Ultimamente si parla tantissimo di contouring ma in pochi, fra blogger, youtuber e chi si occupa di bellezza sul web, sanno realmente cos’è: si vede sempre e solo la tecnica per viso tondo (applicata anche su tutt’altre tipologie di viso), realizzata con terre calde e illuminanti shimmer. Poi circolano diverse credenze, le più gettonate sono queste:

  • “Il contouring è qualcosa di molto pesante e innaturale”
  • “Il contouring è una moda lanciata da Kim Kardashian”
  • “Il contouring è una tecnica sensata solo in ambito fotografico”

In realtà non hanno fondo di verità.

Il contouring, che più correttamente va chiamato contouring and highlighting, è la base fondamentale di qualsiasi make up. È la tecnica che, mediante la manipolazione delle luci e delle ombre, conferisce armonia ai volumi del viso, mettendone in evidenza i pregi e minimizzando i difetti. Ha origini negli anni 30, quando l’industria cosmetica fa grandi passi, nasce la figura del truccatore e il makeup diventa oggetto di studio. Da allora è stato utilizzato sempre, ininterrottamente fino ai giorni nostri: cambiano le tecniche e i prodotti, ma applicare chiaroscuri al viso è un’esigenza indiscussa.

Contouring Correttivo: Una Tecnica Troppo Difficile?

Fare contouring non è semplice: con gli scuri si rischia di creare macchie, con i chiari di ingrigire e comunque non è immediato capire dove posizionarli, si rischia con la tecnica errata di creare inestetismi dove prima erano inesistenti o poco evidenti. Se con le polveri rimane una tecnica gestibile senza troppi problemi (dopo un po’ di esercizio) per tutte le donne, con le creme il discorso si complica di moltissimo. Sono dell’idea che il contouring in crema debba rimanere una tecnica per professionisti, perché richiede una serie di competenze che la donna media (salvo che non abbia fatto un corso o si sia documentata ed esercitata a dovere) non ha. E il fatto che si trovino in grande distribuzione prodotti per il contouring in crema rischia di diffonderli anche tra chi crede sia facile usarli, ritrovandosi con ombre macchiate, chiari sparati e comunque posizionati nei punti sbagliati.

Il contouring però è fondamentale, dunque non bisogna scoraggiarsi nel provare a farlo. In verità, come già ho accennato, è solo quello in crema che va preso con le molle, potrete imparare a fare un buon contouring in polvere con pochi prodotti e senza troppe difficoltà, ed è per questo che oggi vi mostro le tecniche per correggere e valorizzare le tipologie di viso più comuni.

Cosa bisogna procurarsi? Un marrone freddo per le ombre, un giallino chiarissimo per i chiari e un fard in un colore abbastanza saturo e luminoso. Evitate fard scuri o spenti perché dovendosi raccordare con il marrone freddo rischiate di incupire troppo il viso. Il tutto rigorosamente opaco.

Vedi Anche:  Truccarsi Con i Colori Giusti Secondo L'Armocromia

Contouring Forme Viso

VISO LUNGO, TRIANGOLARE E RETTANGOLARE

Il viso lungo è caratterizzato da una verticalità delle linee e spesso è accompagnato da volumi poco pronunciati, l’obiettivo è accorciare il volto e scolpirne i lineamenti.
Gli scuri vanno applicati alle estremità verticali del viso (ovvero mento e parte alta della fronte) e sotto lo zigomo con movimenti orizzontali, in modo da allargarlo otticamente. I chiari si applicano nella zona sottoculare, anch’essi con orientamento orizzontale. Il fard lo si applica con la tecnica del pomello, ovvero da sotto l’osso dello zigomo verso il centro delle guance.

Il viso triangolare ha inoltre la fronte larga, quindi va ombreggiata anche ai lati.

Il viso rettangolare è invece un viso lungo con mascelle prominenti, che con l’ombreggiatura vanno smussate. Elementi che aiutano ad armonizzare il viso lungo sono anche il rossetto scuro (in quanto taglia la verticalità), la sfumatura allungata dell’ombretto e la matita sulla rima inferiore delle ciglia. Evitare di enfatizzare troppo l’arco delle sopracciglia, vanno invece allungate verso le tempie.

Contouring Correttivo Viso Ovale VISO TONDO

Il viso tondo è caratterizzato da lineamenti sviluppati in larghezza con una scarsa definizione degli zigomi e delle mascelle. Lo scopo è quello di dare verticalità e tridimensionalità al viso. Con gli scuri si ombreggiano i lati del viso e della fronte, si marca lo zigomo orientandolo verso la bocca, con movimenti diagonali. Anche il fard segue movimenti diagonali e i chiari vanno posizionati al centro del viso. Sarebbe meglio accentuare l’arco delle sopracciglia, evitare di marcare la rima inferiore dell’occhio e di allungare troppo la sfumatura degli ombretti. I rossetti intensi tendono ad accentuare la rotondità del viso, quindi attenzione.

Vedi Anche:  Sottotono Della Pelle: Consigli Per Individuarlo

Il viso tondo è l’unica tipologia di viso che va truccata con movimenti diagonali.

VISO QUADRATO E TRAPEZOIDALE Countouring Correttivo Per Ogni Tipologia Di Viso

Il viso quadrato è un viso caratterizzato da un imponente volume di fronte e mascella sviluppate in larghezza. In questo caso è importante sia dare verticalità al viso, ombreggiandone i lati, sia arrotondare e addolcire i lineamenti. Con il marrone freddo si va dunque a scurire i lati del viso, con il fard e i chiari si vanno ad arrotondare la forma degli zigomi.

Il viso è trapezoidale quando sono solo le mascelle ad essere pronunciate, la fronte si presenta piccola e stretta. In questo caso la fronte va illuminata scendendo per le tempie fino allo zigomo, mentre le mascelle vanno ombreggiate.

Contouring Correttivo: Marcato o Leggero?

Il contouring può essere marcato o leggerissimo, tutto dipende dai prodotti scelti e da quanto intensificate i contrasti.
Un make up piuttosto marcato e studiato è utile per un’intensificazione drammatica dei lineamenti e una resa fotografica ottimale.
Un contouring realizzato esclusivamente con le polveri o con le creme, studiato per il viso, può essere semplice ed efficace, perfetto per le occasioni di tutti i giorni ma poco fotogenico.