) è diviso in colorazioni NC (Neutralize Cool) che ha un sottotono giallo/caldo e NW (Neutralize Warm) che ha un sottotono rosa/freddo. Siccome vi leggo nella mente so che vi starete chiedendo perchè un fondotinta caldo si chiama Neutralize Cool, quindi vi rispondo: secondo i fini professionali di chi ha creato il marchio ogni incarnato deve puntare alla neutralità, perciò su una pelle giallina suggeriscono un fondo rosa e viceversa. E' una pratica che io non vi consiglio, lo stacco con il collo e l'effetto simpson/peppa pig è in agguato.
Lo Studio Fix Fluid è stato il mio primo fondo Mac, nonchè il primo fondotinta che ho acquistato personalmente nella mia vita. All'epoca, circa 5 anni fa, ero convinta che un fondotinta buono dovesse essere super coprente e super opaco, solo con il tempo mi sono accorta questo genere di prodotto è meglio lasciarlo a chi combatte con inestetismi importanti, mentre chi ha una buona pelle starà meglio con prodotti più leggeri che ne mettano in risalto la freschezza, intervenendo di correttore giusto lì dove è necessario. Ho usato questo fondotinta per circa 5 mesi: durante i primi due o tre andava tutto bene, mi piaceva il fatto che durava tutto il giorno senza lucidare e che mi coprisse persino le occhiaie senza dover usare il correttore. L'unico difettuccio era che si sfumava un po' a fatica, essendo tanto pastoso ci perdevo tempo con il pennello e quindi non è un fondotinta ideale quando si va di fretta e si ha ancora scarsa manualità. Insomma le cose non andavano poi male finché la mia pelle si è ribellata: ha cominciato a squamare prima sul naso, poi sulla fronte, poi su tutto il viso. A nulla sono serviti peeling, impacchi all'olio di argan e creme nutrienti, continuava a seccarmi la pelle e ho dovuto regalarlo a mia sorella (che invece lo ha amato).
E' un fondotinta molto usato dai mua perchè copre molto e ha un effetto fotografico eccellente, ho visto spose magnifiche truccate con lo studiofix fluid. Tuttavia è un fondo pesante e lo consiglio o a scopi professionali o a chi ha la pelle acneica e nelle occasioni speciali vuole un po' di coprenza in più, per tutti i giorni non lo trovo adatto. Io lo uso quotidianamente per lavoro e ho imparato che rende al massimo con la Beauty Blender bagnata, tamponando in velocità, e lo mescolo con il F&B per alleggerirlo. Lo uso assoluto solo quando ho delle imperfezioni ostiche.

STUDIO SCULPT

Coprenza: modulabile da alta a molto alta
Finish: satinato
Texture: cremosa
Tenuta: medio alta
Strumento ideale: Pennello da fondotinta tondo
Consigliato a: chi ha la pelle secca ma cerca una buona coprenza
Pregi: lascia la pelle morbida e luminosa; copre bene con poco prodotto; ha una buona tenuta.
Difetti: Ha un odore sgradevole
Prezzo: 31.76 per 30 ml

Questo in un periodo di pelle secca, è stato il mio fondotinta preferito di Mac, l'ho usato molto  alternandolo al Teint Miracle di Lancome ma ora che sono tornata alla normalità lo trovo veramente troppo grasso per me. Si tratta di un fondotinta dalla formula particolare, una sorta di crema/gel molto morbida e idratante che lascia la pelle luminosa ma non lucida come il F&B. Con poco prodotto copre bene le discromie e le piccole imperfezioni di tutto il viso, aggiungendo più prodotto si riescono a coprire anche inestetismi più importanti. L'effetto è più naturale rispetto a quello che ottenevo  il matchmaster  per via della sua modulabilità, ma bisogna fare molta attenzione a non aggiungere troppo prodotto perchè tende facilmente a segnare le linee d'espressione e i pori della pelle. E' molto usato dai professionisti perchè essendo morbidissimo e non asciuga velocemente, permette di realizzare contouring grassi molto precisi e curati. Insomma non è un cattivo prodotto, ma risponde bene solo ad esigenze ben specifiche. Odio di lui l'odore e il fatto di doverlo agitare a lungo prima dell'uso.

STUDIO MOISTURE TINT

Coprenza: molto bassa
Finish: satinato
Texture: cremosa
Tenuta: bassa
Strumento ideale: dita o al massimo un pennello a lingua di gatto molto sottile
Consigliato a: chi ha una buona pelle e cerca un prodotto idratante che migliora il colorito
Pregi: effetto naturale e illuminante
Difetti: non copre una ceppa e non è modulabile; non dura più di qualche ora; inadatto alle pelli oleose
Prezzo: 30.25 per 40 ml

Conosco poco questo prodotto in quanto l'ho provato solo una volta in negozio, ma non c'è molto da dire al riguardo: è una crema colorata, migliore di moltissime altre viste in commercio ma non ci si aspetti le prestazioni di un fondotinta. E' interessante il fatto che vi sono 7 tonalità di colore che vanno da Light a Dark Plus, quindi si differenzia dalle altre case cosmetiche che di solito fanno solo due o tre tonalità di creme colorate, però 30€ per questo genere di prodotto secondo me sono troppe.

PRO LONGWEAR

Coprenza: modulabile da alta a molto alta
Finish: matte
Texture: un po' densa
Tenuta: molto alta
Strumento ideale: Pennello da fondotinta tondo o spugnetta
Consigliato a: chi ha la pelle grassa e cerca un fondo coprente che non si sciolga
Pregi: coprenza alta con una sola passata ma ulteriormente modulabile; altissima tenuta; abbastanza semplice da applicare
Difetti: adatto solo a chi ha la pelle grassa, segna un po' le linee di espressione e i pori.
Prezzo: 33.27 per 30 ml

Questo è un fondo che ho testato poco perchè su di me era disastroso: la pelle sembrava secca come un pezzo d'argilla, i pori e le linee d'espressione mi sembravano evidenziati, qua e la si alzavano anche delle pellicine, insomma mi imbruttiva un bel po'. Però mantiene quel che promette: copre bene e dura a lungo, tranquillamente tutto il giorno. Se avete la pelle molto grassa probabilmente lo amerete ma, così come dicevo riguardo lo studio fix fluid, trovo non sia il fondotinta ideale da usare quotidianamente in quanto "trucca" molto e per la pelle risulta pesante. Un fondotinta da usare saltuariamente a mio avviso, da riservare alle occasioni particolari.

SELECT 


Coprenza: media
Finish: matte
Texture: fluida
Tenuta: medio-alta
Strumento ideale: Pennello da fondotinta tondo o a lingua di gatto
Consigliato a: chi cerca un effetto naturale ma opaco
Pregi: facile da applicare, coprenza buona ma non eccessiva
Difetti: secca la pelle; tira sul viso; gli inestetismi tridimensionali come i brufoli spesso vengono evidenziati invece che nascosti.
Prezzo: 30.27 per 30 ml

Mi sembra di capire che sia fuori produzione, perciò non mi soffermerò a lungo. Da un fondo a base d'acqua che promette un effetto naturale non mi aspettavo un risultato così finto e gessoso, probabilmente non era il fondotinta adatto al mio tipo di pelle ma a questo punto se sta sparendo dai negozi un buon motivo ci sarà...

MINERALIZE MOISTURE

Coprenza: bassa
Finish: satinata
Texture: cremosa
Tenuta: medio-bassa
Strumento ideale: Pennello a lingua di gatto o dita
Consigliato a: chi cerca un effetto naturale ed idratante
Pregi: facile da applicare; effetto leggero e naturale; migliora il colorito
Difetti: copre solo leggere discromie; tende a lucidare perciò inadatto alle pelli miste o oleose
Prezzo: 35.79 per 30 ml

Da quando è stata introdotta la crema colorata, in casa Mac hanno avvertito l'esigenza di rinnovare il loro Mineralize liquido che prima era eccessivamente lucido e poco coprente, più simile ad una crema colorata che ad un vero fondotinta. Questo lo trovo nettamente migliore del suo predecessore e mi è sembrato un buon prodotto ma comunque ancora troppo simile ad una crema colorata e il rapporto qualità prezzo mi lascia perplessa, perciò non lo comprerei. Consigliato alle donne mature che hanno bisogno di idratazione senza appesantire il viso, inadatto sulle pelli grasse o asfittiche

Insomma i fondotinta Mac non mi fanno impazzire per quanto riguarda il self make up di tutti i giorni: molti nascono a scopo professionale e sono ottimi per tale scopo (Studio Fix Fluid e Face & Body sono eccellenti per i mua) e perciò non rendono benissimo nell'uso quotidiano, altri li trovo troppo costosi rispetto ai vantaggi che offrono.
Quindi vi consiglio di farvi dare dei campioncini prima di acquistare un fondotinta da Mac: quello che in negozio vi sembra bello e convincente una volta tornate a casa potrebbe rivelarsi completamente inadeguato alle vostre esigenze, specie dopo averlo testato 4 o 5 volte.

A presto ^_^
Continua...

domenica 22 dicembre 2013

Make up Dicembre

8 comments

Dopo il look di Novembre, eccoci tornate all'appuntamento mensile in collaborazione con Laura di Evolution Make up per interpretare in senso truccoso il mese di Dicembre. Il look di laura (potete vederlo qui) si ispira all'agrifoglio, un tipo di pianta che matura le sue caratteristiche bacche nei mesi invernali ed è diventato simbolo del Natale. Io invece mi sono ispirata alle luci, i colori e all'aria che si respira nel mese di dicembre girando per la mia città.

La prima cosa che mi viene in mente pensando a dicembre è una strada di Napoli che espone bellissimi presepi: San Gregorio Armeno. Ci si perde ad osservare questi micro mondi in cui la vita è sospesa in un attimo sereno, una visione che scalda il cuore e con la sua bellezza riesce a consolare, anche solo per qualche istante, l'osservatore stanco e deluso dalle brutture del mondo. E Napoli, con le sue viuzze buie illuminate dalle luci dorate delle botteghe, con i palazzi antichi color carta pesta, con le vetrine imbandite di cibi deliziosi, è come un grande presepe che a Natale sa conquistare e commuovere.


Questo make up rispecchia idealmente il mio dicembre: l'oro delle luci, il bronzo della carta pesta dei presepi, il rosso dei cuori colmi di nuove speranze verso il nuovo anno.

Prodotti usati:
- Palette Pretty Rebel di Too Faced: colori Charming e Instigator
- Eyeliner liquido Sephora in feltro
- kit per sopracciglia Kiko
- Mascara Voluminous x5 L'Oreal
- Blush Cubic di Mac
- Terra Les Beiges di Chanel
- Fondotinta Flat Perfection di Neve Cosmetics i Fair Neutral
- Correttore Pro longwear NW20 di Mac
- Rossetto Runaway Red di Mac


Buon Natale a tutte voi!
Continua...

giovedì 19 dicembre 2013

#7daysmakeupnails: Gold and Silver

6 comments

Manca poco al natale, così My Beauty Tools ha ideato questo simpatico proggetto con le sue amiche conterranee per mostrare, durante questa settimana a partire da oggi,  idee trucco/nail art da sfoggiare durante le feste, qui trovate tutte le regole per parteciparvi. Vi lascio i link alle quattro organizzatrici:

My Beauty Tools
Il Taccuino dell'Elfa
La Favola Russa
BeautyBats

Per chi a Natale non può rinunciare ai riflessi preziosi dei metalli, ecco un trucco in oro e argento. Realizzarlo è proprio semplice, riesce a far scena anche se no si è particolarmente ferrate con le sfumature, l'unica difficoltà sta nel trovare un oro e un argento veramente luminosi e metallici, effetto foglia. I miei sono della palette Pretty Rebel di Too faced. Ecco un mini tutorial per realizzarlo:

1- Inizio applicando l'oro fino a metà palpebra, mettendone un po' anche lungo la rima inferiore dell'occhio.
2 - Sull'altra metà della palpebra ho applicato l'argento.
3 - Ora uso una matita nera per definire il bordo delle ciglia e la rima interna.
4 - Nella piega e sull'angolo esterno applico un po' di nero.
5 - Sfumo il nero con molta cura, aiutandomi con un ombretto color carne opaco.
6 - Dopo aver sfumato al meglio, ho completato il trucco con mascara e matita per sopracciglia.

Ho completato il look con un rossetto rosso che tende al fucsia: Minuit di Dior

A presto ^_^

Continua...

mercoledì 18 dicembre 2013

#7daysmakeupnails: Purple Christmas

11 comments


Manca poco al natale, così My Beauty Tools ha ideato questo simpatico proggetto con le sue amiche conterranee per mostrare, durante questa settimana a partire da oggi,  idee trucco/nail art da sfoggiare durante le feste, qui trovate tutte le regole per parteciparvi. Vi lascio i link alle quattro organizzatrici:

My Beauty Tools
Il Taccuino dell'Elfa
La Favola Russa
BeautyBats

Il trucco di oggi è uno di quelli che Misato chiamerebbe One day Purple Meet Red, ovvero il fatidico incontro fra l'ombretto viola e il rossetto rosso che tanto scandalizza le fan di Bobbi Marrone ma che io trovo meraviglioso e, volendo, anche particolarmente adatto per le feste.
Questo è un mini tutorial per realizzarlo:

1 - Ho applicato su tutta la palpebra un color champagne molto shimmer (il 200 dei water eyeshadow di Kiko)
2 - Poi ho aggiunto del viola da metà palpebra e lungo il bordo inferiore delle ciglia usando il Long Lasting Eyeshadow Stick n°31 di Kiko, sfumato poi con un po di ombretto Inglot n°439
3 - Con la matita nera ho definito il bordo superiore delle ciglia, tracciando una riga sottile e sfumata. Ho usato la stessa matita anche come Kajal.
4 - Ho ombreggiato la piega e l'angolo esterno con un ombretto nero opaco.
5 - Per concludere ho aggiunto il mascara e definito un po' le sopracciglia

Ho completato il look con un bel rosso sulle labbra: M.A.C Red di Mac

A presto ^_^
Continua...

martedì 17 dicembre 2013

I miei ombretti Inglot: swatches e review

33 comments
Siccome me l'avete chiesto in tante, oggi vi mostro tutti i miei ombretti Inglot, con relativi swatches e recensioni.
Inglot è un marchio professionale poco diffuso sul territorio italiano, fino a quache mese fa era reperibile in alcune Coin ma adesso non più, rimangono pochissime boutique sulle quali far riferimento. Si vocifera che presto ne apriranno delle nuove in molte città italianne, speriamo bene!
Non tutto mi fa impazzire di Inglot ad essere sincera, ma il Freedom Sistem è una cosa magnifica: permette di comporre palette personalizzate di ombretti, rossetti, correttori, blush e ciprie, volendo anche miste, scegliendo fra una gamma molto vasta di colori. In particolare gli ombretti sono la fine del mondo.
Quando parlo della mia passione per gli ombretti Inglot spunta spesso qualcuno che dice "si carini, prezzo abbordabile, ma gli ombretti Mac sono tutta un'altra cosa". Sciocchezze. Adoro Mac, penso lo sappiano tutti, ma gli ombretti non sono certo il loro forte e anzi sono una di quelle cose sulle quali non si può andare in negozio a colpo sicuro, vanno scelti con cura perchè molti scrivono poco (in particolare molti matte, veluxe e velvet) e solo alcuni valgono il loro prezzo piuttosto elevato. Perciò Inglot riguardo gli ombretti (e solo su quelli) è superiore a Mac nettamente.
Inoltre il prezzo di 7€ a cialda è veramente competitivo considerando che un brand come Kiko vende le sue refill 5€, l'una proponendo una qualità inferiore e una gamma di colori più limitata.

Insomma questa è la ragione che spiega come mai la maggior parte dei miei make up sono realizzati con ombretti Inglot. Vediamo ora le mie cialde:



Ora vi mostro invece gli swatches a piccoli gruppi:

372 - Verde menta opaco. Carino e ben scrivente, un colore particolare e difficile da trovare in giro. Ho avuto difficoltà nell'abbinarlo, poi ho scoperto che il marrone è amico suo. Qui lo vedete in azione.

439 - Viola intenso con riflesso blu. E' molto bello, uno dei viola più belli che ho, ma speravo fosse un po' più chiaro (ovviamente qui si tratta di gusto personale). Qui lo vedete in un look

413 - Azzurro polvere con riflesso verde dorato. Molto simile a Shuttered di Urban Decay, ma un filo più blu. E' più intenso e pigmentato di come appare in foto, è un signor ombretto.

24 - Verde acqua perlato con gitterini celesti. Essendo molto chiaro necessita di un paio di passate per essere un colore del tutto pieno, resta però fantastico e lo consiglio moltissimo alle ragazze bionde con gli occhi verde chiaro.

29 - Rosa baby con glitterini dorati. Questo è un colore che, essendo molto chiaro, presenta gli stessi problemi del 24 e in foto si nota poco. Dal vivo è bello perchè ha un tocco duochrome sul dorato, rende meglio bagnato però. Fra i miei ombretti Inglot è forse quello un po' più problematico. Qui l'ho sfumato con il viola

429 - Celeste glicine perlato. Uno dei primi che ho acquistato, nonchè uno dei miei preferiti di sempre. Molte snobbano questo genere di colore perchè tenero e chiaro com'è si teme possa spegnere lo suardo, invece abbinato al blu o al nero è uno spettacolo. Setoso, pigmentato, che ombretto! Qui lo vedete sfumato con il nero.

388 - Indaco opaco, a seconda delle luci a volte sembra più viola (come in foto) a volte più blu. E' molto pigmentato ma un po' complesso da sfumare perchè tende a fare chiazze, ma niente di ingestibile, va solo lavorato un po' più a lungo. Un colore particolare che consiglio a tutte le amanti dei toni freddi. Qui lo porto sfumato con il rame e l'argento

371 - Azzurro cyan opaco. Questo è un colore super acceso e scriventissimo, tanto che non lo porto con facilità ma ci sbavo sopra ogni volta che apro la mia palette. Qui lo porto sfumato con il bianco

58 - Verde erba opaco con glitter dorati. Anche questo è parecchio bold, perciò lo uso poco ma è un colore unico al mondo, lo vedrei meglio su una super mora  piuttosto che su di me. Qui l'ho accostato al 41

41 - Giallo/verde acido con riflesso oro. E' un colore più versatile di quel che si pensa perchè rende bene come punto luce da accostare a colori cupi e spenti.

428 - Blu di prussia su base nera perlato. Uno dei blu più belli del mondo, questa foto in cui lo indosso parla da sé, non ci sono altre parole.

441 - Viola chiaro perlato con riflesso celeste. E' l'ultimo arrivato, un colore a metà strada fra il lilla e il viola, comprato apposta per sumarlo con il 339

418 - Verde pino scuro con riflessi dorati. Ne esiste anche uno simile ma freddo, io ho sbagliato e ho preso quello caldo che su di me non è granchè. Dovrò rimediare, resta però un ombretto meraviglioso per le ragazze più calde.

338 - Verde ottanio opaco. Credo sia l'ombretto più pigmentato del mondo, ha una qualità eccezionale. E' anche uno dei miei ombretti preferiti di sempre nonchè uno di quelli che mi sta meglio. Un must fra le cialde Inglot. Qui lo indosso con un punto luce cangiante

419 - Bronzo con riflessi verdi e oro. E' uno degli ombretti che uso più spesso per un trucco veloce, fa uno sguardo di velluto. Lo amo molto, c'è poco da aggiungere.

445 - Prugna chiaro/Malva perlato. Uno degli ombretti che uso più spesso quando indosso rossetti berry, specie se scuri.

399 - Rosa cipria perlato. Versatilissimo, sta bene con il nero, il viola, il blu, il marrone e il nero, io però amo usarlo soprattutto con i borgogna.

40 - Viola melanzana perlato con glitterini argento. Bello per lo smokey ma soprattutto abbinato al 445

434 - Grigio perlato con riflesso viola melanzana. Io ho un debole per i grigi con i riflessi colorati, i girgi classici mi sanno di anonimo invece questi infiammano la mia fantasia. Bellissimo, specie se abbinato al 399


 
365 - Marrone freddo opaco con glitterini oro. Lo comprai soprattutto per i suoi glitter, peccato si vedano poco (dal vivo sicuro più che in foto). Di solito vado a rinforzarli io aggiungendone altri XD (Disgelo di Neve)

357 - Marrone neutro/caldo opaco. L'ho comprato per intensificare la piega quando faccio trucchi neutri per rossetti caldi come Lady Danger. Svolge degnamente la sua funzione.

373 - Bianco opaco. Ha una scrivenza superiore alla media dei bianchi opachi, io però voglio di più. Mi sono innamorata di uno Layla e mi sa che lo comprerò.

362 - Rosa intenso opaco. E' un rosa caldo e come ombretto su di me è terribile, per fortuna funziona meravigliosamente come blush.

453 - Bianco Perlato. Ottimo, veramente ottimo: luminoso e pigmentato, lascia sulle palpebre una lucentezza effetto seta.

348 - Grigio talpa opaco. Lo uso per dare intensità alla piega nella maggior parte dei miei make up.

63 - Nero opaco. Pigmentatissimo e semplice da sfumare

420 - Grigio perlato con riflesso lilla. Il mio grigio preferito di sempre, uno degli ombretti che uso più spesso. Somiglia ad uno di quei Chubby per occhi di Clinique, è quasi identico.

Questo è tutto per ora, spero che questo post possa essere una valida guida ai vostri acquisti.
A presto ^_^



Continua...


#7daysmakeupnails: Red lips with a twist

16 comments
Manca poco al natale, così My Beauty Tools ha ideato questo simpatico proggetto con le sue amiche conterranee per mostrare, durante questa settimana a partire da oggi,  idee trucco/nail art da sfoggiare durante le feste, qui trovate tutte le regole per parteciparvi. Vi lascio i link alle quattro organizzatrici:

My Beauty Tools
Il Taccuino dell'Elfa
La Favola Russa
BeautyBats

Il secondo look che vi propongo è apparentemente semplice: pochi colori, poche ombre, giusto delle belle labbra rosso lacca e un po' di nero sfumato verso l'angolo esterno, un modo per dare profondità allo sguardo e bilanciare il il look nell'insieme. Semplice, si, ma con un dettaglio complesso che lo rende speciale, cioè quella che io chiamo la mezza luna.

Le palpebre vanno schiarite con un color panna opaco, mentre l'angolo esterno è di un nero intenso che si staglia netto a contrasto con la papebra, creando la forma di una mezza luna. Questo l'ho realizzato in matita, ma ora vi propongo una versone fatta con l'eyeliner waterproof, on modo che il vostro look rimarrà impeccabile tutto il giorno.

1 - ho prima schiarito la palpebra con un avorio opaco. E' importante scegliere colori opachi perchè con quelli shimmer sarà molto più complesso ottenere un effetto così nitido e definito.
2 - ho tracciato la mia mezza luna con un eyeliner in gel waterproof
3 - ho contornato l'occhio marcando anche la rima interna.
4 - con l'eyeliner ho scurito tutto l'angolo esterno dell'occhio, poi vi ho sovrapposto un ombretto nero per creare un effetto morbido e sfumato verso la piega e l'arcata.
5 - sempre con l'ombretto nero, prendendone poco e sfumandolo molto, ho definito la piega.
6 - mascara, matita per sopracciglia e il look è completo.

So che fare la mezza luna può sembrare difficile, in realtà è meno complesso di quanto sembra e vale la pena tentare e farci un pochino di pratica, è un tipo di trucco che sta bene a tutte e nella sua semplicità tuttavia colpisce, ideale insomma per chi cerca un dettaglio carino senza strafare.

A presto ^_^
Continua...

lunedì 16 dicembre 2013

#7daysmakeupnails: Make Up natalizio in toni freddi

22 comments
Manca poco al natale, così My Beauty Tools ha ideato questo simpatico proggetto con le sue amiche conterranee per mostrare, durante questa settimana a partire da oggi,  idee trucco/nail art da sfoggiare durante le feste, qui trovate tutte le regole per parteciparvi. Vi lascio i link alle quattro organizzatrici:

My Beauty Tools
Il Taccuino dell'Elfa
La Favola Russa
BeautyBats

Il primo make up che vi propongo l'ho realizzato circa due anni fa, mi è piaciuto così tanto che da allora l'ho rifatto spesso. Si tratta di un make up un po' diverso da quelli che si vedono durante le feste poichè di dorato c'è solo un tocco, il resto è un'accozzaglia di toni freddi perfetta per chi, come me ormai, con queste sfumature fra l'oro e il marrone più "classicamente" natalizie ci si vede poco. Inoltre è un genere di make up che io preferisco portare con un mlbb e perciò rende bene anche senza rossetto. Non so voi, io a natale preferisco magiare come una maialozza piuttosto che badare al mio make up e so per certo che nessuna tinta labbra può resistere a 15 deliziose portate unte e bisunte. Il Rossetto lo si riserva per altro genere di serate, tipo tombolate con gli amici dove al massimo si sgranocchia un po' di frutta secca.

Vi lascio ad un piccolo foto tutorial:

1 - Ho iniziato sfumando sull'angolo esterno  e lungo la rima inferiore del borgogna (Inglot 445) che ho scurito con un po' di blu.
2 - Ho sfumato un blu notte (Inglot 428) al centro della palpebra e nella piega, sfumandolo verso l'esterno.
3 - con un celestino glicine perlato (Inglot 429) illumino l'angolo interno dell'occhio e creo una sfumatura con il blu a centro palpebra.
4  -  metto un po' di matita nera sottile sottile e una matita azzurra nella rima interna dell'occhio.
5  -  al centro della palpebra ho usato un pigmento color oro (Old Gold di Mac)
6 - ho aggiunto ancora un po' di pigmento bagnandolo, ho messo il mascara e sistemato le sopracciglia.

 Questo è il look completo :)

A presto ^_^

Continua...

domenica 15 dicembre 2013

Paciugopedia 7

12 comments
La Paciugopedia di Svampi questa settimana ci proprone un look di Pinkrobot92 davvero semplice: un make up molto morbido e sfumato marrone scuro, illuminato a centro palpebra con un dorato chiaro molto shimmer e luminoso. E' un tipo di trucco che io realizzo spesso quando cerco qualcosa che sia d'impatto ma realizzabile in poco tempo, lasciandomi inoltre ampia libertà di scelta nel rossetto.

Ho usato la Ammo Palette di Urban Decay: Maui Wowie al centro palpebra e un mix fra Oil Slick e Smog ai lati. Ho messo un po' matita e il mascara. Devo dire che il mio, nonostante sia senz'altro simile all'originale, non è paragonabile a quello di Pinkrobot92 perchè purtroppo le ciglia finte e una buona attrezzatura fotografica fanno la differenza. Bisogna accontentarsi :(

Purtroppo il mal tempo mi ha impedito di fare una buona foto a viso intero, ne ho ripescata però una vecchiotta dove porto lo stesso identico make up abbinandolo a Dragon Girl di Nars sulle labbra, insomma a dimostrazione che è realmente uno dei look veloci che amo fare nelle serate in cui vado di fretta.
A presto ^_^

Continua...

giovedì 12 dicembre 2013

Ti taggo per le feste

12 comments
La simpatica Fashionedda ci propone un tag festivo davvero grazioso che prevede cinque prodotti che ci accompagneranno durante questo periodo natalizio. Io l'ho allungato un pochino aggiungendone altri cinque, siete libere di fare altrettanto o anche no :D

UN ROSSETTO:
Diorific Minuit

Rosso acceso arricchito da piccolissimi glitter avorio e rosa. Il rossetto natalizio per eccellenza, lo indosserò sicuramente la sera della vigilia.

UN BLUSH:
Mac, Frankly Scarlet

Un blush rosso almeno a Natale ci vuole, specie se indossate un rossetto dello stesso tono. Però mettetene poco e sfumatelo con mooooolta cura, le guanciotte alla Heidi non sono ammesse nemmeno a Natale u.u

UNO SMALTO:
Chanel, Peridot


Ne ho svariati in verità, mi piace il classico rosso o anche un nero con glitter, però credo che il Peridot di Chanel sia l'oro più bello del mondo e con il Natale ci va a braccetto.

UN PRODOTTO IN GLITTER
Neve Cosmetics, Disgelo

A Natale un po' di sbrillo non può mancare. Se cercate dei glitter dorati che non siano troppo grossi e pacchiani ma sottili ed eleganti consiglio questi di Neve, in particolare Disgelo è perfetto per le feste natalizie. In foto sembra un bianchiccio con riflessi champagne, invece una volta applicato lascia un riflesso trasparente dalla luce doratissima.

UN OMBRETTO
Wjcon, Backed eyeshadow melange n° 216

Nel caso deciderò di fare uno smokey sicuramente tirerò fuori questo ombretto cotto di Wjcon, un nero tempestato di pagliuzze dorate luminosissime. La foto non rende, dal vivo è uno spettacolo.

UNA PALETTE
Too Faced, Pretty Rebel Palette

C'è l'oro, l'argento, il blu stellato e tanto sbrillo. Con questa palette si possono fare un mare di look natalizi.

UN PROFUMO
Chanel n°5

Sarò banale ma per me Chanel n°5 è uno dei profumi più belli da indossare quando ci si mette in tiro, specie in inverno. E' pungente come l'aria fredda delle notti di dicembre, eppure ha qualcosa che scalda il cuore, riesce a toccare le corde più intime dell'anima. Tutto ciò con un'eleganza senza tempo.

UN ACCESSORIO
Il Cerchietto

La scorsa estate ho preso in super saldi questo cerchietto color platino da Accessorize, lo adoro! Ne comprerei tanti questi cerchietti se solo avessi più occasioni per utilizzarli, sicuramente durante i banchetti festivi fa la sua porchissima figura.

UN ABITO
Pizzo nero a gogo
Ogni occasione per me è quella giusta per sfoggiare abiti in pizzo, soprattutto nero.Userò probabilmente questo vestitino comprato su Asos.

UN MUST
La colla per glitter
E' bello usare i glitter durante le feste, ma se non volete ritrovarveli fin dentro le orecchie è NECESSARIA una colla da glitter per fissarli. La Colour Arts di Essence costa pochissimo ed è molto efficace.

Questo è tutto, ora son curiosa di conoscere i vostri prodotti delle feste.
A presto ^_^

Continua...

martedì 10 dicembre 2013

I (s)preferiti di novembre

23 comments

Questo Novembre ho comprato cosine che mi hanno data molta soddisfazione, inoltre ho riscoperto un paio di vecchie cosine del mio beauty. Insomma un mese positivo, solo prodotti buoni e niente sòle.

Too Faced Pretty Rebel Palette

Torna fra i preferiti anche questo mese, adoro tutti i suoi colori.

Kiko, blush Sumptuous Burgundy (Vecchia Limited Edition)

Mi ero innamorata del Lavish Living della collezione Divine Night di Mac, volevo prenderlo ma poi mi sono ricordata di questo fantastico blush borgogna di Kiko, un bellissimo prugna da abbinare a rossetti sullo stesso tono.  Sono veramente molto simili, stranamente però il Lavish Living è andato esaurito dopo una settimana mentre questo di Kiko è stato in offerta per mesi e nessuno se lo filava. Stranezze.

Inglot, ombretti 399, DS40, 434

Sono rispettivamente un rosa cipria perlato, un viola melanzana perlato con glitter e un grigio perla con riflesso viola. Ci faccio degli smokey e uso il 399 come punto luce, mi piacciono perchè si abbinano magnificamente a rossetti come Private Party di Mac, il Kate 09 di Rimmel, Dark Side di Mac, il 914 di Kiko ecc. In particolare mi sta piacendo molto il ds40, in quanto  un viola melanzana ben bilanciato mentre spesso colori di questo tipo risultano troppo caldi su di me.

Kiko, fondotinta in stick Full Protection n°16

Perchè ho comprato un fondotinta in stick per pelle nera? per farci il contouring, naturalmente! Lo amo perchè ha un sottotono freddo, crea delle ombre senza lasciare chiazze arancioni, si modula ala perfezione sia con le dita sia con i pennelli. Utilissimo, è in offerta a 5€ vi consiglio di comprarlo.

Rimmel Kate lipstick 09

Il rosso amarena del mio cuore. Quante volte è apparso fra i preferiti? Ormai ho perso il conto.

Mac, Deeply Adored lipstick

Uscì con la collezione Marilyn, è un rosso berry opaco simile a Diva ma meno scuro. E' raffinatissimo, meriterebbe di stare in permanente.

Mac, Runaway Red lipstick

Ultimamente preferisco i rossi vivi non opachi, per cui uso poco Ruby Woo e Russian Red e preferisco rossetti come questi che hanno un tocco di lucentezza.

Mac, Private Party Lipstick

E' un prugna satin simile ad Amorous ma leggermente più scuro e più freddo, più violaceo. Lo amo, mi sta molto bene e si abbina con alla perfezione con il blush e gli ombretti citati prima.

Dior, Diorific "minuit" (manca in foto)

Un rosso satinato arricchito da microglitter. Un capolavoro di rossetto che vale ogni euro dei 31 che costa, sia per la bellezza del colore sia per l'ottima qualità del prodotto.

Kiko, Matita Automatica 716

E' una matita occhi nera, la sto apprezzando molto perchè regge benissimo nella rima interna, davvero un buon acquisto.

Essence, Matita labbra Soft Berry

Sempre usata solo per il layering, ora torna utile per Private Party

Abbiamo qualcosa in comune? A presto ^_^

Continua...


domenica 8 dicembre 2013

Paciugopedia #6

18 comments
Il paciugo suggerito questa settimana da Svampi è un make up di Linda Hallberg, mua che  io adoro, ma ammetto che questo trucco non mi piace. Non è molto adatto alla forma dei miei occhi ma soprattutto non mi piace quel verde lime sfumato verso l'angolo interno, accostato al celeste chiaro e al tortora della piega. Nell'insieme lo trovo scenografico ma pesantuccio.

Ho provato a riprodurlo fedelmente nei colori ma la mia sfumatura non l'ho portata così in alto verso l'arcata e ho rimosso quel punto luce bianco perla grosso, la trovo una tecnica superata e mi pare che lo sguardo spesso lo appesantisca invece di illuminarlo. Non vi dico che ombretti ho usato, è un tale pastrocchio di roba che non saprei ricordare cosa ho usato e come l'ho sfumato per raggiungere  una certa tonalità -.-''
Per completare ho usato un blush berry (Ruhbarb di Mac) e una passata blanda di Private Party di Mac sulle labbra. Nell'insieme in foto sembra carino tutto sommato, ma dal vivo non mi piaceva e mi sono struccata nonostante stavo per uscire -.-''
Per fortuna i due prossimi paciughi mi piacciono nettamente di più :D

A presto ^___^

Continua...