Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


sabato 20 febbraio 2016

La bellezza secondo Lancome nel 1982

5 comments


Tornando al discorso anni 80, forse non vi ho mai detto che io ho una cartella chiamata "Anni 80", dove vi salvo tutte le immagini belle che trovo in giro risalente a questa decade. Una di queste ve la mostro oggi: rappresenta Nancy Dutiel, musa di Lancome nel 1982, scovata su quella fantastica pagina che è Timelessbeauty. Sono mesi la osservo con ammirato stupore: come può un trucco così pesante e variopinto essere così magnetico e, a suo modo, risultare elegante? Vero che c'è un po' di filtro, e vero anche che la Dutiel è di una raffinatezza e una perfezione tale che sarebbe magnifica anche ricoperta di strutto, cacio e salame (lo so, si avvicina pasqua e io penso ai Casatielli...), ma rimane il fatto che ne ero intrigata e dovevo replicare il look.


Si tratta di una sfumatura di azzurro intenso che si concentra verso l'esterno e si allunga con una piccola ala, incrociando un rosa confetto sulla palpebra mobile e verso l'arcata. Io ho utilizzato due ombretti Inglot (il rosa è il 359, l'azzurro il 371), aggiungendo giusto un po' di nero per dare intensità in alcuni punti. Il fard, applicato in dosi generose fin sopra le tempie, è Frankly Scarlet di Mac, sulle labbra un rosso ciliegia, ovvero il Rimmel Lasting Finish by Kate Moss 09.

Ok, non passa inosservato, però mi sono sentita figa. E' un peccato che sia diventato stravagante uscire in giro così, ma forse in realtà lo era anche all'epoca e mi piace fantasticare su uno stile 80's che in realtà esisteva solo nella moda.

A presto ^_^

Commenta con Facebook:

5 commenti :

  1. io invece ti chiedo: come può una che scrive così bene apprezzare gli articoli di timeless beauty?che è sì una pagina originale,completa e ricca di contenuti davvero ghiotti per chi è appassionato di make up (ma non solo...cinema, teatro, storia del costume e della moda...), ma i cui articoli sono scritti così senza cura, SENZA PUNTEGGIATURA e senza un minimo di editing che fanno sanguinare gli occhi. ti confesso che non ho acquistato il libro (100 anni allo specchio) perché leggendone un estratto non ce l'ho proprio fatta!

    RispondiElimina
  2. io ci uscirei serenamente e non escludo di rifarlo a mia volta, è fantastico e la tua elaborazione molto riuscita!
    Che la moda attuale sia tristissima è una cosa che si può cambiare solo non adeguandosi ad essa... negli ultimi giorni sto guardando con più attenzione come si truccano le persone della mia città e mannaggia alla miseria, trovare qualcuno come me ancora non m'è capitato... la ridondanza della riga di eyeliner nera e poco altro è una cosa pallosissima...

    RispondiElimina
  3. io che sono di una noia e di una banalità disarmante nella scelta del make up non posso che rimanere colpita davanti a tanta bellezza *___*

    RispondiElimina
  4. sarà che gli 80 sono i miei anni, e niente mi sembra mai troppo nel trucco finchè ha forme eleganti e ben fatte, trovo che con un blush meno marcato sarebbe perfetto anche ora, per uno sguardo magnetico ma non banale! Mirabile resa del make-up, come sempre del resto!

    RispondiElimina
  5. Sicuramente se non mi stessa malissimo l'azzurro come è in realtà io ci sarei uscita....sarà che ultimamente uscendo dall'accademia vado in giro come una pazza ma non mi farei grandi problemi...peccato che l'azzurro mi stia da cani...anche io trovo che l'immagine di riferimento sia estremamente elegante nonostante i colori appariscenti....mi piace molto..

    RispondiElimina