Make up Pleasure

Blog dedicato alla bellezza. Consigli, tutorial e novità dal mondo del Make Up.

Seguimi su FB

Follow Follow on Feedly

Contatti

Per contatti e
collaborazioni
scrivete a:
makeuppleasure@gmail.com
Android app on Google Play


sabato 11 agosto 2018

Truccarsi con l'abbronzatura: come cambiano i prodotti e le esigenze

1 comment
     Immagine correlata

Con l'arrivo dell'estate la routine make up e skin care viene stravolta inevitabilmente dal caldo e dalla pelle che, fra sudore e abbronzatura, inevitabilmente si presenta diversa rispetto a come si presenta in inverno. Questo fa sì che molte donne si scoraggino, non sanno affrontare il cambiamento e finiscono col truccarsi poco e trascurare la cura della pelle, pagandone poi le conseguenze a settembre. Questo post non potrà essere esaustivo perchè ogni consiglio dovrebbe essere attentamente ponderato: quanti anni hai? che pelle hai? quanto ti abbronzi? da che tipo di incarnato parti? Semplicemente vorrei mettere in evidenza cose che sono effettivamente vere, da prendere in considerazione, e cose che invece sono un luogo comune - un po' esagerate se non del tutto errate - e quindi da prendere con le molle, sperando anche di darvi qualche appropriato consiglio.

"In estate, anche se si suda, la pelle va comunque idratata" VERO
In estate la pelle tende a "buttare" fuori il sudore e con esso anche il sebo e i cosmetici che noi vi applichiamo, questo è senz'altro vero, ma oggi esistono sul mercato idratanti fluidi come acqua, booster a base di minerali e ialuronico che aiutano la pelle a non perdere troppi liquidi e con componenti di glicerina che permettono anche una migliore tenuta del make up. Inoltre di sera, prima di andare a letto, si possono usare anche prodotti più nutrienti senza il timore di apparire lucide. So bene che con il caldo non si sente l'esigenza della crema, anzi, ma un minimo di attenzione è necessaria se non si vuole arrivare a settembre/ottobre con la pelle ruvida e spenta.
Risultati immagini per vichy
Mineral 89 di Vichy è un idratante a base di ialuronico estremamente fresco e leggero sulla pelle, ottimo per l'uso estivo ma anche da usare come siero nel periodo invernale
                                      
"Quando vado al mare evito di esfoliare perchè altrimenti va via l'abbronzatura" FALSO
Oserei invece dire che, al contrario, è proprio durante le fasi dell'abbronzatura che si sente maggiore esigenza di esfoliare. Detto in modo sintetico e maccheronico, l'abbronzatura non è altro che una forma di difesa dinanzi ad un danno apportato dalle radiazioni, la pelle reagisce producendo melanina e gli strati aggrediti, danneggiati, vengono man mano sostituiti da strati nuovi di pelle ma quelli vecchi non vengono immediatamente rimossi (tranne quando ci si "spella"), rimangono lì e ispessiscono la pelle, rendendola spenta, grigia e ruvida. Inoltre man mano che ci si abbronza si possono creare delle vere e proprie chiazze dovute alla stratificazione di cellule, che rendono l'abbronzatura poco omogenea. Esfoliare permette quindi di rimuovere questi strati "morti" e rendere la pelle più morbida, più luminosa ed omogenea. Inoltre ciò vi permetterà di abbronzarvi meglio e mantenere il colorito più a lungo, anche se in un primo momento può sembrarvi il contrario.

"Bisogna continuare ad usare la protezione anche se si è già molto abbronzate" VERO
Purtroppo si, perchè i rischi legati al sole non sono si limitano alle scottature ma abbracciano anche danni come l'invecchiamento cutaneo e patologie della pelle molto gravi, quindi è meglio proteggersi sempre. Inoltre l'abbronzatura, come tutte le cose e soprattutto riconsiderando che, come detto prima, è una reazione di difesa della pelle, va presa comunque nelle dosi giuste. Il troppo non è salutare nemmeno per la sua bellezza.

"Con l'abbronzatura la pelle migliora e il fondotinta non serve" FALSO
Questo è un grande luogo comune che circola fra la gente da sempre. La verità è che molte donne con l'abbronzatura si vedono più belle, semplicemente apprezzano il loro colorito e di conseguenza la loro pelle senza notare che essa, naturalmente, non diventa priva di imperfezioni e all'occhio attento del truccatore non solo ciò è palese ma è anche stridente con rossetti intensi e occhi definiti. Alcune persone con il sole davvero migliorano i loro problemi di pelle ma tuttavia se si vuole realizzare un trucco completo la base deve essere compatta, altrimenti meglio limitarsi ad un po' di cipria e mascara. Inoltre è anche vero che l'abbronzatura può mettere in risalto discromie e problematiche: rossori, colorito non omogeneo, macchie solari, macchie risalenti a vecchie cicatrici, brufoletti dovuti a caldo e sudore, aree ingrigite e il fondotinta diventa un vero e proprio imperativo se si vuole dare al viso un aspetto curato. Naturalmente cambieranno le esigenze, magari è possibile vi basti qualcosa di più leggero o al contrario avrete bisogno di più "sostanza" per porre resistenza alle continue sollecitazioni di sebo e sudore, ma un trucco senza un minimo di cura della base è nulla.

"Se sei molto abbronzata non bisogna truccarsi con colori freddi" VERO
Vero, anche se, come vedremo poi, con riserva. La pelle con l'abbronzatura aumenta la sua pigmentazione (la melanina di fatto è un pigmento) e diventa più giallastra/aranciata. Ciò vuol dire che tutto ciò che è freddo tende a diventare grigiastro/lillino, soprattutto se di base ha una componente già grigia come alcuni malva e alcuni tortora. Così accadrà che il bellissimo nude rosa antico, che in inverno vi dà un'aria tanto fine e curata, in estate risulti pallido, smorto e innaturale, tanto da preferire quella tonalità un po' più calda che invece, solitamente, sembrava risultare troppo aranciata. Quindi anche chi ha sottotono freddo è possibile abbia bisogno di tonalità con una componente più mattone/corallo, inoltre se si ha intenzione di usare ombretti in colori freddi come il verde, il blu o il viola è importante applicare una base grassa colorata come primo step, altrimenti è facile che questi si fondano con la pigmentazione scura dell'incarnato risultando cupi, poco vividi. Importantissimo anche fare attenzione ai prodotti per la base: un fondotinta molto rosato o un prodotto da sculpting marcatamente tortora risultano facilmente lividi.

Risultati immagini per mauve eyeshadowRisultati immagini per mac enchanted eye
           A sinistra c'è un esempio di palette in toni tortora malva, quindi piuttosto freddi e grigiastri, a destra una su toni nocciola e quindi più calda. La prima è un esempio di toni che sull'abbronzatura virano male, tirando fuori sfumature livide che rendono la pelle come macchiata e lo sguardo più stanco. La seconda invece appartiene ad una gamma cromatica che va a ben fondersi con il tono più intenso e dorato che assume la pelle abbronzata.

"Meglio preferire colori caldi come il corallo e l'arancio" FALSO
Se prima abbiamo affermato che alcuni colori freddi sono un vero tabù per chi è molto abbronzata, questo non conferma un altro mito discutibile, ovvero che in estate il corallo e l'arancio siano una scelta preferibile. Questi due colori rimangono per l'italiana media piuttosto ostici da utilizzare e anche se l'incarnato si scalda e si pigmenta potrebbero facilmente risultare stridenti in quanto eccessivamente caldi, specie su chi ha una patina blu/olive spiccata. E' meglio mantenere come punto di riferimento ciò che si utilizzava in inverno riconsiderandolo in una chiave leggermente meno fredda, senza stravolgere la nostra tavolozza abituale. L'abbronzatura ci rende un po' diverse ma non cambia i connotati dei nostri colori :)

"In estate via libera ai colori chiari e accesi" FALSO
Riallacciandoci al fatto che l'abbronzatura non cambia del tutto le nostre caratteristiche cromatiche, va detto che anche i colori accesi e chiari in estate sono veramente sopravvalutati. Durante l'estate in cui ho lavorato per una profumeria ho notato come moltissime donne, in quanto abbronzate, mi chiedevano tonalità molto brillanti: rosa shocking, pesca fluo, arancio puro o al massimo corallo, niente di meno. Già un rosso classico era considerato un po' spento, "non estivo" e veniva scartato, dando preferenza ai toni citati che onestamente già sul dorso della mano risultavano sparati, sul viso veramente fuori contesto ma poche si guardavano allo specchio con oggettività e li compravano perchè "in estate si portano questi".  Il fatto che molte tonalità virino a grigio non esclude che alcune altre sembrino al contrario dei fari nella notte, staccati dall'armonia del viso come un collage. Anche perchè i colori molto accesi sono anche piuttosto chiari e su un incarnato che è diventato molto scuro la stonatura è inevitabile. In estate ottima scelta è valutare qualcosa che sia meno cupo e più vivace (anche per evitare il fenomeno dell'ingrigimento di cui abbiamo parlato) ma nella giusta misura.

Quindi in estate non dovrete rivoluzionare il vostro beauty case, molte delle cose che usavate con soddisfazione prima dell'abbronzatura è facile che continuino a darvi soddisfazione, altre invece  forse avranno bisogno di essere "aggiustate", altre ancora andranno sicuramente sostituite. Ciò che va cambiato è senza alcun dubbio sia il fondotinta che il correttore, in quanto sicuramente troppo chiari, e senz'altro dovrete essere pronte al fatto che gradualmente vi scurite sempre di più per poi tornare man mano a schiarirvi e quindi un solo nuovo fondotinta non basterà. Per ovviare a questo problema non serve acquistare tanti fondotinta diversi, basta acquistare un mixer di colore scuro e aggiungere una goccina al vostro nuovo fondotinta nel momento in cui questo cominci a risultare chiaro

Risultati immagini per nyx pro mixer
Questo prodotto di NYX è appositamente studiato per essere miscelato al vostro fondotinta e cambiarne il tono in base alle vostre esigenze.
                                   
Anche i rossetti potrebbero aver bisogno di una leggera correzione, così tutto ciò che risulta troppo pallido può essere intensificato con una matita di base un po' più scura e ciò che invece sembra troppo freddo/grigio con una matita più rossiccia. Anche alcuni ombretti se sfumati con una tonalità più aranciata possono risultare meno smorti ed essere utilizzati in maniera efficiente. Inoltre anche le vostre abitudini non necessitano uno scossone perchè non esiste il trucco estivo o il trucco per abbronzate, il trucco giusto rimane un fatto molto soggettivo: se siete abituate a trucchi morbidi e delicati non dovrete per forza lasciarvi convincere ai colori brillanti che vengono da sempre proposte dalle collezioni make up in questo periodo dell'anno, così come non è detto che in estate il trucco debba essere più leggero e luminoso "perchè tanto si è abbronzate", quindi se ritenete che il vostro viso sia al suo top con occhi molto intensi e definiti continuate pure per questa via, perchè il colore dell'incarnato non cambia l'esigenza dei vostri lineamenti, così come non è regola fissa che tutto in estate debba essere sgargiante e infatti quest'anno nei negozi si sono visti moltissimo anche colori morbidi e desaturati sia per quel che riguarda il make up sia l'abbigliamento. Insomma, come sempre, nel make up esistono una serie di principi basilari che è importante tenere a mente ma per il resto molto è relativo alla persona, per cui le regole si ma ragionate e le mode pure ma da selezionare e personalizzare su di sé.

A presto ^_^

Continua...


martedì 20 febbraio 2018

Tingersi i capelli in Armocromia: ecco come orientarsi

3 comments
Chi lavora in un campo che ha a che fare con la bellezza sa bene quanto siano determinanti i capelli in un look: Il trucco meglio realizzato e l'abito più bello sfigurano se i capelli non sono ben acconciati, se il taglio non è quello giusto, se il colore non è ben scelto, al contempo una bellissima chioma subito fa diva ed eleganza, anche se il resto è molto minimal. Per chi si occupa di Armocromia è lo stesso: il potere del tono dei capelli è più forte di quello di trucco e abiti, purtroppo però è un discorso estremamente complesso da affrontare poiché comporta un numero di limitazioni maggiore: per ogni stagione esiste una palette con un'ampia scelta di colori per i vestiti, per i capelli invece il colore migliore di solito è uno solo o al massimo un paio di altre sfumature non troppo distanti fra loro. E mentre con il trucco si può "trasgredire" in libertà, perchè con una passata di struccante si è pronte subito a ricominciare, con le tinte, le decolorazioni e gli hennè tornare al punto di partenza può essere estremamente lungo e complesso, in alcuni casi a scapito della salute del capello. Questo in un paese come l'Italia, dove la voglia di cambiare spesso e radicalmente colore è più diffusa rispetto che a molte altre nazioni, sembra una brutta punizione. Ciò a maggior ragione se si considera che dietro il tingersi i capelli vi sono enormi implicazioni psicologiche: spesso una donna per lasciarsi alle spalle un periodo negativo inizia un nuovo percorso cambiando il colore ai propri capelli; chi, come un po' tutte noi, non è contenta del proprio aspetto finisce a volte per ispirarsi a modelli di bellezza diametralmente opposti al proprio; le più giovani, spesso un po' insicure, hanno paura di sembrare "anonime" e cercano di "spiccare"dalla massa usando colori decisi come il biondo chiaro, il nero e il rosso intenso. Insomma si entra in un campo sensibile, le persone spesso vogliono sentirsi dire che stanno bene e una risposta negativa genera nei migliori dei casi un po' di delusione, in altri addirittura polemiche e rabbia. Insomma ad essere sinceri, anche usando tatto, spesso si urta contro una certa suscettibilità ma d'altro canto chi chiede una consulenza armocromatica sarebbe il caso lo facesse aperto a nuovi suggerimenti e valutando con serenità eventuali cambiamenti, perchè una consulenza non sincera è priva di utilità alcuna.

Nel mondo dello spettacolo stravolgere la propria immagine è all'ordine del giorno, in alcuni casi il cambiamento, come vedremo, è un davvero un disastro, in altri invece nel complesso si può dire che il lavoro è ben riuscito ed è stato centrato pienamente l'obiettivo. Ciò che rende un lavoro ben riuscito è un insieme di fattori che vanno riconsiderati per ogni caso specifico.

                                 
Un esempio molto famoso è Marilyn Monroe. Marilyn era biondo scuro con occhi hazel (Lo mostrano alcune vecchie foto ma è anche scritto nelle sue biografie), è diventata famosa in una versione di sè abbastanza diversa, ovvero platinata con occhi blu. Era senz'altro magnifica, ma dietro questo bel restyling c'è stata una rielaborazione totale della sua immagine molto complessa, che va oltre la tinta e le lenti ma comprende un certo studio del make up, un abbigliamento in stile molto ammiccante creato ad hoc per lei, alcuni ritocchi chirurgici e una serie di interventi sulle foto e sulle pellicole che davano ulteriore risalto a determinati aspetti del suo viso. Una Marilyn platinata senza tutto ciò non sarebbe stata la stessa.

Caso ancora più eclatante è quello di Dita Von Teese, che da bionda è passata al nero corvino. Anche qui la buona riuscita del restyling è merito di un lavoro che punta ad una visione d'insieme coerente allo stile della celebre modella e show girl che incarna un'estetica burlesque in chiave goth/fetish. In tutto ciò il capello nero a contrasto con la pelle ultra chiara (schiarita con trattamenti specifici), abbinato ad abiti e trucco d'ispirazione anni 50, evoca immediatamente il personaggio molto particolare che è riuscita a crearsi e nel complesso risulta bellissima, armoniosa nella sua originalità. Ma Dita, che è splendida già di natura, vista con poco trucco e un abbigliamento meno costruito risulta appesantita dal suo capello nero, ha bisogno di mantenere estrema cura della visione d'insieme per risultare favolosa.


Anche Brigitte Bardot ha fatto un certo cambiamento, ma in realtà non così evidente rispetto ai casi visti prima. Lei è un'Estate Soft Profonda molto neutra, vicina all'Autunno Soft Profondo, che partiva da una capigliatura non scurissima (il biondo scuro cenere che poi ha lasciato naturale dopo i quaranta come si vede a destra) e l'ha schiarita molto. Il biondo, l'acconciatura voluminosa, gli abitini in stile un po' scolaretta, tutto ha contribuito a creare quell'icona di sexy lolita, una po' gattina un po' pantera, che l'ha resa unica. Una donna estremamente bella che ha trovato uno stile tutto suo e ha saputo ben gestirlo senza allontanarsi poi troppo dalla sua stagione armocromatica.

Look ben riusciti anche alcuni di Katy Perry (Estate Assoluta), sempre estremamente curati. A volte, come in questa foto, un colore eccentrico può risultare bellissimo se scelto mantenendo un filo armocromatico.



Mentre il rosso che portò Rihanna qualche anno fa non rendeva giustizia alla sua bellezza perchè stride molto con la softness che contraddistingue la sua stagione (Estate Soft Profonda molto neutra) basta fare un confronto con una foto dove porta il suo castano naturale per accorgersi di come la pelle a confronto risulti spenta e i suoi occhi meno a fuoco.

Tutto questo preambolo serve a spiegare che l'immagine patinata di una diva spesso può essere fuorviante per chi cerca ispirazioni per il proprio look. Da un'immagine non è immediato capire cosa c'è dietro, ovvero le attenzioni dei migliori professionisti e un grosso dispiego di soldi ed energie per ottenere una cura maniacale del proprio look che è parte integrante del lavoro di chi fa spettacolo. E diciamoci la verità, quando si parte da lineamenti perfetti e occhi magnetici come quelli di Katy Perry si vince facile in tanti modi...sarei ipocrita se non riconoscessi che una grande bellezza facilita molto la sperimentazione, non a caso nella moda vengono scelti sempre volti molto puliti e regolari, tele che permettono di giocare e creare ogni volta qualcosa di nuovo ma sempre estetizzante.
Ma nonostante i migliori mezzi e una gran bellezza di partenza assai difficile da intaccare,  alcuni look risultano comunque tutt'altro che riusciti. Lo scopo dell'armocromia è quello di fare scelte mirate e consapevoli, che vi permettono di avere una chioma in armonia con i vostri colori naturali, il che vuol dire che non comporterà lo sforzo di dover essere sempre perfettamente curate, in "tiro" e ben costruite come le dive sopra menzionate, ma di essere belle già con outfit semplici e poco trucco, il tutto con poco impatto sul capello e nel rispetto della sua salute. Il colore migliore è sempre in linea con la nostra tavolozza naturale, il che vuol dire che il nostro colore di base deve essere il punto di partenza fondamentale: una mora mediterranea risulterà innaturale e spenta tinta di rosso, una bionda tinta di nero avrà sempre un aspetto un po' gotico e anche le castane se schiariscono troppo ci perdono un po', rischiando di portare una chioma che risulta "slavata" rispetto a contrasti del suo viso. Tuttavia è spesso possibile fare cambiamenti che migliorano non poco l'aspetto del capello e in generale l'insieme della persona.

INVERNO: PRESERVARE CONTRASTO E PROFONDITA'
Le Inverno, rispetto alle altre stagioni che vedremo, sono decisamente quelle che hanno meno possibilità di cambiare il proprio look perchè molto ben caratterizzate nel contrasto e nella profondità, quindi passare al biondo o al rosso oltre che risultare molto innaturale appare piuttosto penalizzante: il viso perde di forza, di intensità e di luminosità. D'altro canto anche scurire molto è pericoloso, un nero su una castana può risultare pesante e gettare sul viso una patina grigia che invecchia. Una castana può schiarire a sfumature o scurire la massa leggermente, le IP staranno bene facilmente anche con un castano un po' più scuro, le IPS sono invece quelle che più facilmente riescono a portare bene colpi di sole e balayage sul chiaro, ma senza schiarire troppo.




Un caso emblematico è quello di Kim Kardashian, che possiamo qui osservare in una serie di evoluzioni ben esplicative. Kim è di natura mora, i suoi capelli sono di un castano molto scuro e intenso simile a quello della prima foto ed è senza dubbio quello che le dona di più perchè, oltre ad essere in armonia con iride e sopracciglia, è quello che più degli altri sposta il focus sulla lucentezza del suo sguardo e il colorito sano della sua pelle. Nella seconda foto vediamo un castano decisamente più chiaro che non le sta affatto male ma allenta i suoi contrasti, risulta più morbida e delicata ma anche meno magnetica e meno luminosa. Nella terza foto vediamo uno sfumato che va nel biondo e l'evoluzione comincia ad essere un po' penalizzante per il suo viso, il look si salva perchè ha mantenuto un colore abbastanza scuro sulle radici e per circa 15 cm di lunghezze ma nel complesso è troppo chiaro e il suo incarnato si spegne, diventa verdognolo, il viso sembra macchiato, meno riposato e meno giovane. Nell'ultima foto assistiamo ad un disastro color platino, assolutamente in contrasto con le sopracciglia e con l'intensità del suo incarnato, che a confronto prende uno strano colorito pallido (e Kim è tutt'altro che pallida!), i lineamenti sembrano meno tesi, si nota maggiormente la nasolabiale e i tratti appaiono gonfi.

Immagine correlata



Ora passiamo ad un'altra IP, stavolta con la pelle chiara e un contrasto meno marcato. Nonostante Anne Hataway sia ben diversa da Kim Kardashian, anche lei risponde alle colorazione capelli alla stessa maniera: sia il castano chiaro che quello un po' più scuro le stanno molto bene, il primo la rende più morbida e luminosa, il secondo un po' più noir e conturbante. Invece il biondo la rende subito estremamente pallida e innaturale ma anche il nero la penalizza molto, risulta invecchiata, smagrita e appesantita, a dimostrazione che le tinte nere sono complesse anche per le Inverno, specie se partono da una base castana e non particolarmente mora.


Immagine correlataImmagine correlata

Risultati immagini per liv tyler red hairRisultati immagini per liv tyler young

Se per le IP cambiare colore ai propri capelli è complesso, per le IA lo è ancora di più. Alison Brie e Zooey Deschanel sono un esempio chiaro di quanto possa essere profondamente antiestetico il capello schiarito su chi brilla di contrasto. Ah, nonostante una nota vlogger dicesse il contrario, Zooey è castana di natura, non parte bionda e le sue foto risalenti all'infanzia e alla prima adolescenza (come quelle nella sequenza in basso) lo dimostrano.Ancor più deleterio del biondo è il rosso, che va enormemente a contrasto con la gelida tavolozza di chi è fredda assoluta. Liv Tyler da rossa rimane comunque stupenda perchè la sua è una bellezza fuori dal comune, ma perde una parte di sè che la rende speciale e risulta al quanto scialba e giù di tono. Spesso le IA e le IB stanno bene se scuriscono un pochino, quelle che partono da una base molto scura possono sperimentare il nero ma attenzione! meglio procedere per gradi perchè nulla è garantito.

PRIMAVERE: SCHIARIRE E SCALDARE

Per le primavere esistono varie possibilità ma a mio avviso è possibile riassumerle tutte nello schiarire e illuminare la chioma con bagni di colore dorati o in alcuni casi anche ramati.

          Risultati immagini per scarlett johansson Risultati immagini per scarlett johansson

Risultati immagini per blake lively hairImmagine correlata
                                       
Non tutte le Primavere Chiare e Soft sono biondissime e dorate, magari lo erano da bambine ma poi crescendo un po' si sono scurite. Scarlett Johansson era biondo cenere ma sciarendo e scladando la chioma ha acquisito moltissima luminosità, il suo colore naturale non era perfetto per lei e necessitava quanto meno di bagni di colore dorati. Anche Blake Lively in alcune foto rivela una ricrescita biondo cenere scuro, ma è innegabile che il biondo chiaro dorato che porta solitamente le dona veramente molto e che mai dovrebbe cambiarlo. Il suo aspetto da californiana baciata dal sole cozza invece moltissimo con il rosso della foto a destra, che le ingiallisce il viso e le segna un po' troppo i lineamenti.

                      Immagine correlata Immagine correlata
Al contrario, quando l'incarnato è più diafano e trasparente il rosso può risultare molto naturale anche se di natura si parte bionde, specie sulle Primavere Brillanti come Sophie Turner, che con la chioma irlandese acquisisce un pizzico di vivacità in più. Idem per Emma Stone.

                    Immagine correlata  Risultati immagini per amy adams
Il rosso, in tonalità morbide e naturali come il ramato e l'irlandese, è un'ottima scelta anche per le Primavere Assolute, che di solito partono già da sfumature naturali tendenzialmente rossicce e accentuandole acquistano brillantezza, vivacità, brio e freschezza. Se fino ad ora avevamo visto come schiarire sia tendenzialmente positivo, per le Primavere Assolute invece non sempre è una buona idea anzi di solito lo sconsiglierei. Amy Adams da bionda perde moltissimo, è come se il suo volto si svuotasse di colore.

   Immagine correlata Risultati immagini per cameron diaz brunette
Il vero imperativo per una Primavera è non scurire la chioma. Anche un castano può appesantire e rendere il viso meno luminoso, come nel caso di Cameron Diaz.

ESTATE: DELICATE E FRESCHE COME UNA BREZZA
La macrostagione estate, così come quella Autunno che vedremo dopo, a differenza di quelle già esaminate presenta una vasta gamma di tipologie di capelli, che partono dal castano scuro fino al biondo chiarissimo, quindi si possono dare consigli precisi solo basandosi sul soggetto in esame e come questo si colloca nella sua stagione. L'unica indicazione generale che mi sento di dare è quella di ricercare sempre colori che risultano lievi, delicati e dal riflesso tendenzialmente freddo, che "risciaqua" il viso dalle patine conferendogli un tono roseo e vellutato come quello di un petalo.

Immagine correlata Risultati immagini per gigi hadidRisultati immagini per rachel mcadams brunette
Gigi Hadid è un'estate Soft, probabilmente secondo il mio sistema una Estate Soft Profonda di Lato Chiaro/Neutro. Proprio essendo lei molto in bilico come profondità e temperatura, riesce a portare molto bene sia il biondo chiarissimo sia il biondo scuro, sia in varianti più cenere sia più dorate. Stesso discorso per Rachel McAdams.

    Immagine correlata Risultati immagini per olivia wilde
Alcune Estati Soft Profonde e quasti tutte le Estati Assolute sono invece molto più caratterizzate rispetto agli esempi visti prima e perciò, un po' come le Inverno, hanno bisogno di mantenere viva la profondità e un pizzico di contrasto per ottenere luminosità. Un esempio è Olivia Wilde che, a differenza di Rachel McAdams, porta il biondo piuttosto male e fa bene a rimanere del suo colore naturale, al massimo sfumandolo a ciocche.

Risultati immagini per bianca balti Immagine correlata

                           Immagine correlata
Anche le Estati Assolute fanno bene quindi a preservare il contrasto. E' possibile schiarire con risultati discreti solo se si fa attenzione a mantenere un colore molto freddo, un biondo con riflessi sabbia/perla. Il rosso è il più grande tabù, notate come Bianca Baldi s'ingiallisce con il rame della foto in alto.

Per quanto riguarda invece le Estati Chiare e Soft Chiare vale il discorso visto prima per le primavere: mai scurire. Via libera quindi a sfumati, colpi di sole e anche schiariture complete di tutta la massa (ovviamente con criterio e buon gusto), evitare invece l'effetto parrucca con i colori scuri come il nero, il bruno ma anche il castano se la base di partenza è già bionda.

AUTUNNO: SFACCETTARE, ARRICCHIRE, IMPREZIOSIRE.

Anche nella macrostagione Autunno la varietà è tanta da rendere impossibile dare consigli generici.

Immagine correlata Risultati immagini per drew barrymore
                             Risultati immagini per drew barrymore
Drew Berrymore è un esempio di come un soggetto ben bilanciato (ovvero ASP neutro e di profondità media) può a volte spaziare in maniera positiva fra più tipologie di colorazioni. Io ritengo che l'opzione migliore per lei sia mantenere di base il suo colore naturale e poi andarci con sfumature più bionde, ma anche andando sul castano o sul ramato riesce comunque ad ottenere un effetto coerente e fresco.

   Risultati immagini per eva longoria red hair Risultati immagini per eva longoria
Tuttavia le americane per noi italiane non sempre sono una buona fonte d'ispirazione, poiché loro spesso partono da una pelle chiara e pesca che si adatta bene ai cambiamenti (ovviamente senza sforare nell'eccesso), mentre chi risponde più ad un canone mediterraneo dovrà fare i conti con un'incarnato più scuro che non permette di schiarire troppo tutta la massa e anche il rosso risulta innaturale perchè andrà a creare un contrasto con la sfumatura verde dell'incarnato. Notare che infatti Eva Longoria, Autunno Profondo Lato Neutro piuttosto olivastra, con il rosso diventa giallo lime e  perde freschezza e raffinatezza. Quindi sfatiamo questo luogo comune: non tutte le Autunno portano bene il rosso o i riflessi rossi. Le Autunno, rispetto alle Inverno e alle Estati, hanno maggiore necessità di arricchire la capigliatura di riflessi, renderla più tridimensionale, ma per fare questo bastano bagni di colore e maschere glossy che conferiscono giochi di luce cioccolato, bronzo e oro, oppure lavorare con colpi di sole sfumati, non c'è bisogno di spingersi verso il rosso, ovvero un tipo di colore molto lontano dal fototipo medio italiano.

                             Immagine correlata
Per le Autunno Profondo è bene non schiarire troppo il proprio colore di partenza, poichè questo penalizzerebbe i naturali contrasti del viso. Un balayage come quello in alto, giocato tono su tono, può essere un'idea per variare senza sbiadire il viso. In alcuni casi invece può essere consigliabile scurire: mentre le IP sono sempre more, le AP capita che nascano con capelli biondo scuro e una tinta color cioccolato può dare un risalto al viso eccezionale. Un caso famoso è quello di Leighton Meester, bionda di natura ma molto più intensa e vibrante con il castano.

                    Immagine correlata Risultati immagini per leighton meester blonde
Se invece siete opulente e roventi come i fiammeggianti alberi di ottobre, via libera per il rosso. Cinthya Nixon è un Autunno Assoluto che nasce biondo dorato ma con il rosso è divina.

                  Immagine correlataRisultati immagini per cynthia nixon

Dopo questa lunga carrellata ciò che voglio dimostrare è che di solito madre natura non sbaglia, il proprio colore di partenza - relazionandolo poi alla propria stagione e al colore di occhi e incarnato - ci dà indicazioni molto chiare. Questo, come avrete già capito leggendo l'articolo, non vuole affatto dire che il colore naturale secondo l'armocromia non vada toccato ma che bisogna valutare i singoli casi perchè alcuni possono spaziare abbastanza, altri molto meno. Alcuni hanno davvero bisogno di fare un po' di modifiche alla chioma, altre faranno bene a non toccarla. Naturalmente ognuno poi sceglierà in base al suo gusto e al suo stile, ma è certo che chi vuole seguire l'armocromia farà bene a seguire queste nozioni perchè non serve a nulla comprare fard e rossetti in stagione o abbigliamento nei toni della palette se poi i capelli sballano tutto. Chi ha deciso di portare una tinta lontana dai suoi colori dovrà necessariamente bilanciare tutto ciò che indossa in base a questo più che alla sua stagione di partenza: se eri biondissima ma ti sei tinta di nero dovrai intensificare il trucco anche se sei di una stagione chiara, se eri fredda ma ti sei tinta di rosso irlandese i colori freddi ti staranno meno bene. E in ogni caso i cambiamenti vanno ponderati anche in base a questioni schiettamente pratiche: il mio capello regge l'impatto di una decolorazione o ne comprometto la salute? Ho la costanza e la disponibilità economica per occuparmi della manutenzione del nuovo colore? Conosco un parrucchiere veramente bravo, che sia davvero capace di fare esattamente ciò che gli chiedo e con un effetto sano e naturale? Perchè nulla è più brutto di un capello trasandato, sfibrato o in colori riusciti male. Sono solo capelli e in ogni caso ricresceranno, ma riparare ad un danno ai capelli costa tempo e denaro. Prima di fare qualsiasi cosa è bene rifletterci bene.

A presto ^_^
Continua...