Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


lunedì 23 febbraio 2015

L'Oreal Infaillible 24-h Mat: prime impressioni.

4 comments
Tempo fa ho ricevuto questo pacchetto L'Oreal contenente prodottini molto interessanti:

- fondotinta Infallible 24-h mat nelle colorazioni 20, 22 e 30
- correttore Infallible nelle colorazioni 2, 4 e 6 
- smalto Infallible Gel nella colorazione Always Lady

Il nuovo fondotinta promette una lunga tenuta nel massimo del comfort. La sua formula contiene la Perlite, un minerale che agisce in modo efficace sulla naturale produzione di sebo delle pelle. In che modo? Nell’immediato, Infaillible 24H Mat opacizza le zone lucide, regalando alla pelle un aspetto naturalmente opacizzato. Nell’arco della giornata, la perlite agisce da sebo-bilanciatore, regolando la produzione di sebo, specialmente nella zona a T. La texture è estremamente fluida e sottile, studiata per un effetto seconda pelle modulabile.


A destra vedete il mio faccione struccato, a sinistra truccato con il fondotinta Infallible 24-h mat nella colorazione 22 (il più chiaro fra i tre) e il correttore della stessa linea nella colorazione 2. Come si nota chiaramente, purtroppo il colore non è adatto al mio viso in quanto un po' troppo caldo e mi conferisce un aspetto un po' innaturale. L'effetto è più "porcellanato" di quanto mi aspettassi: nonostante la texture sia molto fluida la coprenza è piuttosto elevata e conferisce un risultato estremamente omogeneo ed opaco, quasi un effetto buccia di pesca. Si applica facilmente sia con le dita sia con i comuni pennelli a lingua di gatto, perchè essendo a base d'acqua non lascia striature ma si fonde facilmente con la pelle. Sul viso è come non averlo: non unge, non "pesa", non tira, non appiccica e non macchia. Anche il correttore è molto coprente e, nonostante sia in formato stick, risulta morbido al punto giusto: si stende con facilità senza segnare i solchi del contorno occhi.

Certamente non ho avuto modo di testarlo per 24 ore, ho l'abitudine di struccarmi prima di andare a letto, ma in effetti è un fondotinta long lasting: l'ho applicato di mattina, ho fatto pulizie, sono andata al corso, sono tornata, ho cenato e prima di struccarmi era ancora intatto. Non posso fare una prova calore/sudore in quanto non ne ho modo nel mese di febbraio, però ha resistito bene alla prova stress li dove molti fondotinta (persino uno famosissimo e costosissimo del quale vi parlerò presto) hanno fallito: niente lucidità, niente chiazze, niente grumi di prodotto.


Lo smalto effetto gel è costituito da una parte densa e coprente e da una trasparente lucidante. Always Lady è un bellissimo rosso sangue, intenso e lucente. Completamente coprente in due passate, asciuga con rapidità ed è rimasto intatto sulle mie unghie per 5 giorni.

Nel complesso sono rimasta soddisfatta dei prodotti ricevuti in quanto mantengono fede alle promesse e si presentano di buona qualità, mi spiace solo che fra le colorazioni reperibili in Italia non ce ne sia nessuna adatta al mio colorito, ma a questo sono ormai abituata -____-

Voi avete già provato questo fondotinta? a presto ^_^

Infallible Mat
Continua...


lunedì 16 febbraio 2015

Trucco invecchiamento del viso (tecnica pittorica)

9 comments
Dopo avervi proposto un'idea di trucco bambola, oggi vi mostro come invecchiare il viso con i trucchi, in modo da realizzare con pochi accessori (uno scialle e un bastone) un perfetto travestimento da nonnina per il carnevale.

Alcune persone mi hanno chiesto un tutorial di questo make up poichè, a differenza di quello bambola, è meno semplice da realizzare perchè la tecnica utilizzata risulta complessa da capire guardando semplicemente il risultato sul viso. Io, purtroppo, non c'ho pensato a farne uno ma Antonio Ciaramella (Chief make up artist presso Romeur Academy) si :)

Prima di iniziare il tutorial va detto che Ciaramella ha utilizzato prodotti specifici per il teatro di qualità professionale, io però vi illustrerò in seguito come ottenere un risultato molto simile con prodotti facilmente reperibili anche in piccole profumerie.


1 COPERTURA DELLE SOPRACCIGLIA
Le persone molto anziane tendono ad avere ciglia e sopracciglia al quanto sfolte, eliminarle del tutto aiuta ad ottenere subito un'aspetto meno fresco e a manipolare meglio le linee d'espressione. Per coprire le sopracciglia si usa il Bondo (una colla ottenuta con 50% di Pros-aide e 50% di Silice fumata), lo si asciuga incipriando e poi con i correttori (prima quello arancio, poi quello color pelle) le si annulla cromaticamente fino a farle sparire.

2 IMPOSTARE I VOLUMI SPORGENTI DEL VISO
Antonio ha utilizzato un fondotinta più chiaro e giallo rispetto all'incarnato della sua "cavia" per ridefinire i volumi del suo viso e al contempo darle un colorito un po' pallido e spento. La fronte, gli zigomi e il mento vengono illuminati seguendo una curva che punta verso il basso, in modo da conferire alla pelle un'aria flaccida e cadente.

3 TRACCIARE UNA MAPPA DELLE PRINCIPALI RUGHE D'ESPRESSIONE
Con un marrone scuro si tracciano le linee naso labiali, gli zigomi scavati, le borse gonfie, le palpebre cadenti, le rughe della fronte, le zampe di gallina, il mento segnato, le labbra spioventi e rughe del collo. Tutte le linee seguono un'orientamento verticale in modo da accentuare l'effetto cadente.

4 SFUMARE, DEFINIRE, SFUMARE, DEFINIRE...
Dopo averle tracciate sommariamente, le linee vanno sfumate in modo da realizzare un chiaroscuro che definisce solchi e volumi concavi. Dopo aver sfumato il tutto queste linee vanno ritracciate per dare profondità e definizione ai lineamenti, insomma è importante che il tutto risulti definito senza però essere percepito come netto e lineare.

5 UN PO' DI COLORE
Per dare al volto un aspetto più naturale viene sfumato lungo i lineamenti un tocco di rosso violaceo, un modo per evocare la couperose che caratterizza la pelle sottile e sensibile delle persone anziane. Se si vuole dare un'aria più malaticcia al viso è possibile sostituire il rosso con un verde oliva giallastro.


Qui vedete l'effetto dell'invecchiamento pittorico sul mio viso fatto con prodoti low cost e facilmente reperibili. Ecco la lista:

- Fondotinta chiaro (ma va bene anche un correttore)
- Matita marrone scuro (Ebano di Neve Cosmetics va abbastanza bene per lo scopo)
- Ombretto marrone scuro freddo e opaco (ho scelto Camelot di Nabla)
- Fard o ombretto purpureo (ho usato Rhubarb di Mac)
- Mascara trasparente
- Pigmento bianco (o ombretto grattato)

Rispetto al tutorial ho preferito non eliminare le sopracciglia perchè il Pros-aide è tutt'altro che economico ed è reperibile solo in negozi specializzati. Per i principianti sarà più semplice passare un mascara bianco (che potete farvi da sole con uno trasparente e del pigmento) spazzolando i peli verso il basso, l'effetto è assicurato ;)

Spero il post sia stato di vostro interesse, a presto ^_^
Continua...

mercoledì 11 febbraio 2015

Review: Illuminismo di Neve Cosmetics

4 comments

Illuminismo è la nuova cipria lanciata da Neve Cosmetics. Viene così descritta dall'azienda:

Delicata e setosa, Illuminismo è una polvere impalpabile che uniforma l’incarnato illuminandolo delicatamente. Per crearla ci siamo ispirati alla luce calda e soffusa delle candele.
Illuminismo è perfetta anche per:
- creare delicatissimi punti luce su zigomi, arcata sopracciliare, naso e fronte
- ravvivare la zona contorno occhi
- fissare i prodotti in crema senza appiattirli

Si tratta di una polvere color pesca dorato iridescente. Leggendo un po' di comenti curiosi qua e la, mi sono accorta che in molte si chiedevano se fosse una cipria luminosa (sul genere Dewy) o qualcosa di più evidente. Fra chi l'ha provata ci sono pareri discordanti, tante la utilizzano rigorosamente come illuminante, altre la ritengono carina da applicare su tutto il viso.


Io appartengo al partito di chi ritiene che Illuminismo vada utilizzata esclusivamente come illuminante. Non è stato semplice fare uno swatch che rendesse a pieno il tipo di riflesso che lascia questo prodotto, sulla mia pelle assume un colore champagne che emette una luminosità effetto seta, con qualche piccola iridescenza dorata. Come avrete notato l'effetto non è patacca, ma molto sobrio e deliziosamente fine, il genere di illuminante che io preferisco fra tutti per la parte alta dei miei zigomi. Tuttavia trovo che questo genere di effetto non sia carino su tutto il viso, anche perchè al sole si rischia l'effetto Edward Cullen e trovo che sia molto più intrigante selezionare dei punti luce piuttosto che avere tutto il viso brillantinato.
Quindi io non la userei per fissare i prodotti in crema come consiglia Neve (anche perchè il potere fissante è molto basso) e nemmeno per ravvivare il contorno occhi, mi piace sulla parte alta dello zigomo, l'osso delle tempie e l'arco di cupido. Carina anche da usare sulle palpebre, per un trucco super veloce, o con il pennello bagnato per creare  punti shimmer del trucco occhi.


Qui faccio un confronto Fra illuminismo (swatch in basso) e un celebre illuminante, ovvero Lightscapade di Mac Cosmetics (swatch in alto). I due prodotti si somigliano moltissimo, le uniche differenze stanno nel colore leggermente più freddo di Lightscapade e una luminescenza un pochino più marcata in Illuminismo.
Sono entrambi degli illuminanti molto validi ed eleganti, se vi piace Lightscapade prendete illuminismo che costa meno della metà :D

Avete già provato questo prodotto?
A presto ^_^
Continua...

domenica 8 febbraio 2015

Trucco bambola per carnevale

12 comments
Quando ti invitano ad una festa di carnevale sorge spontanea una domanda e il panico che ne deriva: come mi maschero?
Oggi vi propongo un trucco bambola, un po' stilizzato e fantasioso, che se abbinato a due codini con fiocchetto  e una gonna tutù diventa una perfetta maschera di carnevale economica. Insomma un modo per poter partecipare al party organizzato all'ultimo minuto o per rendere felici figlie, sorelline o nipotine, che potranno sfoggiare qualcosa di colorato e originale durante le festicciole per bambini.

Cosa ci serve per realizzarlo?
- Ombretti in toni pastello (io ho scelto rosa, celeste e viola)
- Ombretto marrone opaco freddo
- Eyeliner nero (preferibilmente waterproof)
- Matita bianca opaca (se avete un eyeliner ancora meglio)
- Rossetto acceso (io ho scelto il fucsia)
- Pennello n.0 da pittura

Ecco, insomma nulla di impossibile ;)

carnevale trucco

Per prima cosa ho passato la matita bianca sulla palpebra mobile (Milk di Nyx) e un po' sotto l'arcata sfumandola. Poi ho applicato un ombretto celeste acqua (Aqua di Mac) solo al centro della palpebra, per il resto ho lasciato il bianco della matita fissandolo con un po' di cipria. Con un eyeliner bianco (Chromaline Pure White di Mac) ho ingrandito e allungato l'occhio, schiarendo la parte inferiore fin sotto le ciglia e allungandolo verso l'esterno. Va benissimo anche una matita bianca, non è indispensabile che sia un eyeliner, basta ricordare di fissarla con una cipria o un ombretto bianco. Lungo il bordo della riga bianca applico un tocco di ombretto viola opaco (dalla Lagoon di Sleek) con uno rosa acceso (dalla Electric di Urban Decay), la stessa gradazione di colori la sfumo anche nella piega dell'occhio. Ora viene la parte un pochino più complessa del trucco: con un eyeliner nero (Chromaline Black Black di Mac) e un pennello n°0 definisco questo grande occhio immaginario, disegnando una sottile riga nella piega e una sotto il bordo inferiore, poi ci aggiungo delle ciglia realizzate con piccoli tocchi di pennello. Il pennello n°0 è acquistabile in tutti i negozi di belle arti per due o tre euro ma è reperibile anche nelle cartolerie ben fornite, vi tornerà utilissimo anche per la riga di eyeliner da tutti i giorni ;) Per quanto riguarda l'eyeliner da scegliere io consiglio che sia waterproof, per evitare che il calore della piega sciolga la vostra riga.
Sul viso ho applicato il rosa acceso della piega sfumandolo a pomello, ho creato un'illusione di guanciotta tonda sfumando sotto il rosa un ombretto marrone freddo opaco (Camelot di Nabla) facendo movimenti a mezza luna. Ho ingrandito e arrotondato le mie labbra con una matita fucsia (Anarchy di Urban Decay) e ho definito i bordi con l'eyeliner allungandomi verso l'esterno, come un accenno di sorriso. Con lo stesso eyeliner ho fatto le lentiggini.

Spero l'idea possa tornarvi utile, a presto ^_^
Continua...

lunedì 2 febbraio 2015

Smokey eyes: tutorial e precisazioni tecniche

26 comments
Si parla spesso di smokey eyes, ma solo raramente viene usata questa dicitura nel modo giusto.  Per smokey eyes si intende un trucco cupo, scuro e compatto, che però si stonda lungo i bordi come una nuvola di fumo. Viene utilizzato principalmente il nero, ma per dare tridimensionalità alla sfumatura si aggiunge una leggera gradazione di colore, che può essere un marrone per renderlo più naturale, un grigio per amplificarne l'effetto drammatico o una punta di colore per esaltare l'iride (viola per gli occhi verdi, blu per quelli marroni, ambra per quelli azzurri).  Alcune foto pescate dal web ci serviranno da esempi per capire quali sono gli errori tecnici da evitare:

NO AL PUNTO LUCE
troppo luminoso

Lo smokey eyes è scuro in modo piuttosto compatto sulla palpebra, va a schiarirsi gradualmente fra la piega e l'arcata. Trucchi come questo in foto, con un'area luminosa così evidente, sono dei bellissimi gradient, ma non degli smokey.

NO ALL'EYELINER
troppo grafico
Tutto ciò che è grafico non è smokey. Un occhio fumoso deve essere morbido, le linee taglienti dell'eyeliner interrompono l'armonia fumosa dello smokey e si sconfina in un altro genere di make up,  un celebre esempio è il trucco arabic come questo bellissimo in foto.

SMOKEY NON E' PANDA
Troppo esteso
Lo smokey eyes tende a contornare tutto l'occhio allargandosi verso l'esterno, ma bisogna comunque contenere la sfumatura entro certi limiti di spazio. Lo smokey, se fatto con maestria, può star bene a qualsiasi tipo di occhio (tranne forse quello spiccatamente infossato), poichè appiattendo le ombre e della palpebra e allargandosi fuori dai bordi si può letteralmente creare un occhio nuovo e sollevare uno sguardo un po' cadente, appiattire una palpebra bombata, amplificare un occhio piccolo, allungare un occhio tondo. Insomma portare uno smokey è più semplice e valorizzante di quel che a volte si crede, bisogna però mantenere il controllo della mano.

ATTENZIONE AL 45°
Troppo angolato
Spesso, con l'intenzione di sollevare l'occhio, si fanno trucchi troppo allungati verso l'alto, ovvero la sfumatura orientata a 45° gradi rispetto all'angolo esterno dell'occhio. Nell'ambito del trucco beauty correttivo è considerato grave errore, in quanto disarmonizzante e antiestetico, nell'ambito del trucco fashion la sfumatura a 45° viene spesso utilizzata, ma solo per realizzare lavori grafici come il trucco pop anni 60 o l'arabic. Lo smokey eyes deve contornare l'occhio in modo soft, le curve forzate sono ammesse solo in altri generi di make up, ma solo con alla base un progetto di design ben chiaro e strutturato. Quindi attenzione!

NON INGRIGITEVI TROPPO
Forse non tutte sanno che il nero è un colore freddo, se schiarito con il bianco o il color carne genera il grigio che su alcune carnagioni assume quasi tonalità azzurrine. Un trucco totalmente freddo è considerato rischioso perchè si carica di ulteriore drammaticità e stride con gli incarnati dorati. Per la maggioranza delle persone, che sono tendenzialmente neutre, è ritenuto di gran lunga migliore uno smokey che va a desaturarsi in marrone o nocciola, tonalità che quindi evitano le sfumature grigie e azzurrate e vanno ad amalgamarsi meglio con il tono naturale della pelle. Se non siete particolarmente fredde evitate quindi di sfumare il nero con il grigio, anche lo smokey che qui indossa Jennifer Lopez - che comunque è molto bello - sarebbe stato più valorizzante se fosse stato desaturato su una scala di marroni. Così risulta un pochino spenta...

Qui ho realizzato un piccolo tutorial fotografico per mostrarvi lo smokey eyes ritenuto classico, così come mi è stato insegnato alla Romeur Academy:


STEP 1: LA BASE GRASSA
Per realizzare uno smokey eys intenso e duraturo è necessario partire da una base nera da realizzare con prodotti come matite, matitoni o ombretti in crema. Io tendo a preferire delle matite a media durezza come la Ebony di Mac, richiedono un po' di tempo in più per essere sfumate ma restano fisse sulla palpebra senza fare grinze, un Kajal non mi offrirebbe le stesse garanzie. Un ombretto in crema waterproof sicuramente offre un'ottima tenuta e grande intensità ma è rischioso: si asciugano in fretta e non offrono la possibilità di essere lavorati a lungo, è probabile che si creino chiazze e aloni indesiderati senza poter rimediare. Si, matite a media durezza tutta la vita.

STEP 2: SFUMA DAL CENTRO VERSO FUORI
Per realizzare uno smokey impeccabile è molto importante che il nero parta più intenso al centro della palpebra e si vada a diluire verso piega e angoli. La ragione è semplice: se si concentra troppo nero verso l'angolo esterno sarà molto difficile sfumarlo in modo morbido e stondato senza allungarsi eccessivamente verso l'esterno, si rischia insomma il 45° o l'effetto panda citati prima, o ancora di creare macchie nel tentativo di attenuarlo. Il quantitativo di prodotto che si trascina con il pennello dal centro palpebra verso l'esterno è più che sufficiente a creare la sfumatura ideale per qualsiasi tipo di occhio.

STEP 3: UN PO' DI MARRONE
Dopo aver sfumato la base di matita nera, prendo un ombretto marrone medio (ne chiaro ne scuro) e lo applico nella piega sfumandolo verso l'arcata e verso l'esterno controllando che sia visibile ad occhio aperto senza però dilatarsi troppo oltre l'angolo discendente del sopracciglio e la parte alta dell'arcata. Insomma mantenete il controllo del pennello e del colore.

STEP 4: L'OMBRETTO NERO
Dopo aver creato una base marroncina nella piega, applico l'ombretto marrone sul centro della palpebra e lo sfumo in direzione radiale: verso i due angoli esterni e verso l'arcata. Aggiungo e sfumo colore poco per volta, in modo da ottenere una gradazione che va dal nerissimo intenso della palpebra al bruno della piega. il trucco nel complesso deve risultare nero e la sfumatura di marrone quasi impercettibile, il passaggio da un tono all'altro deve essere breve ma estremamente graduale.

STEP 5: TOCCHI FINALI
Un'accurata definizione delle sopracciglia, intensificazione della rima congiuntivale (tanto kajal) e una generosa dose di mascara. Le ragazze bionde, o comunque con ciglia chiare, possono mettere un po' di mascara anche sulle ciglia inferiori ma solo per pigmentarle, quindi sporcandole appena.


Questo è il risultato finale, intenso ma non cupo, esteso ma entro margini contenuti. Insomma forte senza essere eccessivamente pesante.
Per completare il trucco ho fatto con le labbra il più classico degli abbinamenti scegliendo un rossetto nude. Recentemente, per necessità lavorative, ho acquistato Creme de Nude di Mac e l'ho usato per testarlo un po'. Usato assoluto non mi piace, è una sorta di beige rosato, o beige a base pesca rosato, molto simile al colore della mia pelle, ciò significa che mi schiarisce eccessivamente le labbra. Tuttavia non è il rossetto assurdo che credevo: rispetto ad altri suoi fratellini molto coprenti (tipo mith, peachstock o fleshpot) Creme de nude è abbastanza trasparente e per questo gestibile con la matita. Io qui ho usato la Whirl di Mac come base e l'effetto mi è piaciuto molto, delicato abbastanza da star bene con un trucco occhi così forte, ma senza sbiadirimi il viso. Sulle guance un rosa petalo, Fleur Power di Mac.

Spero il post vi sia stato utile, a presto ^_^

Continua...