Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


venerdì 28 febbraio 2014

I (s)Preferiti di Febbraio

15 comments

Come ogni mese vi mostro i prodotti che ho usato di più, fra questi ci sono nuovi arrivati e vecchi amici, prodotti che ho usato con amore e altri con cui devo ancora farci amicizia, o sperando di finirli quanto prima per un addio.

FITOCOSE, LINISSIMO
Il Linissimo è un prodotto che può essere usato sia come maschera pre shampoo sia come balsamo, al fine di ammorbidire e lisciare i capelli. L'ho usato per quattro mesi e ringraziando il cielo l'ho terminato, non mi è piaciuto in nessun modo: come balsamo è terribile, se ne metto una goccia non districa per nulla, se ne metto un po' di più diventa difficilissimo da sciacquare e lascia i capelli stopposi e appesantiti. Come maschera va meglio, ma a parte il magnifico profumo di malva non ho notato nessun apprezzabile vantaggio nell'usare questo prodotto, i miei capelli non risultavano ne più morbidi ne più lisci. Molto meglio la maschera Capelvenere di Helan, quella la ricomprerei, questa no, tuttavia credo che non comprerò altre maschere e balsami bio perchè sono pittosto costosi e meno efficaci dei siliconi. In fondo si tratta di un prodotto che va sulle punte, ovvero cellule morte, per cui i capelli non ricavano nessun vantaggio ne dal prodotto vegetale ne da quello sintetico, si tratta solo di risultati apparenti.

MAC, BLOT POWDER
L'idillio continua. Fissa il trucco e opacizza a lungo senza gessarmi il viso.

SLEEK, CELESTIAL PALETTE
Ultimamente sto facendo soprattutto trucchi sul neutro molto semplici, ma quando ho voglia di colori scelgo lei. Ci sono i blu, i viola, i teal, l'argento e persino un marroncino duochrome. Cosa desiderare di più dalla vita? Per me è bellissima.

CLINIQUE, HIGH LENGTHS MASCARA
Come già avevo intuito il mese scorso, questo mascara tende a diventare troppo pastoso in poco tempo e l'effetto monociglio è in agguato. Temo che fra me e lui presto ci sarà un addio.

WJCON, SOFT MOUSSE BLUSH
Come già sapete io adoro questo blush, trovo che con l'avvicinarsi della primavera questo punto di rosa pastello sia delizioso, però lo consiglio solo se siete molto chiare altrimenti si nota poco.

MAC, BLUSH FRANKLY SCARLET E BREEZY
La mia palette di blush Mac mi dà grandi soddisfazioni. Breezy ormai lo preferisco anche a Coygirl, si abbina a tutto e sta benissimo con la mia carnagione, credo sia il mio blush preferito di sempre. Frankly è il compagno ideale per i rossetti rossi, tonalità che sto riscoprendo dopo aver a lungo usato quasi solo i fucsia. E' molto pigmentto per cui non comodissimo da sfumare, ma è bello bello in modo assurdo.

MAC, CHROMALINE BLACK BLACK.
Come ho già spiegato il mese scorso, il chromaline è un eyeliner in gel reperibile nei pro store, si differenzia dai Fluidline per una più alta pigmentazione. Ancora devo capire bene se mi piace o no, è sicuramente migliore di quello Essence che usavo ma non amo l'effetto così opaco e non è waterproof come promette. Insomma una roba meh >.<

DIOR, ESCALEE A PORTOFINO EAU DE TOILETTE
Uno dei regali natalizi di mio marito, è diventato letteralmente la mia droga. Definirlo un profumo agrumato è veramente riduttivo: sa di erba, di sole, di mare...mi ricorda un giardino mediterrano nel mese di maggio, con la vista sul mare. Nonostante sia ispirato a Portofino mi ricorda la mia terra, ha un valore affettivo per me oltre ad essere una goduria per i sensi.

KIKO, SKINNY FIT KAJAL 04
Io ho un debole per il blu elettrico e questa matita la sto amando, letteralmente.

CATRICE, MATITA LABBRA "THAT'S WHAT ROSEWOOD DO!"
Vi ricordate quando vi chiesi una buona matita labbra nude per fare correzioni che fosse rosata e non marrone? Ecco, l'ho trovata. Tra l'altro sta molto bene con il rossetto Unlimited di Mac

KIKO VELVET MAT LIPSTICK 608 "ROSSO MELA"
Un rosso senza squilli, decisamente morbido e discreto, adatto in tutte le occasioni. Cercate un rosso democratico? Provate questo.

MAC, UNLIMITED PROLONGWEAR LIP CREME
Un rosa delicato bellissimo, perfetto per la primavera. Inizialmente, dato che è molto simile al colore naturale delle mie labbra, credevo potesse essere un MLBB ma è troppo chiaro per esserlo, nessuno ancora è riuscito a spodestare Craving. Però è ottimo anche "nude" da abbinare a trucchi occhi marcati, amo l'effetto petalo che conferisce alle mie labbra.

MAC, HEROINE LIPSTICK
Il nostro violone è tornato, vale assolutamente la pena averlo! Nonostante sia un colore particolare l'effetto è veramente bello, l'ho usato giorni fa su una modella particolarmente calda e giallina di carnagione eppure le donava magnificamente, un colore così glamour ha il suo perchè su ogni viso. Lo preferisco con la luce primaverile, in inverno si incupisce, perciò in questi giorni lo uso con maggiore soddisfazione.

MAC, VIVA GLAM RIHANNA LIPSTICK
Ho cercato di liberarmene ma nessuno se lo fila, siete sempre in tempo per propormi uno scambio nel caso vi piacerebbe averlo. Intanto ho fatto prove con varie matite di base ma rimane che quel riflesso oro/arancio non mi sta bene e non c'è modo per eliminarlo -.-''

Ecco, questo è tutto. A presto ^_^
Continua...


mercoledì 26 febbraio 2014

What is my best? Piccolo esperimento fra amiche

21 comments

Recentemente io e le mie amiche Camilla, Vanessa e Axelle abbiamo avuto modo di provare sul nostro viso gli stessi prodotti e, con grande sorpresa, notare che questi rendono in modo completamente diverso su ognuna di noi. Abbiamo voluto fare un piccolo esperimento realizzando alcuni make up diversi per profondità (più chiari – più scuri), saturazione (colori più brillanti – più grigiastri) e temperatura (tinte più fredde – tinte più calde), in modo da capire come questi ci valorizzano o, al contrario, ci penalizzano.


Il primo trucco che abbiamo provato a fare insieme è neutro/freddo, piuttosto semplice e morbido ma non privo di una certa intensità , uno di quei make up che punta a valorizzare lo sguardo e la bocca in modo molto discreto. Abbiamo scelto un marrone tortora per gli occhi, accompagnato da mascara e poca matita, e un berry chiaro per le labbra.

Vediamolo innanzitutto su di me


Ho usato un ombretto marroncino freddo  sfumato con un avorio (entrambi della palette Dior Earth Reflections), poca matita nella rima interna per avere un effetto definito ma piuttosto soft e delicato e ho concluso con il mascara. Sulle labbra il mio MLBB, Craving.

Nell’insieme non sto male, un tipo di trucco che potrei utilizzare di giorno se lavorassi in un ambiente in cui è richiesto un look piuttosto sobrio e pulito, però non mi piaccio molto e ho come l’impressione che manchi qualcosa. Credo che il trucco avrebbe potuto valorizzarmi di più se avessi marcato maggiormente con il Kajal o se avessi messo una sottile riga di eyeliner. O ancora, avrei potuto lasciare il trucco occhi com’è ma usare un rossetto più vivo. Insomma mi sta bene ma ci voleva un tocco in più.



Questo è il look dell’amica Vanessa. Abbiamo fatto un trucco davvero simile, il rossetto è sempre Craving e gli ombretti, pur se di marche diverse, si somigliano molto. Tutavia l'effetto è molto diverso, gli occhi risultano parecchio definiti e Craving sembra quasi un rosso. Il mio look sembra molto casual mentre lei acquisisce un'aria molto elegante e ricercata, perfetto per la sera. Questo tipo di trucco su di lei è favoloso, la valorizza al massimo 


Lei è Axelle, fra tutte è l'unica che da questo tipo di make up ne esce davvero penalizzata. Sicuramente è un po' troppo leggero, per una mora intensa come lei ci vedrei qualcosa di meno sciacquo,  ma anche se manca qualcosa potrebbe funzionare per un look pulito da giorno. Ciò che veramente non va bene è che il marrone tortora su di lei diventa grigio e le spegne lo sguardo mentre il rossetto è troppo malva, le dà un effetto malaticcio per non dire cadaverico. Non so voi come la pensiate, ma secondo me Axelle ha bisogno di un trucco più forte e caldo di così.

Ed ecco infine Camilla. Lei indossa un perfetto dupe di Craving (Positively Dashing) e adoro come le sta, perchè su di me risulta più chiaro? misteri della fede u.u. Questo genere di trucco le dona perchè avendo una palpebra piccola e delle sopracciglia belle marcate le basta davvero poco per definire lo sguardo, io invece che ho due occhi da merluzzo devo lavorarci di più. Tuttavia anche lei, come me, credo possa marcare di più, questo look sul suo viso lo vedrei bene solo di giorno o occasioni casual.

Per oggi è tutto, prossimamente pubblicheremo un nuovo make up da confrontare insieme. Intanto vi suggeriso di andare a leggervi i post delle altre ragazze per conoscere anche il loro punto di vista.
A presto ^_^

Continua...

domenica 23 febbraio 2014

Make up lilla con cut crease

14 comments
Quando si avvicina la primavera mi viene una gran voglia di  rispolverare trucchi in colori pastello. In verità lo farei tranquillamente anche in inverno, non credo che il make up debba essere necessariamente stagionale, solo che cappotti e sciarponi cupi trovo mal combacino make up in toni così teneri e luminosi, preferisco cominciare ad usarli in questo periodo quando il guardaroba comincia ad essere più chiaro e leggero. Certo non sono colori semplici da usare, soprattutto per me che tendo a star meglio truccata in toni cupi, per cui devo sempre utilizzarli in combo con toni più scuri, così ho fatto un trucco lilla ma con un cut crease viola scuro.


Sulla palpebra mobile ho prima applicato una matita lilla di una vecchia collezione Kiko, poi ho sfumato l'ombretto lilla di Ancilla n°15, invece per la piega ho usato un indaco scuro, il 388 di Inglot. Ho abbondato in kajal ed eyeliner nero, infine il mascara. Sulle guance ho fatto un mix fra Cubic e Ruhbarb di Mac, sulle labbra un rosa delicato, Unlimited di Mac.

La tecnica che ho usato è utile anche per rendere meno "sciapi" anche altri colori pastello, come il verde acqua, il rosa o il celeste, facendo una piega scura tono su tono (come ho fatto io in questo caso) o di un colore neutro come il nero, il tortora e il marrone.

E voi come li portate i colori pastello, mai provato ad accoppiarli a toni più scuri?
A presto ^_^

Continua...

mercoledì 19 febbraio 2014

Un (bel) po' di glitter - Chanel Backstage 2014 inspiration

16 comments
Sono rimasta incantata dalle immagini di backstage delle sfilate di Chanel per la primavera 2014. Tutte le modelle erano truccate con una riga di eyeliner nero bella vistosa e una cascata di glitter/cristalli lungo la parte inferiore dell'occhio.





Lo trovo un look così romantico e sognante che riesce a catapultarmi in un mondo di fiaba. Certo così è un po' troppo teatrale per la vita di tutti i giorni, così ho pensato di farne una versione mia un pochino semplificata.

Ho prima definito leggermente le mie palpebre con degli ombretti neutri opachi, poi ho fatto una riga di eyeliner nero più sottile rispetto a quelle sfoggiate durante la sfilata Chanel. Lungo la parte inferiore dell'occhio ho picchiettato della colla e poi con uno spugnino ho applicato dei cristalli dorati (Disgelo di Neve Cosmetics). Ho applicato il mascara (solo sulle ciglia superiori) e ho voluto dare un po' di colore alle labbra (troppo nude per me quelle di Chanel) utilizzando il rossetto Private Party di Mac. Sulle guance un prugna rossastro, il Breezy di Mac.
Cosa ne pensate? Io direi che è un look velocissimo e super semplice da realizzare, allo stesso tempo però è originale e luccicoso, perfetto per una serata particolare. Voglio riprovarlo con i glitter argento e magari con le labbra diverse.

A presto ^_^

Continua...

domenica 16 febbraio 2014

Haul di San Valentino: Viva Glam Rihanna e Unlimited di Mac.

29 comments
Una mail ha informato mia marito che il sito Mac Cosmetics, in occasione del lancio del nuovo Viva Glam Rihanna, offriva le spese di spedizione gratuite, così ha deciso di farmi un ordine come regalo di San Valentino. Come rifiutare? Ho colto l'occasione al volo.

Era da un pezzo che aspettavo il Viva Glam Rihanna, l'idea di avere un rossetto rosso freddo frost mi gasava non poco. Non è che io sia una grande appassionata delle labbra perlate, anzi ho pochissimi rossetti di questo genere, per la precisione 3: Creme de la Femme di Mac (rosa antico), New York Apple di Mac (berry) e Minuit di Dior (fucsia/magenta).  Tutti molto belli, usatissimi e con somma soddisfazione, avere un vero rosso con questo finish sarebbe stata la ciliegina sulla torta.

Mac lo descrive con sottotono blu e in effetti gli swatches visti in giro promettevano molto bene, sembrava una sorta di Mac Red con riflessini champagne. Invece no, si è rivelato molto diverso da come mi aspettavo. Un po' me la sono cercata, so che non devo comprare i rossetti a scatola chiusa e di solito non lo faccio, ma questa è la prima volta che un prodotto acquistato "al buio" si rivela così diverso da ciò che avevo visto sul web.

Il packaging è carino, diverso dagli altri Viva Glam per il rosso satinato dell'astuccio. E' bello che Mac ogni tanto faccia packaging colorati diversamente, così nel mio porta rossetti li riconosco subito.

Guardando lo stick ho cominciato a turbarmi, non so se la foto rende bene l'idea ma si vede chiaramente una sorta di riflesso arancio, non somiglia esattamente ad un rossetto a base blu, al massimo sembra piuttosto neutro.

Da sinistra verso destra: New York Apple, Viva Glam Rihanna, Russian Red
Swatchandolo sulla mano mi ero un po' tranquillizzata: non freddissimo ma piuttosto neutro e molto pigmentato, se pur con quel riflesso caldo che dal vivo si nota di più rispetto a questa foto. Paragonato a Russian Red si percepisce una certa somiglianza di base, il Viva Glam è un po' più chiaro ma il sottotono sembra essere lo stesso, per cui di base è un rossetto freddo? mhh...
Rispetto a New York Apple si nota che è diverso dagli altri frost di Mac, è molto più coprente e pigmentato.

Se dallo swatch non sembrava poi così lontanto da un rosso freddo come Russian Red, sulle labbra si rivelano due mondi diversi. Viva Glam Rihanna è un rosso neutro ma con accentuati riflessi oro e arancio, insomma un colore che nell'insieme risulta decisamente caldo sulle labbra e non è blue based nemmeno alla lontana. Applicato assoluto, come nella foto in alto, per i miei gusti è decisamente brutto perchè è un colore che fa a pugni con il mio incarnato ma soprattutto è troppo frost, fa molti più riflessi del mio amato New York Apple (quanto meno su di me) e ciò me lo fa sembrare un po' pataccone. Con una matita rossa di base rende meglio (necessaria tra l'altro perchè tende a strabordare un po'), perde parte dei suoi riflessi e diventa più grazioso, più fine. Tuttavia rimane caldo, ce l'ho fra le mani da soli due giorni quindi ancora non so come inquadrarlo ma onestamente ho anche poca voglia di utilizzarlo, ammetto di aver fatto un cattivo acquisto. Devo vedere come viene applicandolo sopra  una matita berry scuro come la Vino di Mac o una fucsia violaceo come Sfilata di Neve.



Per fortuna il mio regalo d San Valentino comprendeva anche un altro rossettino che stavo corteggiando da un po', Unlimited dei Prolongwear Lipcreme


Da sinistra: Unlimited e Craving di Mac
Si tratta di un bellissimo berry chiaro/rosa malva con il finish tipico dei Prolongwear, ovvero un satinato che vira all'opaco. Temptalia lo paragona a Chatterbox, definendolo giusto come un pelo più scuro, secondo me invece non si somigliano affatto, Unlimited è meno brillante e ha quel tocco di prugna che lo rende molto diverso dal tono bubblegum di Chatterbox. E' più sensato definirlo un parente di Craving, se pure più chiaro di un tono.

Sulle mie labbra è un rosa estremamente fresco e naturale, praticamente identico al tono naturale delle mie labbra. Eh si ragazze, abbiamo un nuovo mlbb pronto a consolarmi dopo la cocente delusione con quel cattivone del Viva Glam Rihanna.

Voi avete provato questi due rossetti? Cosa ve ne pare? A presto ^_^
Continua...

venerdì 14 febbraio 2014

TAG: Vorrei ma non posso.

47 comments

Ho visto in giro un tag molto carino riguardo le nostre wishlist per il 2014 e volevo rispondere anch’io ma, purtroppo, mi sono accorta che buona parte delle cose che desidererei comprare in realtà non posso averle, per ragioni diverse fra loro mi sono imposta di resistere all’acquisto.
Insomma anche voi, come me, avete qualche prodotto cosmetico che, pur desiderandolo tanterrimo, avete deciso di accantonare tristemente in un angolo di oblio del vostro cuoricino? Magari perché troppo costoso, o poco reperibile, o inadatto al vostro viso, insomma un desiderio che per qualche ragione vi è proibito.

Le regole del tag sono semplici:

- Linkare la mammina di questo tag, ovvero io, Makeuppleasure
- Rispondere alle dieci domande che leggerete
- Taggare altre dieci blogger

Cominciamo!

Un cosmetico per la Skincare:
Decisamente lo Scrub Volcanic Ash di Mac. Commisi l’errore di chiederne un sample e l’ho amato teneramente per il suo sublime profumo e l’azione lisciante. Adoro anche il suo colore nero, così particolare! Costa troppo, 35€ per una srub no e poi no, ma se me lo regalassero sarei felice *__*

Un prodotto make up per la base (correttori, fondotinta, ciprie, primer)
Vorrei trovare un fondotinta liquido economico per me, sembra facile eppure è come chiedere la luna. Tutti troppo scuri o troppo gialli, quelle rarissime volte che trovo il colore adatto è poi la texture a fregarmi, a scontrarsi con la mia pelle che tende a disidratarsi come un pesce al sole. Mi piacerebbe provare L’Healty Mix di Bourjois ma senza testare i colori dal vivo non lo compro, spero di pucciarlo all’estero, quindi al momento resto ancorata a costosissimi  fondotinta high brands -__-

Qualche elemento per il contouring (blush, terra, illuminante)

Sono innamorata follemente del blush Taj Mahal di Nars, un arancio ambrato shimmer che è una delle cose più belle che abbia mai visto. Non è tanto il prezzo che mi spaventa ma il fatto che farei una spesa consistente per qualcosa che mi starebbe malissimo. Un giorno andrò da Sephora con un trucco neutro e senza blush così me lo provo, almeno per curiosità, ma poi con quale rossetto potrei abbinarlo? No, resta un sogno irrealizzabile.

Un mascara
L’Inimitable Intense di Chanel, provato grazie ad un campioncino. E’ un mascara che fa tutto: allunga, incurva, separa, volumizza ed è super nero, inoltre ha un favoloso scovolino in silicone (adoro!) che per me è davvero comodo. Ma…costa troppo e dura poco. Come tutti i mascara parecchio pastosi tende a seccarsi in poco tempo e spendere 30€ per un mascara ogni due mesi proprio no, non va u.u

Matite  o eyeliner

Mi piacerebbe avere una collezione di matite occhi in colori matte pazzerelli: verde prato, giallo, fucsia, arancio, violetto acceso…ma n’do stanno? Mi vengono in mente le favolose Chromegraphics di Mac, vorrei  averle tutte! Però 17€ a matita…

Un ombretto o una palette
In un primo momento stavo per dire Lime Crime, ma spero di poter toccare (e comprare) dal vivo questa primavera, perciò nomino le coloratissime palette di Sugarpill. Ci sono dei colori troppo belli ma che sono consapevole userei solo ogni tanto, ultimamente mi vedo meglio con colori più cupi, inoltre avrei l’imbarazzo per la scelta e non sono propriamente economiche, senza contare il fatto che non sono ancora riuscita a trovare un sito che le venda con spese di spedizione abbordabili. Eh nulla, non ci devo pensà.

Un rossetto o un gloss
Vorrei essere così figa da stare bene anche con il bellissimo Morange di Mac, ma non lo sono e non lo sarò mai, mi metto il cuore in pace :(

Un accessorio per il make up o la cura del viso
I pennelli Rae Morris, ci sbaverò sopra finchè vivo. Non saprei nemmeno dove comprarli ma non ho intenzione di approfondire la cosa, ho già saputo che sono fuori dalla mia portata -.-‘’

Un prodotto per il corpo
Vorrei un super rifornimento del profumo Kenzo Summer, il mio preferito di sempre, ma ormai è fuori produzione. Dannati, brucerete all’inferno per questo!!!!111!1  >.<

Uno smalto
Immagine di www.Temptalia.com
Ma quanto sono belli gli Hare polish? Se qualcuna mi dice che non costano un rene e sono reperibili senza rischio dogana magari il mio sogno diventa realtà *___*

Ed ecco le ragazze che taggo:

Dotted Around
Recensioni Cosmetiche
Irina VonP

Ovviamente sentitevi pure tutte taggate, sono curiosa di conoscere i vostri desideri proibiti :D
A presto ^_^


Continua...


martedì 11 febbraio 2014

Make up Febbraio

21 comments
Rieccoci all'appuntamento mensile con Laura di Evolution make up per una libera interpretazione del mese di Febbraio. Lei (qui trovate il suo video tutorial) si è ispirata alla natura che, a poco a poco, si risveglia, non so da voi ma qui si vedono già le piante germogliare. Il tempo è piovoso ma il clima è già abbastanza primaverile.

Nonostante quest'anno cada di Marzo, per me Febbraio rimane il mese del Carnevale. E' una festa che da bambina/adolescente detestavo, in quanto c'era sempre qualche festicciola fra amiche ed io dovevo PER FORZA cercarmi un costume adeguato. Per non parlare dei ragazzacci incivili che si divertivano con il lancio di uova, che nervi! Ero costretta a camminare per le vie in modalità ninja -.-''
Ora sono cresciuta e il rischio uova non c'è più, nemmeno mi sento più costretta a dovermi cercare un costume per non sentirmi emarginata, così, soprattutto dopo essermi appassionata alle antiche origini di questa festa, crescendo ho ricominciato ad apprezzarla. Oggi la vista dei coriandoli in giro mi mette allegria, i bambini in maschera mi fanno tenerezza e amo deliziarmi con i favolosi dolciumi fritti che si preparano come tradizione in questo periodo.
Così il mio look di Febbraio è colorato come un pavimento ricoperto di coriandoli.

Cosa ho usato? tanta roba. Il giallo e il verde sono del trio Tropicalia di Shiseido, l'arancio è un mix fra il giallo di Shiseido e il corallo Ariel della Lagoon di Sleek. Il viola è un mix fra quello del trio di Shiseido già citato e il 439 di Inglot, va a scurirsi verso l'angolo esterno con il Deep Water della Lagoon. L'azzurro è il 371 di Inglot. La matita nella rima interna dell'occhio è la High Def Cyan di Mac , ho definito il bordo delle ciglia con una matita nera sfumata, ho illuminato l'angolo interno dell'occhio con del bianco perla e ho concluso con il mascara. Sulle guance ho usato un ombretto rosa di Inglot, il 362, mentre sulle labbra ho usato un rosa violaceo, il Daddy's Little girl di Mac (limited edition purtroppo).

Non è difficile da realizzare, basta una palette bella colorata (se ne trovano moltissime in giro, anche a buon mercato) e accostare fra loro i colori a vostro gusto, sfumandoli poco poco fra l'uno e l'altro.
E' un look consigliato soprattutto per un party di Carnevale, se anche voi non amate travestirvi con questo look colorato vi sentirete in tema anche in abiti "civili"
Però, se amate il colore, può essere simpatico anche durante altri momenti dell'anno...perchè no?

A presto ^_^
Continua...

domenica 9 febbraio 2014

Make up Elsa di Frozen con Radiant Orchid

26 comments

Mentre guardavo al cinema questo film, presa da una certa noia in verità, mi sono soffermata più volte ad osservare il fatto che una delle due protagoniste, Elsa, è truccatissima! Tanta matita, ombretto coloratissimo e iridescente, blush forte, rossetto marcato, insomma ben diversa dalla classica principessa - pardon, in questo caso regina - acqua e sapone. Il film non mi è piaciuto molto ma il personaggio di Elsa l'ho apprezzato tanto, sia per il messaggio che comunica sia per il suo bellissimo look da drama queen. 
Così eccomi qui, come già hanno fatto molte altre e meglio di me, a riprodurre un make up Elsa, utilizzando quello che è il colore dell'anno secondo Pantone: Radiant Orchid.


Sulla palpebra mobile porta un viola chiaro molto iridescente, in molte scene del film si nota che si tratta di un trucco shimmer, definito nella piega con un marrone caldo e tanta matita nera (o eyeliner?) e mascara. Le labbra e le guance sono di un berry intenso.

Ecco la mia interpretazione:

Ho usato sulla palpebra mobile Stars and Rockets di Mac abbinandolo ad un marrone freddo nella piega (quel marrone caldo su di me sarebbe stato terribile) e una riga d eyeliner. Sulle guance Ruhbarb di Mac (in dosi generose) e sulle labbra Rebel di Mac + un gloss Fucsia.
Sicuramente non è un look che io indosserei tutti i giorni, fa troppo effetto bambola su di me, ma con qualche piccola modifica piò diventare un look pastello carino per la primavera. Preso integralmente, magari aggiungendo ciglia finte e qualche glitter, può essere un'idea per il carnevale.

Per quanto riguarda Radiant Orhid beh, è un colore che non mi convince del tutto. Sulle labbra mi piace di più (presto mostrerò anche qualche rossetto Radiant Orchid), ma sugli occhi lo trovo troppo pastello per valorizzare effettivamente qualcuna, inoltre è una tipologia di lilla/ciclamino che tende al caldo e questo mi crea ulteriori difficoltà. Credo che l'unico modo per portarlo bene sia accostarlo ad un look ben definito da giochi d'ombra, altrimenti sbiadisce un po' lo sguardo.
Stars and Rockets di Mac credo sia un Radiant Orchid versatile, in quanto essendo shimmer e luminoso si presta bene anche come semplice punto luce o per essere applicato a velature su una base più scura. Insomma l'ombretto ideale per chi vuole seguire la moda del momento senza ritrovarsi con un colore troppo complesso da gestire.

A presto ^_^
Continua...

giovedì 6 febbraio 2014

Make up San Valentino

24 comments
 
Io sono una che ama le feste. Aspetto Natale tutto l'anno, ho frenesia di aprire le uova a Pasqua, mi piace preparare dolci in tema con Halloween e rimango incantata dinanzi alle maschere di Carnevale come una bambina. Però San Valentino proprio non mi piace. Quando ero adolescente le mie coetanee si sentivano sfigate se passavano san Valentino da single, così da fine gennaio le ragazze diventavano tutte più gentili e disponibili pur di accalappiare qualcuno con cui festeggiarlo. Stranezze da teen ager, senz'altro, resta però una festa in cui sembra di essere obbligati a seguire la tradizione pur di non subire la compassione di chi immagina che tu abbia passato la serata a piangere di solitudine o, ancor peggio, che tu abbia un partner che ti trascuri. Così gli uomini si ritrovano a dover cercare un luogo, fra locali iper affollati, in cui ci sia posto per cenare (pena muso lungo per giorni), le donne a farsi belle come per il galà alla Casa Bianca e la cameretta ad accogliere un nuovo souvenir della giornata: un orribile fantastico pupazzetto attaccato ad un cuore gigante. Qualcuna starà pensando che in fondo anche il Natale si basa su gesti convenzionali, eppure apprezzo il fatto che rappresenta comunque un occasione per ritrovarsi con persone come familiari e amici che, nel tram tram quotidiano, durante l'anno si ha poca possibilità di frequentare. Ma in amore non funziona così, se si aspetta San Valentino per programmare un po' di romanticismo significa che il rapporto è alla frutta.

ORRORE.


Finito questo lungo preambolo, confesso però di comprendere tutte quelle ragazze che, all'inizio di una relazione, non sanno bene come gestire il proprio look. Si ha tanto da dire sul fatto che una donna deve essere se stessa, spontanea, curarsi di far venir fuori la sua parte interiore piuttosto che quella estetica ecc, eppure durante i primi appuntamenti è facile che il linguaggio del corpo porti a fraintendersi: quando conobbi mio marito rimasi così negativamente colpita dai capelli alla Justin Bibier che portava e dal drago arancione enorme stampato sui suoi jeans che mi feci un’opinione completamente sbagliata sul suo conto, solo il destino ha voluto darci una seconda chance, l’occasione per farmi ricredere. Sembrerà superficiale eppure è solo realismo, se l’impatto a pelle con una persona conosciuta da poco non è positivo si è poco incentivati ad approfondire la conoscenza. Intendiamoci, questo non significa dover essere perfette o obbligarci a far proprio uno stile che non ci appartiene, non ho mai snaturato me stessa per amore e consiglio a tutti di evitare questa trappola, semplicemente che durante i primissimi appuntamenti è bene seguire qualche mossa cauta. Così oggi, parlando di San Valentino, colgo l’occasione per discutere su una domanda che in tantissime mi avete fatto durante questi anni, ovvero Come posso truccarmi al primo appuntamento con il ragazzo che mi piace? Una vera risposta non esiste perché si cade nel concetto di gusto che, chiaramente, è molto soggettivo, quindi vi suggerisco di leggere questo post come una serie di suggerimenti che possono tornare utili e non come una guida. 

Non c’è il trucco che "piace ai ragazzi”, non va dimenticato che hanno gusti diversi fra ognuno di loro, esattamente come noi donne. Ciò implica che il trucco sexy non esiste, ciò che è bello e sensuale in fatto di make up dipende da chi giudica, non esiste un trucco universalmente riconosciuto come tale. Il rossetto rosso è sexy? Forse, ad alcuni piace molto ma non tutti lo gradiscono o quanto meno hanno bisogno di tempo per imparare a “vederlo” e ad apprezzarlo. Lo smokey eyes è seducente? Per me spesso si, ma per alcuni uomini è un trucco pesante e basta.  Quindi non cercate un look che piaccia ai maschietti, rischiate solo di fare qualcosa che non vi appartiene e di sentirvi a disagio tutta la serata.
Al contrario invece, in alcuni casi, le donne hanno quasi timore di truccarsi in quanto circola il luogo comune secondo il quale agli uomini il trucco non piace e ci preferiscono acqua e sapone. Ecco, non è esattamente così. La verità è che alcuni uomini riescono a percepire il trucco sul viso di una donna solo quando questo è molto pesante, altrimenti non solo non ci fanno caso ma sono capaci di definire “acqua e sapone” un viso truccato di tutto punto. Quindi evitate di farvi intimorire da questo luogo comune e truccatevi, ciò servirà non solo a mettervi più a vostro agio  ma anche a darvi un’aria curata che, pure se solo inconsciamente, gli uomini apprezzano. Il trucco quando è ben fatto è elegante e valorizza, solo un uomo ottuso è incapace di ammetterlo.

Quindi che look sceglierei se tornassi indietro nel tempo fino al primo incontro con mio marito? Sicuramente un trucco semplice ma ben definito, specie per quanto riguarda lo sguardo.

Gli occhi sono lo specchio dell’anima, è verissimo: con gli occhi possiamo comunicare meglio che con le parole e uno sguardo intenso e profondo riesce a sedurre e a conquistare più di ogni altra cosa. Nel passato le signore dell'aristocrazia usavano estratti di atropina, l' "Atropa belladonna", per indurre una dilatazione artificiale della pupilla e in questo modo apparire più attraenti; il nostro corpo fa lo stesso in maniera incontrollata durante il “corteggiamento” proprio per rendersi più appetibile: quando si è al fianco di un individuo dell’altro sesso che ci attrae le nostre pupille si dilatano e conferiscono il cosiddetto sguardo “languido”, tipico delle persone innamorate.
Dunque è importante mettere in risalto i nostri occhi affinchè risultino più grandi e comunicativi, e soprattutto più profondi e penetranti. Il modo migliore per fare ciò è creare un gioco di ombre e chiaroscuri da realizzare con due strumenti fondamentali: il mascara e la matita (o l’eyeliner). Il mascara aumenta la dimensione delle ciglia, così l’occhio sembra più grande, e la matita lungo il bordo le farà sembrare più folte. Il nero del mascara e della matita fanno risaltare la cornea, che a sua volta darà maggior contrasto e visibilità all’iride e alla pupilla. Volendo potete usare anche qualcosa di colorato ma il nero è il colore che, in questo caso, conferisce massima profondità, magari se siete molto diafane potete optare per una matita tortora scuro o grigio.


In questo make up ho usato ombretti chiari e luminosi: un marroncino malto nella piega e un color champagne perlato sulla palpebra mobile. Tuttavia è un trucco che conferisce molta intensità allo sguardo grazie all’uso della matita nera e del kajal, applicati sfumati verso l’esterno per conferire definizione ma in maniera soft e delicata. Insomma un trucco d’impatto ma non vistoso, mirato a sottolineare l’espressività dello sguardo. Sulle labbra ho scelto un rosa delicato (Snob di Mac), semplicemente perché se si esce a cena fuori non mi piace passare il tempo a controllare che non sbavi o non lasci stampi su bicchieri e tovaglioli ma, soprattutto, non vorrei che interferisse con un eventuale scambio di effusioni, all’inizio certi inconvenienti possono rappresentare motivo d’imbarazzo. Un colore chiaro (o un mlbb) crea meno pensieri ed è semplice da riapplicare se necessario.

Capisco che San Valentino è il trionfo del rosa e delle tinte pastello, ma partite dal presupposto che non si tratta di colori democratici e se volete indossarli valorizzandovi dovrete farlo con qualche accorgenza. Ho dunque un look anche per le inguaribili romantiche che non rinunciano ad un po’ di rosa e alle labbra definite, qualcosa però di non troppo “zuccheroso” per evitare l’effetto bambola. Ho colorato con un rosa shimmer delicato (Coax della Vice2 di Urban Decay)  la palpebra mobile e poi ho definito la piega facendo un mix fra un tortora e un viola opachi. Ho completato il trucco occhi con una linea di eyeliner e mascara. Sulle labbra avrei potuto scegliere un fucsia ma non volevo somigliare a Barbie, così ho scelto un berry rossastro creato usando Madame Batifole di Guerlain e un po’ di Glossimer Crushed Cerry di Chanel.


Quindi il trucco apprezzato dagli uomini in modo universale non c’è, dovete semplicemente valorizzarvi con i prodotti e le tecniche che vi stanno bene e vi fanno sentire a vostro agio, optando soprattutto per quelli che sono semplici da indossare (ed eventualmente ritoccare) e vi garantiscono una buona durata, perché si deve  puntare soprattutto ad avere un aspetto curato e ritrovarsi con gli occhi da panda a metà sera non è bello per niente. Questi sono consigli utili per i primi approcci, una sorta di codice mirato a farci trasmettere con il nostro corpo i segnali giusti quando ancora ci si conosce troppo poco, ma non permettete ad un uomo di dettar legge sul vostro beauty: il make up rispecchia un lato della vostra personalità che va amato e rispettato come ogni aspetto che vi riguarda.
A presto ^_^
Continua...